Casini brinda alla 10ima legislatura: E IO PAGO!

(Roma)ore 16:26:00 del 17/03/2018 - Genere: , Denunce, Politica

Casini brinda alla 10ima legislatura: E IO PAGO!

Roma Tra i tanti meriti che non si può fare a meno di riconoscere a Matteo Renzi c'è anche quello di aver dato al paradosso nuove sfumature, nuovi colori, nuovi accenti.

Roma Tra i tanti meriti che non si può fare a meno di riconoscere a Matteo Renzi c'è anche quello di aver dato al paradosso nuove sfumature, nuovi colori, nuovi accenti.

Il giovanissimo Rottamatore della politica, il toscanaccio che ha spodestato la vecchia dirigenza del Pd con uno starnuto, è riuscito nell'impresa paradossale di riportare in Parlamento i rottamati.

Perché se si va a spulciare l'elenco degli eletti saltano subito agli occhi i nomi di Piero Fassino, Bruno Tabacci, Emma Bonino e soprattutto di Pier Ferdinando Casini. Questi potrebbe tranquillamente essere considerato un veterano. Anzi, le statistiche dicono che è suo il primato di longevità parlamentare. E non potrebbe essere altrimenti visto che ha fatto da pontiere tra la prima e la seconda Repubblica, sostituendo, nel tempo, la tessera della Democrazia Cristiana con un'ormai troppo lunga teoria di tessere di partiti che, pur cambiando nomi e simboli, a quella esperienza si sono sempre ispirati.

Casini insomma sarebbe il rottamato per eccellenza, almeno secondo la «narrazione» renziana. Al Nazareno, però, hanno deciso di piazzarlo in un collegio blindato. E così a trentacinque anni dal suo debutto a Montecitorio, Casini torna. Siederà, è vero, tra gli scranni di Palazzo Madama, ma il risultato non cambia. Il suo primato dimostra, comunque, che «rottamare» è diventata una parola piuttosto ambigua.

Per Casini quella che si apre adesso è la decima legislatura. Un record davvero invidiabile. A due lunghezze di distanza troviamo un nutrito gruppetto di professionisti della politica. A iniziare da Elio Vito. Anche lui un veterano. Questa è la sua ottava volta. Ha iniziato a frequentare i banchi di Montecitorio nel 1992 quando fu eletto tra le file del Partito radicale. Era il primo parlamento, dal 1946, senza il Partito comunista, e l'ultimo con la Democrazia Cristiana. Insomma, anche Vito può essere arruolato nel drappello dei pontieri tra la prima e la seconda Repubblica. Dal 1994 milita nel gruppo parlamentare di Forza Italia. Ed è proprio in questo partito che troviamo una buona presenza di veterani. Sempre nel 1992 sono poi entrati in parlamento anche Emma Bonino, Umberto Bossi (il primo senatur leghista, a Palazzo Madama già nel lontano 1987), Maurizio Gasparri (eletto dapprincipio con il simbolo della fiamma del Movimento sociale nel '92), Roberto Calderoli e Ignazio La Russa.

Un gruppo molto numeroso di deputati invece è pronto a iniziare la sesta legislatura. Una squadra di cui fanno parte Valentina Aprea (Forza Italia), Alessio Butti (Fratelli d'Italia), Giancarlo Giorgetti (Lega), Gianfranco Rotondi (Forza Italia), Paolo Russo (Forza Italia) e Bruno Tabacci (+Europa), quello del beau geste: il cattolico che ha permesso alla radicale Bonino di candidarsi sotto il suo simbolo.

Alla squadra della sesta legislatura vanno poi aggiunti anche Piero Fassino e Barbara Pollastrini, due dirigenti del Partito democratico provenienti dal vecchio Partito comunista. Per loro, ovviamente, il Rottamatore toscano ha concesso la deroga al vincolo dei tre mandati stabiliti dall'articolo 21 dello Statuto del partito. Una deroga che per la verità ha permesso anche ad altri esponenti del partito (a iniziare dal premier Gentiloni e dai minsitri Dario Franceschini e Marco Minniti) di tornare in parlamento.

Da: QUI

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
(Roma)
-

Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea con la prospettiva dell’apertura della procedura d’infrazione contro l’Italia per deficit eccessivo, da più parti ci si chiede quale strada percorrere.
Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea...

Che fine ha fatto l'Isis?
Che fine ha fatto l'Isis?
(Roma)
-

L’attenzione dei media, italiani e non, sull’Isis è scemata notevolmente. Qual è oggi lo scenario nella vasta zona che ha visto in questi anni il dominio del Califfato?
Per anni ha occupato le prime pagine di tutti i quotidiani nazionali ed...

Gillet gialli? Non solo il caro benzina! Ecco 41 motivi della protesta
Gillet gialli? Non solo il caro benzina! Ecco 41 motivi della protesta
(Roma)
-

Ecco le rivendicazioni complete dei gilet gialli, (censurate da tutti i media), così come loro le hanno rese pubbliche di modo che ognuno possa farsi la propria idea.
Ecco le rivendicazioni complete dei gilet gialli, (censurate da tutti i media),...

Francia, i gillet gialli VINCONO LA BATTAGLIA. Aumento del carburante SOSPESO
Francia, i gillet gialli VINCONO LA BATTAGLIA. Aumento del carburante SOSPESO
(Roma)
-

Il primo ministro francese Edouard Philippe annuncerà una moratoria sull’aumento delle tasse sui carburanti
Il primo ministro francese Edouard Philippe, secondo fonti governative, è pronto...

Il Quirinale guida il governo verso la resa all'Ue
Il Quirinale guida il governo verso la resa all'Ue
(Roma)
-

Il rischio di recessione dipende da una contrazione della domanda globale che ha colpito l’export e da una crisi di fiducia sull’Italia che ha ridotto gli investimenti esterni e interni quando il governo ha esplicitato una linea de-sviluppista e assistenz
Il rischio di recessione dipende da una contrazione della domanda globale che ha...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati