Agnelli SAPEVA dello striscione VERGOGNOSO su Superga: RADIARLO SUBITO!

(Milano)ore 10:13:00 del 02/04/2017 - Genere: , Calcio, Denunce

Agnelli SAPEVA dello striscione VERGOGNOSO su Superga: RADIARLO SUBITO!

Il sito ilnapolista.it (seguito da “La Repubblica” e da “Il Fatto Quotidiano”) ha pubblicato in esclusiva alcuni stralci del documento della procura, e quel che si legge sull’attuale Presidente bianconero, riguardo la vicenda degli striscioni “contro Supe

Il sito ilnapolista.it (seguito da “La Repubblica” e da “Il Fatto Quotidiano”) ha pubblicato in esclusiva alcuni stralci del documento della procura, e quel che si legge sull’attuale Presidente bianconero, riguardo la vicenda degli striscioni “contro Superga” durante il derby 2014, fa girare lo stomaco. Le carte della procura esaminate dal sito napoletano riportano come Andrea Agnelli fosse a conoscenza dell’introduzione all’interno dello Juventus Stadium del tristemente celebre striscione Superga, solo uno schianto”, esposto da una parte di tifosi bianconeri durante il derby del febbraio 2014. Non solo, secondo quanto riportato dalle carte federali, gli striscioni “clandestinamente introdotti, pur nella consapevolezza che la loro esposizione avrebbe comportato una salata ammenda per la Società” furono introdotti, appunto, dal capo della sicurezza della Juventus Alessandro D’Angelo e dal capo ultras Raffaele Bucci, recentemente suicidatosi.

I due introdussero lo striscione all’interno dello stadio per – si legge negli atti –“evitare lo sciopero del tifo ed eventuali ritorsioni nei confronti della propria Società di appartenenza”, con Andrea Agnelli che – come annota il procuratore federale Pecoraro – “era perfettamente a conoscenza dell’introduzione di materiale vietato all’interno dello stadio perché di ciò informato da D’Angelo con il quale risulta intrattenere un rapporto personale di amicizia oltre che rapporti di natura professionale”. Agnelli dunque sapeva, come dimostra per altro la telefonata dello stesso numero 1 bianconero a D’Angelo dopo aver appreso che le telecamere di sicurezza dello Stadium avevano beccato lui e Bucci in flagrante: “Ale (D’Angelo, ndr) sei un ciuccio, ti hanno beccato!”

Ma non solo, Agnelli infatti – sentito dalla procura – incolpa di tutto D’Angelo, ma – come si evince dalle carte e dalle intercettazioni, Agnelli sapeva benissimo dei “compromessi” attuati dal suo amico/dipendente D’Angelo nei confronti della frangia più estrema del tifo bianconero, e non solo non fece nulla per fermarli ma addirittura non allontanò mai queste persone dalla società Juventus. Una storia, dunque, quella svelata dal sito partenopeo, che non lascia troppi spazi ai dubbi e alle perplessità: il Presidente della più ricca e forte squadra italiana sapeva dell’introduzione di striscioni beceri e altamente offensivi all’interno del proprio stadio, con il capo della sicurezza (a quanto pare) incaricato dallo stesso di eseguire l’operazione.

“No a striscioni di tifosi canaglia”, tuonava lo stesso Agnelli davanti alla telecamere dopo quel famoso derby, e arisentire adesso quelle parole, la sensazione è che la figura della canaglia, qui, la stia facendo chi dovrebbe controllare ed assicurarsi che i tifosi presenti nel suo stadio non facessero, appunto, “le canaglie”. Ma quis custodiet ipsos custodes? Chi controlla chi dovrebbe farlo?

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
La faccia TOSTA di PRODI, artista della SVENDITA ITALIANA
La faccia TOSTA di PRODI, artista della SVENDITA ITALIANA
(Milano)
-

Questo è l’uomo che ha oggi la faccia tosta di lanciare un appello (sulle pagine del “Corriere della Sera” di venerdì 5 ottobre) per salvare l’Italia che, parole sue, «rischia di diventare una democrazia illiberale».
Romano Prodi è uno dei massimi artefici della mutazione genetica della sinistra...

Merkel e Macron: Italia RIBELLE? Sara' ESCLUSA dai FONDI UE
Merkel e Macron: Italia RIBELLE? Sara' ESCLUSA dai FONDI UE
(Milano)
-

La Disunione Europea getta la maschera: se l’Italia non rispetta il patto di stabilità, insieme alle regole europee sui conti pubblici, non avrà più diritto ai fondi dell’Unione Europea.
La Disunione Europea getta la maschera: se l’Italia non rispetta il patto di...

Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
(Milano)
-

L'Europa attacca ancora una volta l'Italia. E questa volta, a farne le spese, è il vino.
Dopo lo spumante, la Commissione europea ha dato il via libera alla...

Perche' i nostri risparmi sono in pericolo
Perche' i nostri risparmi sono in pericolo
(Milano)
-

Questa volta il Cigno nero, per quanto potrà apparire incredibile, lo stiamo fabbricando da soli con le nostre mani, anzi per la precisione con le nostre bocche. Apriamo gli occhi e facciamoci sentire. Aiuteremo il cambiamento. Quello vero
Ho scritto questa lettera agli italiani, donne e uomini, madri e padri, ma...

Propagare virus per alimentare il business dei vaccini: L'INCHIESTA SHOCK
Propagare virus per alimentare il business dei vaccini: L'INCHIESTA SHOCK
(Milano)
-

L’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico di virus. L’indagine è stata aperta dalle autorità americane e portata avanti dai carabinieri del Nas.
L’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico di virus. L’indagine è stata...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati