Boschi, fattene una ragione!

(Reggio Emilia)ore 10:21:00 del 22/09/2016 - Genere: Denunce, Politica

Boschi, fattene una ragione!

Dopo un estate di battibecchi a distanza, è andato in scena sul palco della festa dell’Unità di Bologna l’atteso confronto tra premier e associazione partigiani – da sempre schierata per il “no” – sul tema del referendum.

 

Dopo un estate di battibecchi a distanza, è andato in scena sul palco della festa dell’Unità di Bologna l’atteso confronto tra premier e associazione partigiani – da sempre schierata per il “no” – sul tema del referendum.

“Si può votare sì, si può votare no. Ma dire che è in gioco la democrazia è una presa in giro per il popolo italiano”, ha replicato Matteo Renzi, “Il nostro è un Paese con un eccesso politici e poca politica, soprattutto negli ultimi anni. Il bicameralismo paritario non esiste in nessun altro Paese e non lo volevano né Dc né Pc”.

“È l’occasione per dare un esempio di civiltà. Per un confronto senza toni esasperati”, ha spiegato il presidente nazionale dell’Anpi, Carlo Smuraglia attaccando però duramente l’operato del governo: “Secondo noi sarebbe un danno per il Paese se passasse questa riforma, non abbiamo altro obiettivo che difendere la Costituzione da quello che riteniamo un suo stravolgimento. Il governo cade quando non ha la fiducia del Parlamento non quando lo decide un’associazione”, ha esordito Smuraglia, “Quello che si doveva e voleva, cioè aggiustare questo ping pong tra Camere, si poteva fare in una settimana. Invece si sono persi due anni per fare, io ritengo, una riforma fatta male”.

Chiara Sarra

Il segretario del Pd ha poi ribadito la sua disponibilità a cambiare l’Italicum: “Il Pd è davvero pronto a discutere”, ha spiegato, “Come? Può esserci un modello diverso ma voglio vedere le carte. Mi riferisco a Sel, Fi, M5S, Lega: se avete delle proposte su cui siete disposti a discutere noi ci siamo. Per fare una riforma costituzionale non è che ci vuole una settimana, come ha detto Smuraglia. Noi ci abbiamo messo due anni e mezzo facendo di corsa”

Immancabili anche stavolta le contestazioni a Renzi. Ma a chi gli urla “vai a casa” il premier risponde: “Le segnalo che c’è una procedura molto semplice per mandarmi a casa. Ci vado anche volentieri, non oggi che devo andare a Bratislava. Finché c’è la fiducia del Parlamento io rimango a servire il mio Paese con buona pace sua e di chi interrompe il dibattito”

A Bologna il confronto tra premier e associazione partigiani – ANPI – in vista del referendum costituzionale

 

L’ Anpi affossa Renzi: “Così si stravolge Costituzione” …Cara Boschi, fattene una ragione: i veri Partigiani vi mandano affanculo!!

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
Un mondo senza carceri - di Beppe Grillo
Un mondo senza carceri - di Beppe Grillo
(Reggio Emilia)
-

Il sistema punitivo che stiamo adottando è antico come il mondo, ma soprattutto non funziona.
Il sistema punitivo che stiamo adottando è antico come il mondo, ma soprattutto...

Pagamenti inferiori alla busta paga? Ecco cosa rischia il datore di lavoro
Pagamenti inferiori alla busta paga? Ecco cosa rischia il datore di lavoro
(Reggio Emilia)
-

Il datore di lavoro che costringe i dipendenti ad accettare pagamenti inferiori in busta paga, è punibile per estorsione e autoriciclaggio
Il datore di lavoro che costringe i dipendenti ad accettare pagamenti inferiori...

Gabanelli SHOCK sulla Rai: 'STIPENDI MOSTRUOSI A VITA SENZA FARE NULLA!'
Gabanelli SHOCK sulla Rai: 'STIPENDI MOSTRUOSI A VITA SENZA FARE NULLA!'
(Reggio Emilia)
-

Svincolata dai partiti, doveva decollare tre anni fa. Invece la più grande azienda culturale del Paese è rimasta nel parcheggio, invischiata nelle clientele e nelle inefficenze di sempre.
Svincolata dai partiti, doveva decollare tre anni fa. Invece la più grande...

Nestle': storia di una multinazionale da incubo
Nestle': storia di una multinazionale da incubo
(Reggio Emilia)
-

La Nestlè è vita, la nostra vita, perche noi potremmo tranquillamente vivere dei loro prodotti. Infatti questa multinazionale svizzera ha un regime quasi di monopolio nel mercato mondiale.
La Nestlè è vita, la nostra vita, perche noi potremmo tranquillamente vivere dei...

MIGRANTI: la Germania spende 35 euro, come l'Italia. Ma con quei soldi li forma al lavoro.
MIGRANTI: la Germania spende 35 euro, come l'Italia. Ma con quei soldi li forma al lavoro.
(Reggio Emilia)
-

L’80% dei richiedenti asilo italiani vive nei Cas, dove ci sono meno probabilità statistiche di ricevere formazione e le diarie sono intorno ai 30 euro.
Corsi di lingua, ma anche lezioni su usi e costumi del Paese, tre pasti,...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati