Boldrini, campagna elettorale CON I TUOI SOLDI!

(Bologna)ore 23:05:00 del 19/11/2017 - Genere: , Denunce, Politica

Boldrini, campagna elettorale CON I TUOI SOLDI!

Quanto è invecchiata in questi ultimi anni,e non è vero come diceva Andreotti che il potere logora chi non ce l'ha,è vero al contrario......

E meno male che da poco in area PD si è "deciso" di aprire a sinistra per trovare un intesa di coalizione, altrimenti vinceranno le destre. Si è capito quali sono le vere intenzioni. Basta leggere gli dichiarazioni di Rosato, Orlando e Richetti. Un attacco a DUE gambe tese per spaccare le ossa a chiunque si trovi sulla loro traiettoria. Auguri a Berlusconi, Salvini e Meloni per il prossimo governo italiano.

Da mesi, la presidente della Camera sta alacremente lavorando per organizzare l'appuntamento - in occasione della Giornata mondiale contro la violenza - e col passare del tempo l'affare si è ingrossato: se ad ottobre, intervenendo ad «Un giorno da pecora», Boldrini aveva annunciato 600 partecipanti, ora si parla del doppio: 1200 invitate. Tanto che, visto che l'aula di Montecitorio non basta a contenerle, si attrezzeranno una serie di sale con maxi-schermi perché tutte le partecipanti possano seguire in diretta l'evento.

Con una spesa non indifferente per la Camera dei deputati, visto che alle associazioni coinvolte (dalla rete dei Centri antiviolenza al Telefono rosa alle organizzazioni femminili dei sindacati a molte altre sigle), cui è stato chiesto di fornire ciascuna un elenco di partecipanti, è stato promesso il rimborso delle spese sostenute per portarle a Roma. La cifra ipotizzata al tavolo organizzativo è di 50 euro a testa, ma c'è chi fa notare che spostarsi dalla Sicilia o da Bolzano costerà assai di più. In ogni caso, agli enti coinvolti è stato chiesto di presentare il conto finale al Banco di Napoli della Camera.

Col crescere dei numeri sono cresciuti però anche i malumori. Anche perché nel frattempo la presidente della Camera si è buttata nell'arena politica e - al pari del suo alter ego (come direbbe Gigino Di Maio) del Senato, Pietro Grasso, che infatti descrivono infuriato per l'inaspettata concorrenza - ha lanciato la propria candidatura alla leadership della impalpabile sinistra italica. Insomma, in molte delle associazioni e personalità chiamate a raccolta dalla Boldrini si è insinuato un dubbio, che per alcuni è una certezza: «L'evento del 25 novembre serve chiaramente alla Boldrini per inaugurare la sua campagna elettorale», dicono senza giri di parole.

Ma non è l'unico elemento che alimenta il malumore attorno all'appuntamento. Al tavolo organizzativo si sono levate molte obiezioni anche sull'impianto e la scaletta dell'evento: a decidere chi parlerà è stata la stessa Boldrini: la mamma di una ragazza suicida per un video dato in pasto al web, la mamma di una ragazza sfregiata dal fidanzato, e poi lei medesima. «Ha scelto storie tragiche, senza dubbio casi tragici e da denunciare. Ma messa così sembra una sorta di fiera del vittimismo. Invece molte di noi avevano chiesto che venisse data voce anche a donne che ce l'hanno fatta, a storie di riscatto e di successo». Ma niente da fare: la regia è rimasta in mano alla Boldrini che - lamenta chi ha seguito le trattative- «ha costruito tutto l'evento attorno a sé medesima». Con un taglio che non piace neppure a molte figure storiche del femminismo italiano. «Non amo nessun genere di kermesse sulla violenza contro le donne, che certo va denunciata pubblicamente ma non fatta oggetto di esibizione - dice Marina Terragni - Avrei gradito di più se la Boldrini avesse celebrato la giornata del 25 novembre passandola in uno dei Centri antiviolenza dove si affronta concretamente il problema, anzichè organizzando un evento da riflettori».

Intanto, nella sua veste di aspirante leader politica, ieri Laura Boldrini ha incontrato Piero Fassino, cui il segretario del Pd Renzi ha affidato l'ingrato compito di consultare capi e capetti delle formazioni a sinistra dei Dem per capire chi sia disponibile ad un'alleanza. E il suo ufficio stampa fa sapere che la presidente ha «posto con forza alcuni temi»: lavoro, immigrazione, diritti. Manca solo la pace nel mondo.

Da: QUI

Scritto da Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Manager svela il marcio negli alimenti!
Manager svela il marcio negli alimenti!
(Bologna)
-

Christophe Brusset, un manager che ha lavorato per anni nelle principali multinazionali del cibo svela il marcio nascosto nei prodotti del supermercato.
Christophe Brusset, un manager che ha lavorato per anni nelle principali...

Italia DISCARICA D'EUROPA: sul Lago Maggiore secondo deposito SCORIE NUCLEARI UE
Italia DISCARICA D'EUROPA: sul Lago Maggiore secondo deposito SCORIE NUCLEARI UE
(Bologna)
-

Mentre l’Italia in anni di tentativi non riesce a decidersi sul deposito per i rifiuti nucleari ora dispersi in una ventina di stoccaggi atomici dal Piemonte alla Sicilia, la Commissione Ue ha costruito — ed è pronto, vuoto, tirato a lucido e profumato di
Mentre l’Italia in anni di tentativi non riesce a decidersi sul deposito per i...

L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
(Bologna)
-

L’esercizio finanziario riferito alla stagione 2017/2018 risente della campagna acquisti dello scorso anno, anche se i ricavi sono in aumento.
Deficit in crescita rispetto allo scorso anno Il Milan ha pubblicato il...

Il potere ha paura della SPIRITUALITA', la fede rende un popolo piU' coraggioso e meno manipolabile
Il potere ha paura della SPIRITUALITA', la fede rende un popolo piU' coraggioso e meno manipolabile
(Bologna)
-

La spiritualità mette in crisi il sistema basato sul dominio, per questo è stata così accanitamente combattuta, anche dalla religione stessa….
Oppio dei popoli? Sì, quando la religione “perde l’anima” e si trasforma in...

Come Coca Cola, Pepsi e Nestle' inquinano il pianeta: ecco come
Come Coca Cola, Pepsi e Nestle' inquinano il pianeta: ecco come
(Bologna)
-

Appartengono a Coca-Cola, Pepsi e Nestlé la maggior parte dei contenitori e imballaggi usa e getta identificati nel corso di 239 attività di pulizia e catalogazione dei rifiuti – brand audit – condotti in 42 Paesi e sei continenti da Break Free From Plast
Appartengono a Coca-Cola, Pepsi e Nestlé la maggior parte dei contenitori e...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati