2018: inizia l'INCUBO per 100mila lavoratori ITALIANI. Leggi e diffondi!

(Verona)ore 22:39:00 del 19/01/2018 - Genere: , Denunce, Economia, Lavoro, Nuove Leggi

2018: inizia l'INCUBO per 100mila lavoratori ITALIANI. Leggi e diffondi!

Un’incertezza che non sembra interessare la politica, non è tema di campagna elettorale e neppure fenomeno sul quale c’è la necessaria attenzione delle istituzioni.

Tempo scaduto. Quasi 100mila lavoratori dipendenti, i “primi” ad essere assunti a gennaio 2015 con contratto a tempo indeterminato per tre anni, tanto per capirci quelli le cui imprese hanno beneficiato della decontribuzione della legge 190/2014, sono in attesa di conoscere il loro destino con l’esaurimento di questo bonus.

Un’incertezza che non sembra interessare la politica, non è tema di campagna elettorale e neppure fenomeno sul quale c’è la necessaria attenzione delle istituzioni.

I nodi vengono al pettine

Facciamo un salto all’indietro. Tre anni fa per molti collaboratori e lavoratori precari si aprirono allora le porte di un lavoro dignitoso e garantito, con il diritto alle ferie, alla tredicesima e il diritto alla copertura sanitaria e all’indennità di malattia. Qualcuno paventò allora che la legge n.140 potesse nascondere un limite grave e sottovalutato dagli stessi addetti osservatori: mentre da una parte assicurava ai datori di lavoro inaspettati risparmi(non necessariamente utilizzati per investimenti e ristrutturazioni aziendali), dall’altra non offriva ai lavoratori assunti alcuna certezza per il futuro, una volta esaurito il triennio 2015/2017.

La legge ebbe un successo  travolgente e un consenso trasversale. Di certo, era diventato molto più conveniente assumere “in regola” che mantenere in vita i vecchi contratti Co.Co. Co. e Co.Pro. di natura  atipica. Specie quando questi ultimi nascondevano veri e propri lavori dipendenti fatti passare per lavori di collaborazione.

Alcuni commentatori preferirono essere più prudenti e suggerirono di aspettare la fine dei tre anni per sapere in modo certo e definitivo se i lavoratori interessati sarebbero stati stabilizzati” al di là della decontribuzione goduta. In attesa di conoscere cosa succederà ai lavoratori alla prossima scadenza dei loro contratti, oggi la realtà vede un dato di fatto indiscutibile: tutti gli imprenditori che hanno assunto lavoratori dal 2015 in poi, con vantaggi anno per anno decrescenti, sono stati “interamente” dispensati dall’obbligo del versamento dei contributi (che qualcuno comunque prima o poi sarà tenuto a pagare!). Unico impegno da rispettare era quello di non licenziare i lavoratori assunti “prima” della scadenza del triennio.

Chi deve controllare?

Ma  in questi tre anni si è fatto qualche passo per verificare che intenzioni hanno le aziendeo se, ancora una volta, avranno solo approfittato dei soldi pubblici per incrementare i loro guadagni?

Le forze politiche e le parti sociali dovrebbero darsi da fare in modo costruttivo e da subito. A meno di non voler permettere  che i lavoratori della legge n. 190/2014, dopo aver avuto “un assaggio” del sacrosanto diritto alla busta paga e aver magari sognato la possibilità di mettere su famiglia, possano poi vedere i loro sogni e le loro speranze infrangersi con un forzato ritorno al lavoro precario o in nero.

Da: QUI

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030 del NWO
I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030 del NWO
(Verona)
-

I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030. I falsi profeti e il mondo dello spettacolo in sostegno del Nuovo Ordine Mondiale
Avete sentito parlare di “obiettivi globali“? Se non ne avete sentito parlare,...

Droga, a Napoli nella piazza di spaccio minorenni usati come pusher e corrieri
Droga, a Napoli nella piazza di spaccio minorenni usati come pusher e corrieri
(Verona)
-

Il blitz nel quartiere di Ponticelli. Coinvolte dodici persone, tutte indagate per traffico e spaccio di droga
Bambini pusher o veri e propri corriere di droga: è questa la scoperta dei...


(Verona)
-


Mozzarella sbiancata con la soda, pesce vecchio rinfrescato con un "lifting"...

Che fine fara' ALITALIA?
Che fine fara' ALITALIA?
(Verona)
-

In queste ore si ritorna a parlare del destino di Alitalia, continua la ricerca di un partner internazionale da affiancare a Ferrovie dello Stato per il salvataggio della compagnia aerea
La cassa di Alitalia è agli sgoccioli e il futuro della compagnia è tuttora...

Meglio avere un LAVORO...o una VITA?
Meglio avere un LAVORO...o una VITA?
(Verona)
-

Ci si abitua a tutto, e forse è proprio questo il nostro più imperdonabile errore… perché non ci si dovrebbe mai abituare a certe cose.
La parola “estate” a 15 anni significava vacanze, mare, andare a dormire tardi...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati