Concordia notizie: Schettino resta libero

GROSSETO ore 13:16:00 del 09/04/2015 - Genere: Cronaca - Concordia

Concordia notizie: Schettino resta libero

Concordia notizie: Schettino resta libero. Il Tribunale del Riesame ha respinto la richiesta di arresto avanzata dalla Procura di Grosseto

Francesco Schettino resta un uomo libero. Il Tribunale del Riesame ha respinto la richiesta di arresto avanzata dalla Procura di Grosseto nei confronti dell’ex comandante della Costa Concordia che lo scorso febbraio è stato condannato a sedici anni e un mese per il naufragio all’Isola del Giglio. Prima della decisione del Riesame già i giudici del Tribunale avevano respinto la richiesta dei pm. L'ordinanza è stata depositata alla vigilia di Pasqua ma la notizia è stata resa nota oggi dall'avvocato Saverio Senese, nuovo difensore di Schettino. Per i giudici del Riesame, dunque, non c'è pericolo di fuga. Di parere contrario era la Procura di Grosseto, che aveva reiterato per l'ennesima volta la richiesta di arresto. “Sono contento per questa decisione. I giudici hanno capito che io non voglio fuggire. Io voglio restare in Italia per difendermi”, ha commentato così Schettino tramite il suo avvocato Senese.

Il commento del legale di Schettino - “Ero fiducioso nella decisione dei giudici fiorentini, i quali hanno evidentemente ribadito il principio di natura generale, per il quale la carcerazione cautelare non può mai essere utilizzata quale forma di espiazione anticipata della pena. Il comandante Schettino potrà ora finalmente dimostrare che non è il bieco e cinico irresponsabile come è stato fino a qui indicato all’opinione pubblica.

Da oggi cominceremo a lavorare per il giudizio di appello nella convinzione che egli sia stato fin qui eccessivamente sanzionato anche per colpe non sue”, ha aggiunto il legale. Una settimana prima dell'udienza del Riesame Schettino ha riconsegnato di propria iniziativa il passaporto alle autorità: l'ex comandante si è recato presso la caserma dei carabinieri di Meta di Sorrento, dove risiede, e ha fatto mettere a verbale che ha restituito il passaporto e ha chiesto che venisse trasmesso al questore di Napoli, affinché provvedesse all'eventuale sospensione o alla sua revoca. “Si è trattato di un gesto spontaneo di Francesco Schettino - ha detto Senese - per rafforzare il concetto che non intende lasciare l'Italia: non vuole fuggire, ma restare in patria per meglio difendersi dalle accuse”.

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Blablacar d' un passaggio a 2 stranieri: 24mila euro di multa e 9 mesi di carcere
Blablacar d' un passaggio a 2 stranieri: 24mila euro di multa e 9 mesi di carcere

-

Dà un passaggio a due stranieri con Blablacar: condannato per favoreggiamento dell’immigrazione irregolare
Un ragazzo italiano ha patteggiato una condanna a 9 mesi di carcere per...

Gli ingegneri sanno misurare il rischio di crollo: NIENTE ACCADE PER FATALITA'!
Gli ingegneri sanno misurare il rischio di crollo: NIENTE ACCADE PER FATALITA'!

-

In ingegneria i rischi non sono fatti di parole o chiacchiere. Il rischio è un fattore che viene concretamente misurato.
Vi presentiamo questo articolo di Davide Gioco, Ingegnere, da Attivismo.info,...

Mediaset: da settembre canale dedicato CONTRO IL GOVERNO!
Mediaset: da settembre canale dedicato CONTRO IL GOVERNO!

-

Prima le “epurazioni” dei conduttori troppo populisti. E poi, a settembre, la trasformazione in un canale ricco di informazione e di talk non urlati, per “smontare” la retorica di Lega e 5 Stelle che tanti successi ha mietuto nei mesi passati e sta contin
Prima le “epurazioni” dei conduttori troppo populisti. E poi, a settembre,...

Disastro Genova: il neoliberismo ci crolla addosso
Disastro Genova: il neoliberismo ci crolla addosso

-

I numerosi crolli di viadotti, strade, scuole, infrastrutture del paese, da sempre giustificata con i vincoli di bilancio, con il debito pubblico, con le richieste di austerity da parte dell’Europa, ci sta mostrando due fatti evidenti
I numerosi crolli di viadotti, strade, scuole, infrastrutture del paese, da...

Codacons a rischio chiusura: PIGNORATI BENI PER 300MILA EURO
Codacons a rischio chiusura: PIGNORATI BENI PER 300MILA EURO

-

Prima due pignoramenti da 235mila euro. Poi una serie infinita di cartelle esattoriali, che soltanto grazie agli sconti garantiti dall' ultima rottamazione hanno portato a un esborso all' Erario di 300 mila euro
CONSUMATORI CONSUMATI DALLA GIUSTIZIA - IL CODACONS È A RISCHIO CHIUSURA: GLI...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati