(Trento)ore 23:24:00 del 27/01/2018 - Genere: , Denunce, Politica

Tutti si dicono "orgogliosi" di potersi candidare nel loro territorio, chissà come mai per la nostra eroina hanno scelto un posto così distante....se davvero hanno salvato i risparmiatori di quelle zone, il seggio blindato doveva essere quello…

Per le sinistre l'italianità è sempre un disvalore.

In Alto Adige sono sempre state a favore della componente linguistica tedesca chiudendo gli occhi sui rigurgiti pan-germanisti e talora neonazisti.

Sul confine orientale le sinistre sempre pronte a tutelare le minoranze slovene in Italia ma simultaneamente a sputare sul principio di reciprocità quando si trattava del rispetto dei diritti degli italiani di Istria e Dalmazia caduti sotto il governo jugoslavo prima e sloveno e croato poi. La quasi totalità di quedu fu costretta all'esordio. L'accoglienza delle sinistre ai profughi specie a Bologna furono insulti e sputi.

I loro slogan dettati dall'Unità "Non meritano la nostra solidarietà né hanno diritto a rubarci il pane". Il loro bullismo e bieco egoismo verso i profughi (perché di "razza" italiana") ora è diventato accoglienza e buonismo ( ovviamente perché i sedicenti profughi non sono di origine italiana).

Alcuni problemi italici (si parla di lavoro vero).

1) tasse altissime (lo sanno tutti e chi può evade, mi vien quasi da dire che fa bene, ma poi mi pento);

2) Burocrazia indecenrte (il tempo perso per stupidaggini burocratiche costa molto più delle tasse, molto di più);

3) Mancati pagamenti-fallimenti: se rimani dentro un fallimento servono 5 anni e non rientri mai del tutto, anzi......., se il buco è grande, chi li paga gli operai nei 5 anni? Chi li paga i fornitori nei 5 anni? Effetto domino: ne fallisce una e se ne tira dietro altre (fare un "fondo" con copertura immediata? Finisce che il fallito non ti ha pagato, ma l'erario vuole i soldi e fallisci anche tu: spettacolare, vero?). Soluzioni proposte o almeno affrontate? ZERO!!!!!!!! ZERO!!!!!!! (Trasveralmente sono DEI CANI!) Costi dell'energia e spese fisse, manco ne parliamo. La Boschi è un problema perché esiste e esistono quelii che la votano (quello è il problema). Buon 2018! P.S. Dementi.

Matteo Renzi a Bolzano vuole mettere uno dei suoi. E il nome in cima alla lista è quello di Maria Elena Boschi. L’ex ministra delle Riforme, scomparsa da tv e giornali ormai da più di un mese, ha bisogno di un collegio sicuro e possibilmente poco esposto per tornare in Parlamento. L’Alto Adige è il posto perfetto, grazie ai preziosi alleati della Südtiroler Volkspartei (Svp). Così la Boschi è pronta a sfidare Michaela Biancofiore di Forza Italia in una partita già vinta in partenza: grazie agli elettori della Stella alpina in soccorso ai dem, nel 2013 nello stesso collegio di Bolzano Francesco Palermo aveva ottenuto più del 51% delle preferenze. E poco importa se il Pd altoatesino è ancora all’oscuro di tutto, parla di scelte “oligarchiche” e la comunità italiana della Provincia rischia di ritrovarsi senza un rappresentate in Parlamento.

“Saranno gli elettori a decidere se Boschi debba essere riportata in Parlamento oppure no”, diceva Renzi un mese fa a TgCom24. Aveva omesso di specificare che non sarebbe stati quelli aretini, ma quelli tedeschi, sempre pronti a eseguire i diktat del partito di governo in Alto Adige. Il disegno dell’ex premier è già delineato e la Svp approva compiaciuta: si assicura gli altri due collegi uninominali della Provincia (Merano e Bressanone), ha già dato il suo benestare alla candidatura di Gianclaudio Bressa per il Senato ed è pronta a dare una mano a Renzi per portare alla Camera con i suoi voti anche Maria Elena Boschi.

I favori alla Svp – D’altronde in questa legislatura la Svp ha attinto a piene mani dai favori del Pd, come mai in passato. Lo ha ammesso lo stesso Karl Zeller, senatore uscente del partito sudtirolese, che l’ha definita “la più fruttuosa dal 1948″. A Bolzano la Boschi non è quella di Banca Etruria: la riforma costituzionale che portava il suo nome in Provincia aveva ottenuto il 63% dei Sì al referendum del 4 dicembre. Merito di quanto inserito dall’allora ministra nell’articolo 39 del ddl, dove si spiegava chiaramente che la riforma non avrebbe toccato le Autonomie Speciali. Ma Zeller potrebbe anche fare orgoglio della salvaguardia ad hoc delle banche rurali bolzanine, esentate dall’obbligo di aderire a un gruppo nazionale, garantita dal Pd nella legge sul credito cooperativo. Oppure al rinnovo della concessione dell’Autobrennero fino al 2048 alle Province autonome di Trento e Bolzano e alla Regione, con annesso guadagno di circa 8 miliardi di euro lordi. Ma anche alle 20 norme d’attuazione e 4 riforme dello Statuto di autonomia approvate negli ultimi cinque anni. Ora per la Svp è arrivato il momento di rendere il favore, portando in dote la maggioranza dei voti tra gli elettori di lingua tedesca.

Riferimenti Il Fatto

Scritto da Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Kyenge: ecco il partito degli africani. Afroitalian Power Initiative
Kyenge: ecco il partito degli africani. Afroitalian Power Initiative
(Trento)
-

Ci mancava il partito africano in Italia. Perché se non è zuppa è pan bagnato.
Cecile Kyenge, già ministro ed ora europarlamentare in scadenza, ha deciso di...

Assumi italiani a lavorare nei parchi? La Lombardia ti premia, la sinistra grida al razzismo!
Assumi italiani a lavorare nei parchi? La Lombardia ti premia, la sinistra grida al razzismo!
(Trento)
-

Assumi italiani per pulire i parchi? La Lombardia ti premia. E la sinistra grida al razzismo
Comune avvisato, mezzo salvato. Sì, perché la Regione Lombardia ha deciso di...

Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
(Trento)
-

Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra promessa dove scorre latte e miele.
Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra...

Massoneria a Bruxelles! Il dossier segreto sull'UE
Massoneria a Bruxelles! Il dossier segreto sull'UE
(Trento)
-

Aldo A. Mola, storico e saggista, ha pubblicato opere sul Partito d’ Azione, sul Risorgimento, sull’ unificazione nazionale e i suoi protagonisti
  Aldo A. Mola, storico e saggista, ha pubblicato opere sul Partito d’ Azione,...

Lega: condono anche a Imu e Tasi. Emendamento alla manovra
Lega: condono anche a Imu e Tasi. Emendamento alla manovra
(Trento)
-

La Lega mira a estendere la sanatoria contenuta nel decreto fiscale anche alle entrate comunali come Imu, Tasi e imposta sulle insegne
La Lega mira a estendere la sanatoria contenuta nel decreto fiscale anche alle...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati