Cosa visitare Bled

(Bari)ore 07:21:00 del 05/12/2018 - Genere: , Luoghi da visitare

Cosa visitare Bled

COSA VEDERE BLED - Bled, luogo di montagna e di lago, immerso nel pieno della natura.

 

COSA VEDERE BLED - Bled, luogo di montagna e di lago, immerso nel pieno della natura. Bled che è anche una città termale, anzi, è nata proprio con questa mission alla fine dell’800. 
E così ancora oggi nella parte nord-est del lago si trovano alcune sorgenti termali, convogliate nelle piscine di alcuni alberghi, come il Grand Hotel Toplice, dove le fonti hanno una temperatura di 23 °C, il Park Hotele il Golf Hotel, dove giunge ai 28 gradi. L’acqua in realtà viene ulteriormente riscaldata in modo da dare un benessere a tutto tondo, una piacevole balneazione, ma anche modalità curative per difficoltà neurovegetative e per stress. Tra gli elementi presenti in queste acque: acidi carbonici liberi, cloruro di calcio, sodio, zolfo, carbonio, carbonato di calcio e magnesio, ossido di ferro, sali di fosforo. 
COSA VEDERE BLED - Bled è un unico posto d’incanto nato dall’unione di più frazioni disseminate intorno alla conca del lago, molte di origine medievale. Bled è pure luogo di musica, che attrae violoncellisti da tutto il mondo con il suo prestigioso festival. E anche luogo di sport, dove dedicarsi a tante discipline, in estate e in inverno.
Il lago e la sua isola: ecco i simboli di Bled. Il lago è una conca tettonica successivamente scolpita dal ghiacciaio di Bohinj: è lungo più di due chilometri e largo 1,30, con una profondità massima di 30,6 metri. E la sua isoletta è un vero gioiellino: qui un tempo si trovava il tempio dedicato a Živa, dea slava dell'amore, oggi al suo posto si erge la maestosa e gotica Chiesa di Santa Maria Assunta, che si raggiunge salendo 99 scalini. E ricordate di suonare la celebre campana, in modo che i vostri desideri si possano realizzare!

COSA VEDERE BLED

1. Passeggiata fino al Castello di Bled

La prima cosa da non perdere è il castello aggrappato a uno spuntone di roccia che si affaccia sul lago e permette  una vista incredibile della zona circostante.

Sulla sponda del lago vi è un sentiero a tratti ripido (100 gradini) che raggiunge le porte del castello. Quando si entra in questa magnifica costruzione si possono ammirare degli scorci incantevoli sul lago, da non perdere la visita alla stamperia, alla Galleria delle erbe, alla Fucina del castello e alla mostra del museo che comprende una raccolta di reperti antichi.

2. Un giro con la barca a remi per visitare l’isolotto

Per raggiungere la piccola isola in mezzo al lago ci sono due opzioni. La prima, usare le barche a remi che fanno la spola avanti e indietro pilotate da un rematore, l’altra molto più piacevole e romantica è quella di noleggiare una barchetta a remi e raggiungere l’isolotto da soli.

Nel lago navigano soltanto barche a remi o piccole imbarcazioni di pescatori con motori elettrici, questo permette alla sua superficie  di essere sempre calma e piatta.

Dopo aver raggiunto l’isoletta, si possono andare a visitare l’incantevole Chiesa dell’Assunzione, dove è possibile suonare la campana tre volte, e la torre dell’orologio dove si può ammirare un incredibile orologio a pendolo con tutti i meccanismi, ingranaggi, pesi e bilancieri. (sia l’ingresso  alla chiesetta che alla torre sono a pagamento).

3. Visitare le Gole Vintgar

A 5 km a nord del lago vi sono queste magnifiche gole scavate dal fiume Radovna. Le gole sono lunghe circa 1,6 km.  Vi sono  passerelle e  sentieri per percorrerle e visitarle. Il fiume ha scavato antri, conche e salti che hanno formato cascate che creano una panorama spettacolare.

Il sentiero didattico che percorre le gole permette di ammirare questo spettacolo della natura. Il giro si conclude raggiungendo la cascata denominata Šum, alta 13 metri dove,  in giornate calde, si riesce a vedere uno meraviglioso arcobaleno.

Le caratteristiche principali delle gole sono le acque cristalline e la molteplicità di colori che si possono ammirare.

4. Giro del lago in bicicletta

Viste le piccole dimensioni del lago percorrere la pista ciclabile sulle sue sponde è un’ esperienza alla portata di tutti.

Questo percorso permette di gustare le incantevoli sponde del lago e di vederlo da molteplici angolazioni. Permette  di vedere meglio anche le caratteristiche ville signorili che si scorgono sulle sue sponde e poter scoprire il vero carattere di questo lago.

5. Vedere la cascata di “Pod Iglico”

Questa cascata, alta 24  metri è senz’altro uno spettacolo da non perdere. Distante pochi chilometri dal Lago è immersa nel verde e raggiungibile con una passeggiata, in mezzo ai boschi.

Il salto della cascata su roccia viva crea un spettacolo davvero unico, tramite una scala di legno si può raggiungere la sommità  da dove si gode di un panorama suggestivo della zona circostante.

 

Scritto da Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Cosa visitare Les 2 Alpes
Cosa visitare Les 2 Alpes
(Bari)
-

Se d’inverno lo si può fare lungo i 220 km delle sue piste, d’estate i chilometri percorribili sono solamente 40, ma ugualmente spettacolari. 
  LES 2 ALPES COSA VEDERE - Perchè proprio Les 2 Alpes quando in Italia abbiamo...

Cosa vedere Delft
Cosa vedere Delft
(Bari)
-

Il consiglio per il primo giro è di iniziare a orientarsi facendo un giro iniziale della città.
  COSA VEDERE DELFT - In Olanda a pochi chilometri dalla capitale c'è la...

Luoghi da visitare Tallinn
Luoghi da visitare Tallinn
(Bari)
-

In questa guida scopriremo come vivere la città di sera all’insegna dell’intrattenimento.
  COSA VEDERE TALLINN - Sono in molti a credere che Tallinn – una città di...

La Valletta: guida
La Valletta: guida
(Bari)
-

Ovviamente tutto con le dovute proporzioni e col sole sempre sullo sfondo: ricordiamoci che siamo a Malta, un piccolo arcipelago disperso nel Mar Mediterraneo più a sud di Tunisi dove il sole splende praticamente tutti i giorni dell’anno e dove le tempera
  COSA VEDERE LA VALLETTA - La Valletta, fiera capitale della Repubblica di...

Volete il VERO NATALE? Andate a Salisburgo: ve ne innamorerete!
Volete il VERO NATALE? Andate a Salisburgo: ve ne innamorerete!
(Bari)
-

Le testimonianze dei primi Christkindlmarkt qui risalgono addirittura al 1491 (prima che Cristoforo Colombo scoprisse gli hamburger e il Ringraziamento, per intenderci).
Partiamo da un presupposto: se questa città fosse un profumo sarebbe quello del...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati