Cicli, porte e capitoli: la vita si vive guardando avanti

(Avellino)ore 20:31:00 del 10/01/2019 - Genere: , Curiosità, Scienze, Sociale

Cicli, porte e capitoli: la vita si vive guardando avanti

Le cose non vanno sempre come ci si aspetta. Ci sono momenti in cui sentiamo di essere alla ricerca di un qualcosa che non fa per noi, bussando a porte che non si aprono e restando in attesa di miracoli che non avverranno mai.

Le cose non vanno sempre come ci si aspetta. Ci sono momenti in cui sentiamo di essere alla ricerca di un qualcosa che non fa per noi, bussando a porte che non si aprono e restando in attesa di miracoli che non avverranno mai.

Bisogna capire sempre quando si raggiunge il finale di un ciclo. Se insistiamo più del necessario, perdiamo la felicità e il significato di altri cicli che dobbiamo attraversare.

[video]

Chiusura di un ciclo, di una porta, di un capitolo, qualunque sia il nome che decidiamo dare, ciò che più importa è lasciare nel passato i momenti della vita che si sono conclusi. Un lavoro perso, una relazione finita, un cambiamento drastico nella propria vita: è importante saper chiudere i cicli.

Le cose accadono, il tempo passa, e la cosa migliore che possiamo fare è lasciare fluire. E’ per questo che è importante, per quanto doloroso possa essere, distruggere ricordi, trasferirsi, concentrarsi su altro e aprire nuovi cicli.

Niente è insostituibile, le abitudini non sono necessità e l’unica cosa davvero necessaria è stare bene con se stessi. Spegni quel “televisore emozionale” che ti fa vedere lo stesso programma ripetutamente, nel quale si parla di quanto stai male.

Non è per orgoglio, incapacità o arroganza che vanno chiusi i cicli, ma semplicemente perché non fanno più parte della tua vita.

Tutti noi abbiamo una linea temporale (passato, presente e futuro). Il passato è passato, il futuro non è ancora arrivato, il che significa che l’unico momento reale che si può vivere, godere e gestire è il presente, il qui ed ora.

In ogni momento del presente, le tue decisioni si trasformano in azioni e sono i risultati della tua storia, del tuo passato.

Aggrapparsi al passato è una condizione della mente subconscia che gioca brutti scherzi, in quanto fa rievocare le cattive circostanze e non permette di andare avanti, perché, a volte, è più facile lamentarsi e trovare una giustificazione a qualsiasi esperienza negativa, piuttosto che assumersi la responsabilità della nostra vita, reagire ed andare avanti.

Hai mai provato a “pulire” la tua esistenza, iniziando dai cassetti, armadi, fino a raggiungere le persone del passato che non hanno alcun senso, ma che continuano a occupare spazio nella tua mente?
Chiudere le porte del passato in riferimento ai momenti tristi e alle esperienze di amarezza è un prerequisito verso una felicità stabile e crescente che proviene dal centro del tuo essere e che ti porta nella condizioni di successo e realizzazione.

Alcuni di quei momenti che ti lasciano nell’oblio del passato possono essere correlate a separazioni familiari, la morte di una persona cara, la perdita di un lavoro o di una posizione, fisica e/o psicologica, molestie, stupri, abbandono, traumi, ecc.

Se sei un perfezionista, si può essere tentati di pensare che, in alcune situazioni, avresti potuto fare meglio, o incolpare te stesso/a o qualcuno per una determinata azione. La rabbia, i sensi di colpa, il giudizio non ti portano da nessuna buona parte!

Il problema è che di solito ci si aspetta che qualcuno venga e ci dica come lasciare il passato alle spalle, ma ciò spesso non accade.

Dobbiamo quindi implementare la nostra esperienza e le nostre conoscenze per andare avanti, sfruttare il dialogo interno e le parole.

Quando si dispone di un’esperienza negativa o spiacevole non “rimuginare” perché questo atteggiamento ti porta ad una posizione di “stallo” e a rimanere quindi bloccato.

Più hai questi pensieri, tanto più sarà difficile andare avanti. In definitiva, trascinarsi “ bagagli inutili” della nostra esperienza, ci rallenta e indebolisce.

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Roma: poesie gratis al BAR, col caffe' e cornetto!
Roma: poesie gratis al BAR, col caffe' e cornetto!
(Avellino)
-

È “Caffè, cornetto e poesia”, l’iniziativa che nasce da un’idea del gruppo di arti performative Grande Come una città, del III municipio della Capitale, deciso a “contagiare” la creatività di chi anima tutti i territori e le città che avranno il piacere d
Inondare la città con la poesia: in occasione della Giornata internazionale...

2 ore nella natura? Ecco come si trasformano i nostri ORMONI e DNA!
2 ore nella natura? Ecco come si trasformano i nostri ORMONI e DNA!
(Avellino)
-

Una passeggiata nella natura oltre a liberarci la mente e mettere in moto il corpo cambia i percorsi neuronaliin modo da migliorare nettamente la nostra salute mentale. Non è un guru a dircelo ma uno studio dell’Università di Stanford.
Steve Jobs è noto per i suoi “meeting camminati” nel parco e lo stesso anche il...

Clicca, spendi, crepa: la societa' schiava di FATTO
Clicca, spendi, crepa: la societa' schiava di FATTO
(Avellino)
-

Sapete come si addomestica un animale selvaggio? Gli si impongono delle regole. Lo si addestra a ubbidire usando premi o punizioni, portandolo a identificare l’obbedienza con il minor dolore o il maggior piacere
Sapete come si addomestica un animale selvaggio? Gli si impongono delle regole....

Il vero Dramma dell'ISTRUZIONE ITALIANA
Il vero Dramma dell'ISTRUZIONE ITALIANA
(Avellino)
-

Lo skill mismatch è causato da svariati fattori, che incidono in maniera diversa a seconda del contesto.
Lo skill mismatch è causato da svariati fattori, che incidono in maniera diversa...

Vita media di un cane: quanti anni puo' vivere?
Vita media di un cane: quanti anni puo' vivere?
(Avellino)
-

Vita media di un cane? Stabilire l’età di un cane e fare un raffronto con quella degli esseri umani è impresa complicata quanto, tutto sommato, inutile
VITA MEDIA DI UN CANE - Stabilire l’età di un cane e fare un raffronto con...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati