Attacchi alla Siria sono LEGALI? Si....PER LE BESTIE!

(Roma)ore 17:34:00 del 20/05/2018 - Genere: , Cronaca, Denunce, Esteri

Attacchi alla Siria sono LEGALI? Si....PER LE BESTIE!

La piena entità dei danni alla pace e alla sicurezza internazionali causati dagli attacchi alla Siria guidati dagli Stati Uniti impiegheranno del tempo per essere chiariti. Ma il suo impatto sul concetto stesso di legalità negli affari internazionali è gi

La piena entità dei danni alla pace e alla sicurezza internazionali causati dagli attacchi alla Siria guidati dagli Stati Uniti impiegheranno del tempo per essere chiariti. Ma il suo impatto sul concetto stesso di legalità negli affari internazionali è già evidente.

In poche parole, la nazione più potente del mondo e i suoi principali satelliti, il Regno Unito e la Francia, hanno gettato lo Stato di Diritto nel cestino. L'unica "legge" ora è la legge della giungla. Non si può tornare indietro.

Ironia della sorte, l'attacco stesso è stato rivendicato dai suoi autori come l'applicazione della legalità, non della sua cancellazione. Ad esempio, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha definito il presunto uso di armi chimiche da parte delle forze siriane "una chiara violazione delle norme e degli accordi internazionali" che "richiede una risposta collettiva ed efficace da parte della comunità internazionale" (1).

Lasciando da parte per un momento la domanda su cosa sia realmente accaduto nella città siriana di Douma, Stoltenberg sa molto bene quale sia il meccanismo per una risposta collettiva da parte della comunità internazionale. È nell’accordo costituente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite "stabilire l'esistenza di qualsiasi minaccia alla pace, alla violazione della pace o all'aggressione" e adottare azioni congiunte militari o non militari per "ristabilire la pace internazionale e la sicurezza” ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite (2). Tale azione è soggetta al veto da parte dei membri permanenti: Stati Uniti, Russia, Cina, Regno Unito e Francia.

Ciò significa che se fosse stato determinato con soddisfazione di tutti e cinque i membri permanenti, e presumibilmente della maggioranza di tutti i paesi rappresentati nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in un dato momento, che si fosse verificata un'aggressione o un'altra minaccia per la pace, un'azione comune, compresa quella di natura militare, potrebbe essere autorizzata. Sotto il sistema delle Nazioni Unite, che è l'attuale legge governativa dell'ordine internazionale, l'autorizzazione da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è l'unica giustificazione per un'azione armata di uno stato o gruppo di stati contro un altro, oltre al "diritto intrinseco del sé individuale o collettivo - di difendersi se si verifica un attacco armato” ai sensi dell'articolo 51 della Carta. Lo sa anche Stoltenberg, dal momento che la NATO, l'organizzazione che dirige, è apparentemente basata sull' “esercizio dei propri membri del diritto all'autodifesa individuale o collettiva, riconosciuta dall'articolo 51” ai sensi dell'articolo 5 del citato Trattato Nord Atlantico (3). Ecco perché le operazioni della Russia e dell'Iran su invito del governo siriano sono legali, ma quelle degli Stati Uniti, della Turchia e di altri paesi non autorizzati da Damasco sono illegali.

In breve, in assenza di consenso nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nessun paese aveva o ha l'autorità legale per attaccare la Siria. Questo è vero anche supponendo che le affermazioni sull'uso di armi chimiche fossero vere. La Convenzione sulle armi chimiche, a cui la Siria ha aderito nel 2013, non si autoalimenta. Nulla concede a nessun altro paese il diritto legale di scatenare un'azione militare contro un altro paese dietro la propria rivendicazione che la convenzione è stata violata.

L'azione militare contro un altro stato che non è né in autodifesa né autorizzato dal Consiglio di sicurezza ha un nome. Si chiama aggressione. Sulla base dell'esperienza amara della seconda guerra mondiale, che ha dato origine alle Nazioni Unite in primo luogo, la Carta delle Nazioni Unite cita "la soppressione degli atti di aggressione" tra i suoi scopi fondamentali nell'articolo 1, come giudicato dalla corte dei crimini di guerra di Norimberga: «Iniziare una guerra di aggressione ... non è solo un crimine internazionale; è il crimine internazionale supremo che differisce solo da altri crimini di guerra in quanto contiene in sé il male accumulato di tutti gli altri. »

Per l'osservatore informato è scioccante vedere come raramente la questione della legalità internazionale si presenti nella discussione politica e mediatica occidentale sulla Siria. Uno potrebbe anche non venire mai a sapere che la Carta delle Nazioni Unite è un trattato vincolante. Quindi, secondo la legge americana, è la legge del territorio alla pari degli statuti federali. I suoi requisiti non sono opzionali.

Ma negli Stati Uniti a nessuno importa. Siamo la legge per noi stessi. Anche l'applicazione del diritto nazionale statunitense è appena appena menzionata (4), tranne per notare che il requisito costituzionale per l'autorizzazione del Congresso è una lettera morta e i presidenti fanno ciò che vogliono.

Non può essere sottolineato abbastanza: il divieto ad una nazione di commettere un'aggressione contro un’altra si applicherebbe anche se il paese designato fosse coinvolta in crimini orribili. Tali crimini includevano l'orribile guerra dell'Arabia Saudita contro i civili nello Yemen, favorita proprio dagli stessi governi che si pavoneggiavano sulle loro credenziali morali rispetto alla Siria.

In ogni caso, chiunque abbia una serie di occhi e orecchie e una capacità di pensare da solo può avere pochi dubbi sul fatto che i siriani non abbiano usato armi chimiche a Douma. Questo è evidente nella fretta dei paesi che attaccano la Siria, proprio mentre una squadra dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW) era arrivata in Siria e presto sarebbe stata in grado di gettare luce su ciò che era effettivamente accaduto. Cosa temevano Washington, Londra e Parigi sarebbe venuto alla luce?

Nei prossimi giorni vedremo cosa faranno l'OPCW e gli altri investigatori indipendenti a Douma, così come negli altri bersagli colpiti come presunti siti di armi chimiche. Si spera che tali indagini siano esenti dallo slittamento politicizzato del "Joint Investigative Mechanism" (JIM), che la Russia ha criticato per il suo affidamento su "fatti raccolti in modo selettivo e racconti forniti da fonti di parte" (5).

L'arrogazione da parte dei governi occidentali del diritto di attaccare altri paesi in assenza di autorità legale basata esclusivamente sulla propria asserzione soggettiva di fatto serve come incentivo a fabbricare le circostanze necessarie per "giustificare" le loro azioni. È anche un invito aperto alle false dichiarazioni dei governi interessati e agli attacchi falsi-flag dei combattenti. Possiamo essere certi che Douma non sarà l'ultima accusa di uso di armi chimiche dato che le potenze estere continuano i loro sforzi per prolungare la guerra siriana ed ostacolare il recupero del territorio da parte del governo dai jihadisti appoggiati dall'estero - il cui possesso e uso di armi chimiche è stabilito. (6)

Sfortunatamente, quelle accuse non saranno fatte all'interno di un quadro legale ordinato che sia in grado di investigarle obiettivamente e decidere autorevolmente su una risposta appropriata. Quella struttura, che si stava già disgregando sotto gli assalti illegali dei governi occidentali in Jugoslavia, Iraq, Libia e altrove, è stata completamente distrutta in Siria. C'è poca prospettiva che possa essere ricostruita.

Da: QUI

Scritto da Samuele

ALTRE NOTIZIE
Arriva microchip sotto pelle per timbrare il cartellino
Arriva microchip sotto pelle per timbrare il cartellino
(Roma)
-

Presto non ci sarà più bisogno di timbrare il cartellino. Basterà infatti un microchip inserito sotto la pelle, per accedere alla propria sede di lavoro.
Presto non ci sarà più bisogno di timbrare il cartellino. Basterà infatti un...

Roberto Saviano: In 10 anni guadagnai per 13 milioni di euro
Roberto Saviano: In 10 anni guadagnai per 13 milioni di euro
(Roma)
-

L'inchiesta giornalistica di Panorama su Roberto Saviano: l'autore di Gomorra ai raggi x, dagli incassi fino alla scorta
Roberto Saviano, scrittore simbolo, ai raggi x. Gli incassi, le relazioni, le...

Macron fallira' (come RENZI)
Macron fallira' (come RENZI)
(Roma)
-

Nel maggio del 2017, il trentanovenne Emmanuel Macron è stato eletto Presidente Francese con un largo consenso del 62%.
L’illustre professore Ashoka Mody su The Independent conferma nel caso di...

Smartphone e social dipendenti: come NON siamo piu' essere umani
Smartphone e social dipendenti: come NON siamo piu' essere umani
(Roma)
-

Smartphones, social e tutto il resto. La fine dell’umanità così come è sempre stata.
Ho sempre avuto una istintiva repulsione, o come minimo diffidenza, nei...

Tentano di BRUCIARE la casa del giornalista REPORT che ha INDAGATO SULLA JUVE
Tentano di BRUCIARE la casa del giornalista REPORT che ha INDAGATO SULLA JUVE
(Roma)
-

Ignoti hanno disegnato una croce rossa sul muro della sua abitazione, per poi cospargere di benzina il pianerottolo: provvidenziale l’abbaiare di un cane, che ha “sventato” il tentativo di intimidazione, avvenuto nella notte attorno alle quattro e mezzo.
Ignoti hanno disegnato una croce rossa sul muro della sua abitazione, per poi...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati