CASO NDRANGHETA nella rottura tra AGNELLI e MAROTTA

(Milano)ore 20:18:00 del 03/10/2018 - Genere: , Calcio, Cronaca

CASO NDRANGHETA nella rottura tra AGNELLI e MAROTTA

La Verità ricorda che Marotta non fu mai sfiorato dall’inchiesta. Report svelerà che fu lui a far avere al figlio di un boss i biglietti di Juventus-Real Madrid

Report ha cominciato a pubblicizzare la puntata sui rapporti tra la Juventus e la ‘ndrangheta. Sul Napolista ne avete letto come da nessun altra parte. Digitate ndrangheta nel nostro motore di ricerca, potrete leggere per ore. L’inchiesta, però, è finita. E pure il processo. Si attendono solo le motivazioni dell’Appello con cui – scrive il Corriere della Sera oggi si potrà capire “se davvero Germani fu l’anello di contatto tra criminalità e Juve. Perché poi, con l’ingresso di Dominello nel mondo del tifo – secondo la Mobile di Torino – la ’ndrangheta avrebbe intrecciato un rapporto «diretto» con la società”.

L’aggressione a Calvo

L’articolo più interessante di oggi è quello firmato Gigi Moncalvo su La Verità. Che tra i motivi della rottura tra Marotta e Agnelli inserisce anche la gestione delle curve. Moncalvo ricorda che quando gli avvocati riuscirono a far incontrare Agnelli e Francesco Calvo (l’ex manager Juve la cui moglie è poi diventata la compagna di Agnelli), il presidente della Juventus lo aggredì: «Lo vuoi capire che io non ti voglio più vedere. Tu devi scomparire, te lo ripeto: scomparire».

Marotta non fu sfiorato dal processo

Scrive Moncalvo:

Quella vicenda, dal punto di vista della giustizia sportiva, fu un altro degli episodi rivelatori per far capire a Marotta che era entrato nel cono d’ombra. Aveva ancora Yaki che lo proteggeva, ma capì benissimo che Andrea si era messo in testa brutte cose su di lui per colpa di quell’inchiesta. Quando si iniziano le indagini, in genere si parte da chi gestisce quella società. Invece Marotta, protetto da Elkann in persona, non venne neanche chiamato da Pecoraro, non venne sfiorato da quello scandalo, non fu deferito né processato.

I biglietti di Juve-Real al figlio di un boss

E ancora: “Durante la propria deposizione, Agnelli, rispondendo indignato a una domanda del procuratore federale, disse. «Chiedete a Marotta». Le belle parole che in queste ore parlano di «rinnovamento» nascondono qualcosa di più simile a un regolamento interno di conti. E gli scheletri stanno uscendo dagli armadi: la prossima puntata di Report, ad esempio, dovrebbe svelare come i biglietti di Juventus-Real Madrid dell’ottobre 2013 siano arrivati al figlio di un boss proprio grazie a Marotta”.

Da: QUI

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
Francia, i gillet gialli VINCONO LA BATTAGLIA. Aumento del carburante SOSPESO
Francia, i gillet gialli VINCONO LA BATTAGLIA. Aumento del carburante SOSPESO
(Milano)
-

Il primo ministro francese Edouard Philippe annuncerà una moratoria sull’aumento delle tasse sui carburanti
Il primo ministro francese Edouard Philippe, secondo fonti governative, è pronto...

Orrore al Campo Rom di Foggia: bimbi venduti per 28mila euro
Orrore al Campo Rom di Foggia: bimbi venduti per 28mila euro
(Milano)
-

Prostituzione minorile e bimbi venduti per 28 mila euro. L’orrore nel campo rom di Foggia
Non c’è fine al disagio che le “risorse” già presenti sul nostro territorio...

Il SISTEMA Ferrero: truffa, fatture false e autoriciclaggio
Il SISTEMA Ferrero: truffa, fatture false e autoriciclaggio
(Milano)
-

L'Espresso nel 2017 aveva svelato la galassia di interessi dell'imprenditore romano. A cui oggi la Guardia di Finanza ha sequestrato i beni per 2,6 milioni di euro
I pm di Roma hanno indagato il patron della Sampdoria e altre cinque persone. La...

Mafia, arrestato Settimino Mineo: era l'erede di Toto Riina
Mafia, arrestato Settimino Mineo: era l'erede di Toto Riina
(Milano)
-

Già condannato a 5 anni al maxi processo istruito da Giovanni Falcone, fu riarrestato 12 anni fa per poi tornare in libertà dopo una condanna a 11 anni.
Da questa mattina è in atto un vero e proprio terremoto che distrugge i vertici...

Nigeria: piu' di 600 cristiani MASSACRATI in solo 8 mesi. E NESSUNO FA NULLA
Nigeria: piu' di 600 cristiani MASSACRATI in solo 8 mesi. E NESSUNO FA NULLA
(Milano)
-

Da marzo a ottobre sono state distrutte 30 chiese, rase al suolo 4.436 case, mentre 38 mila cristiani vivono in 10 campi per sfollati. Vescovo anglicano di Jos: «Viviamo nel terrore. I musulmani ci uccidono»
Almeno 646 cristiani sono stati massacrati solo tra marzo e ottobre nel 2018, e...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati