Cardinale africano con MILIONI in Svizzera: come mai il Papa non fa niente???

(Campobasso)ore 11:21:00 del 25/06/2017 - Genere: , Denunce, Editoria, Sociale

Cardinale africano con MILIONI in Svizzera: come mai il Papa non fa niente???

L'Africa ha avuto ed ha la sua dose di tiranni con milioni all'estero, ultimo in data il tunisino Ben Ali che sembra abbia sistemato i fatti suoi e della moglie (famiglia Trivulsi) monopolisti per trentanni di tutte le attività remunerative esistenti in T

L'Africa ha avuto ed ha la sua dose di tiranni con milioni all'estero, ultimo in data il tunisino Ben Ali che sembra abbia sistemato i fatti suoi e della moglie (famiglia Trivulsi) monopolisti per trentanni di tutte le attività remunerative esistenti in Tunisia.

Ora apprendiamo che, uno dei paesi piu' poveri dell'Africa sub-Sahariana subisce il dissanguamento non solo de governo, ma anche dei preti . Allegria !

Una domanda ovvia: perchè quei soldi non li ha utilizzati in Mali per aiutare la popolazione? Di questi scandali ce ne sono moltissimi in Africa, ma anche in Italia; ma tutto passa nel silenzio più assoluto...Se accumulano tante ricchezze, significa che questi cardinali e vescovi si sono convinti che non esiste nessun dio che valga la pena rinunciare per perdere i vantaggi che la chiesa offre ai suoi prelati...tutti rimangono al loro posto per continuare a ingrassare! Questi sono coloro che tradiscono con i fatti e le parole il fondatore Gesù....ed è sempre stato così !

In queste ore sta esplodendo la vicenda del primo Revisore generale dei conti del Vaticano, Libero Milone – esperto finanziario di esperienza internazionale, ex presidente ed ex amministratore delegato della società Deloitte – che si è dimesso con largo anticipo per essersi scontrato con l’Apsa, l’ “Amministrazione Patrimonio Sede Apostolica”, già finita nel mirino all’epoca di Vatileaks2. Nel 2015, infatti, l’agenzia Reuters aveva pubblicato la notizia che – contrariamente ad ogni logica e regola – il finanziere Giampietro Nattino possedeva conti cifrati presso l’Apsa e se n’era servito per trasferire due milioni di euro in Svizzera.

Ora si profila all’orizzonte un altro incidente, che investe le scelte dirette del Papa. Il mese scorso Francesco ha annunciato la creazione di cinque nuovi cardinali. Fra i prescelti l’arcivescovo di Bamako, Jean Zerbo, personalità conosciuta per il suo impegno per portare la pace in una paese straziato da una guerra civile e dalle violenze dei terroristi jihadisti.

Scritto da Sasha

ALTRE NOTIZIE
Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
(Campobasso)
-

Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea con la prospettiva dell’apertura della procedura d’infrazione contro l’Italia per deficit eccessivo, da più parti ci si chiede quale strada percorrere.
Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea...

Che fine ha fatto l'Isis?
Che fine ha fatto l'Isis?
(Campobasso)
-

L’attenzione dei media, italiani e non, sull’Isis è scemata notevolmente. Qual è oggi lo scenario nella vasta zona che ha visto in questi anni il dominio del Califfato?
Per anni ha occupato le prime pagine di tutti i quotidiani nazionali ed...

Gillet gialli? Non solo il caro benzina! Ecco 41 motivi della protesta
Gillet gialli? Non solo il caro benzina! Ecco 41 motivi della protesta
(Campobasso)
-

Ecco le rivendicazioni complete dei gilet gialli, (censurate da tutti i media), così come loro le hanno rese pubbliche di modo che ognuno possa farsi la propria idea.
Ecco le rivendicazioni complete dei gilet gialli, (censurate da tutti i media),...

Francia, i gillet gialli VINCONO LA BATTAGLIA. Aumento del carburante SOSPESO
Francia, i gillet gialli VINCONO LA BATTAGLIA. Aumento del carburante SOSPESO
(Campobasso)
-

Il primo ministro francese Edouard Philippe annuncerà una moratoria sull’aumento delle tasse sui carburanti
Il primo ministro francese Edouard Philippe, secondo fonti governative, è pronto...

Il Quirinale guida il governo verso la resa all'Ue
Il Quirinale guida il governo verso la resa all'Ue
(Campobasso)
-

Il rischio di recessione dipende da una contrazione della domanda globale che ha colpito l’export e da una crisi di fiducia sull’Italia che ha ridotto gli investimenti esterni e interni quando il governo ha esplicitato una linea de-sviluppista e assistenz
Il rischio di recessione dipende da una contrazione della domanda globale che ha...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati