Aiuti i tuoi figli a fare i compiti a casa? Ecco perche' NON dovresti farlo!

(Pescara)ore 07:50:00 del 17/05/2018 - Genere: , Cultura, Curiosità, Sociale

Aiuti i tuoi figli a fare i compiti a casa? Ecco perche' NON dovresti farlo!

Aiutare i figli con i compiti a casa crea problemi di autostima e rallenta lo sviluppo

I compiti a casa possono essere difficili per questo alcuni genitori aiutano i figli completandoli al posto loro: questo comportamento però è controproducente per lo sviluppo dell’autostima dei più piccoli. I bambini troppo aiutati infatti si sviluppano più lentamente e percepiscono un senso di sfiducia da parte dei genitori.

Le mamme che aiutano i figli a fare i compiti a casa, completandoli al posto loro, in realtà stanno minando la capacità dei bambini di essere autonomi e, tra le righe, mandano un segnale negativo: “non credo in te”.

La conferma arriva dai ricercatori della University of Eastern Finland che sulla rivista Learning and Instruction hanno pubblicato il loro studio intitolato “Maternal homework assistance and children’s task-persistent behavior in elementary school”. Ma come è possibile? E come bisogna comportarsi?

C’è modo e modo di aiutare. I ricercatori svedesi hanno scoperto che più i genitori permettono ai loro figli di svolgere i compiti a casa in maniera autonoma, più questi sviluppano competenze, ostinazione e sicurezza in sé stessi.

Diversamente, quando i genitori aiutano i figli concretamente, quindi facendo i compiti al posto loro, in realtà stanno rallentando il loro sviluppo rendendoli più incapaci di completarli da soli: questo circolo vizioso porta allora mamme e papà ad intervenire ancora di più, minando nuovamente la sicurezza dei più piccoli (ovviamente il tutto involontariamente).

Come è possibile. “Una possibile spiegazione è che quando la madre dà al bambino l’opportunità di fare i compiti autonomamente, la madre invia anche un messaggio e cioè che crede nelle competenze e nelle capacità del bambino.

Questo, a sua volta, rende più sicuro il bambino delle sue stesse capacità”, spiega il professore associato Jaana Viljaranta dell’Università della Finlandia orientale. Al contrario quindi, essere troppo presenti e partecipativi, sostituendosi al bambino, manda un segnale negativo e cioè che i genitori non credono nel figlio.

L’importanza dell’autonomia. Rendere autonomi i propri figli, partendo dai compiti, per quanto possa sembrare ‘crudele’ ad alcuni, è in realtà un modo per insegnare loro ad insistere e persistere e a credere in loro stessi: tanto che il rendimento scolastico in questi casi migliora.

Insomma, “sì” ad aiutare sostenendo e spiegando, ma “no” a sostituirsi.

Da: QUI

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Aumentare livelli di DOPAMINA per essere felici!
Aumentare livelli di DOPAMINA per essere felici!
(Pescara)
-

La dopamina risulta essere essenziale e preziosa per una serie di motivazioni che riguardano il nostro benessere
La dopamina è un neurotrasmettitore, responsabile della trasmissione dei segnali...

Sacerdote shock: 'ecco come la religione e' usata per CONTROLLARE LE PERSONE'. VIDEO
Sacerdote shock: 'ecco come la religione e' usata per CONTROLLARE LE PERSONE'. VIDEO
(Pescara)
-

“Il problema non è la fede, ma la religione come organizzazione, che viene usata come mezzo di controllo, per mettere le persone le une contro le altre”
La religione è un argomento controverso, e vorrei premettere in questo articolo...

L'occulto problema dei DISTURBI ALIMENTARI degli italiani
L'occulto problema dei DISTURBI ALIMENTARI degli italiani
(Pescara)
-

Centri insufficienti, mancanza di informazione, burocrazia esasperata: nonostante i dati allarmanti, chi soffre di questi problemi spesso non sa a chi chiedere aiuto per trovare una via d’uscita
Nessuno sa veramente cosa sia un disturbo alimentare finché non lo vive,...

Roma: poesie gratis al BAR, col caffe' e cornetto!
Roma: poesie gratis al BAR, col caffe' e cornetto!
(Pescara)
-

È “Caffè, cornetto e poesia”, l’iniziativa che nasce da un’idea del gruppo di arti performative Grande Come una città, del III municipio della Capitale, deciso a “contagiare” la creatività di chi anima tutti i territori e le città che avranno il piacere d
Inondare la città con la poesia: in occasione della Giornata internazionale...

2 ore nella natura? Ecco come si trasformano i nostri ORMONI e DNA!
2 ore nella natura? Ecco come si trasformano i nostri ORMONI e DNA!
(Pescara)
-

Una passeggiata nella natura oltre a liberarci la mente e mettere in moto il corpo cambia i percorsi neuronaliin modo da migliorare nettamente la nostra salute mentale. Non è un guru a dircelo ma uno studio dell’Università di Stanford.
Steve Jobs è noto per i suoi “meeting camminati” nel parco e lo stesso anche il...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati