Cosa visitare Glastonbury

(Roma)ore 17:07:00 del 07/11/2017 - Genere: , Luoghi da visitare

Cosa visitare Glastonbury

La St John's Church risale al XV secolo ma è costruita sul sito di una chiesa precedente, datata oltre un millennio.

COSA VEDERE GLASTONBURY - Glastonbury è una cittadina situata nella contea del Somerset, nell'Inghilterra del Sud-Ovest. Sorge nell'area chiamata Somerset Levels, che è una cosiddetta wetland (letteralmente terreno umido, cioè saturo d'acqua). Glastonbury è una curiosa miscela di classico fascino inglese, cultura new-age e intensa spiritualità, e merita una visita in ogni periodo dell'anno.

COSA VEDERE GLASTONBURY - Glastonbury è considerata la culla della cristianità in Gran Bretagna, anche grazie alla leggenda secondo la quale Giuseppe d'Arimatea (l'uomo che fece seppellire Gesù e che avrebbe raccolto il suo sangue nel Santo Graal) sarebbe giunto qui in viaggio. La St John's Church risale al XV secolo ma è costruita sul sito di una chiesa precedente, datata oltre un millennio. La Glastonbury Abbey risale al XII secolo, ma il suo nucleo originario è stato costruito nel VIII secolo ed è quindi uno dei più antichi siti cristiani d'Inghilterra: le malinconiche e romantiche rovine che vedi oggi sono il risultato della Dissoluzione dei Monasteri ordinata da Enrico VIII nel XVI secolo.

COSA VEDERE GLASTONBURY - Proveniendo da Londra, e dopo essere passati da Stonehenge (dipende dall'itinerario), la prima cosa che balza all'attenzione è la curiosa figura della Glastonbury Tor che in celtico significa collina conica e su cui ancora sorge la St. Michael's Tower, ciò che rimane dell'antica chiesa distrutta da un terremoto nel 1275.

La Glastonbury Tor è l'epicentro di molte leggende, ed è proprio qui che si vuole si trovasse la mitica Avalon, e sempre qua venne nascosto il Sacro Graal.

La visita a Glastonbury può iniziare proprio con la salita a piedi della collina lungo gli stessi itinerari percorsi dall'uomo già in epoca preistorica. Dalle profondità della collina scorrono le due sorgenti, ovviamente miracolose: la sorgente rossa e quella bianca (White Spring e Red Spring).

White Spring

Oggi per poter accedere alla sorgente bianca, che un tempo scorreva all'aperto, è necessario entrare neltempio dedicato a Brigid, dea celtica del fuoco. Da questo punto in poi il mix tra simbologia cristiana e pagana diventa sempre più evidente e ci si trova immersi in una straordinaria atmosfera, resa ancora più suggestiva dai canti e dai mantra che spesso vi vengono intonati.

L'apertura del tempio, gestita da volontari, avviene solitamente nei giorni del fine settimana o in presenza di particolari ricorrenze: è bene informarsi prima di partire. Il buio del tempio è rotto solo dalla tenua luce delle candele che appena illumina le immagini di alcune divinità poste nelle piccole cappelle, riflettendosi nelle vasche in cui scorre l'acqua della sorgente.

Il nome White Spring è dovuto al calcio di cui la sorgente è ricca, e che lascia una scia di bianco lungo il suo passaggio. Il video, girato all'interno, è di fortuna ma da l'idea della suggestione del posto.

Red Spring

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Red Spring, a differenza della White Spring, si trova all'aperto e scorre nell'incantevole giardino di Chalice Well. Per entrare c'è da pagare un biglietto, ma per la modica spesa si acquistano istanti di incanto.

L'acqua, ritenuta sacra e curativa, scaturisce dalla bocca di una fontana fatta a piccolo leone, passa da una piccola piscina dove è possibile bagnarsi, quindi scende da una piccola cascata per poi perdersi nel bellissimo giardino. Il posto è quieto, silenzioso, e gli inviti alla meditazione ricorrenti. Il luogo è antico e dalla notte dei tempi è consacrato al divino e alla natura e tutto sa di sacro, ma è una sacralità ben diversa da quella a cui siamo abituati.

L'acqua della sorgente rossa scorre sempre a 2°C ed è gelida anche in estate: se qualcuno fa il bagno incurante del freddo è probabilmente un inglese, ma bagnarsi o bere è possibile a tutti ed un rito a cui di solito nessuno si sottrae.

Se la White Spring è ricca di calcio, l'acqua della sorgente rossa è ricca di ferro e di rosso si tinge il suo cammino. Ed è pure leggermente radioattiva.

Incantati dalla magia del posto si lascia Chalice Well e la zona delle sorgenti, sempre più consapevoli che il luogo possa nascondere chissà quali segreti, e ci si incammina per il centro della cittadina di Glastonbury per visitare ciò che resta della millenaria abbazia.

 

 

Glastonbury AbbeyL'abbazia di Glastonbury risale almeno al 7 ° secolo ma la leggenda vuole che fosse stata fondata da Giuseppe d'Arimatea nel 1 ° secolo. Del ricco e potente monastero resta ben poco in quanto l'abbazia venne soppressa e distrutta per responsabilità del solito Enrico VIII intorno al 1530 e l'ultimo abate, che resistette alla sua spogliazione, venne impiccato e squartato come un traditore.

L'area occupata dalla struttura è molto vasta e le rovine sono ancora visitabili. Girando tra le mura rimaste in piedi ci si imbatte nel punto dove si dice fu sepolto Re Artù: dopo il 1100, a 5 mt di profondità, venne trovato un tronco di quercia contenente due scheletri e sulla croce di piombo la scritta 'Hic jacet sepultus Arthurus rex inclitus in insula Avalonia', 'Qui giace sepolto il famoso re Artù sull' Isola di Avalon'. Gli stessi monaci dell'abbazia hanno sempre riconosciuto Glastonbury come la mitica Avalon.

A Glastonbury è difficile dire cosa sia storia e cosa leggenda: certo è che una strana atmosfera aleggia nell'aria, e tutto appare un po' strano.

Con tutto rispetto, anche molte delle persone che si incontrano in giro sembrano strane, e tanti piccoli indizi si scoprono nascosti ovunque, come ad esempio il simbolo della spirale che è insinuato in ogni dove.

In questo suggestivo contesto non potevano mancare fate e folletti a popolare le vetrine di negozietti spesso bellissimi del piccolo centro storico insieme a pietre, minerali e cristalli, simboli magici e una vasta quantità di piccolo artigianato.

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
Bogota': cosa visitare
Bogota': cosa visitare
(Roma)
-

COSA VEDERE BOGOTA' - Bogotà, come buona parte delle Capitali latine, è una città che negli anni è cambiata velocemente e basta tornare qualche anno dopo per capire come questa evoluzione la abbia avvolta completamente.
  COSA VEDERE BOGOTA' - Bogotà, come buona parte delle Capitali latine, è una...

Cosa vedere Santiago del Cile
Cosa vedere Santiago del Cile
(Roma)
-

Per raggiungere la città bisogna arrivare all’aeroporto Internazionale Comodoro Arturo Merino Benítez che si trova a 15 chilometri dal centro cittadino, in direzione nord-ovest.
  COSA VEDERE SANTIAGO DEL CILE - Santiago del Cile, capitale del Cile, è tra...

Cosa vedere Punta del Este
Cosa vedere Punta del Este
(Roma)
-

Spiagge: I principali punti di interesse di Punta del Este sono indubbiamente le sue bellissime spiagge di sabbia bianca e acque cristalline, come Playa Mansa, Playa Brava, Portezuelo, Solanas, Montoya, Manantiales, José Ignacio, La Barra e Chihuahua.
  PUNTA DEL ESTE COSA VEDERE - Punta del Este è uno dei principali centri...

Cosa visitare La Plata
Cosa visitare La Plata
(Roma)
-

Quando venne fondata nella seconda metà dell’Ottocento, Dardo Rocha fu incaricato di progettare la pianta della città e ne venne fuori uno spettacolo.
  Scopriamo la curiosa città di La Plata, il capoluogo della provincia di...

Montevideo: cosa visitare
Montevideo: cosa visitare
(Roma)
-

Per questo abbiamo deciso di scrivere un post per darvi un’idea di cosa aspettarvi se sceglierete Montevideo per il vostro prossimo corso di spagnolo.
  COSA VEDERE MONTEVIDEO - L’Uruguay è un paese incantevole, situato tra il...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati