Cosa visitare Instanbul

(Firenze)ore 07:02:00 del 18/12/2017 - Genere: , Luoghi da visitare

Cosa visitare Instanbul

Infatti, si trova tra il Mar di Marmara e il Bosforo, una penisola che si protende sul mare del Corno d’Oro (Haliç in turco, cioè “canale”), dove due ponti collegano i quartieri cittadini situati su sponde diverse dei mari che la bagnano.

COSA VEDERE INSTANBUL - La più grande città di Turchia è una città dall’indiscutibile fascino antico, dove si trova concentrata la storia millenaria dell’incontro tra Oriente e Occidente, tra Asia ed Europa. Istanbul, ben più popolosa della capitale Ankara – con oltre 14 milioni di abitanti nell’area urbana – è una città ponte, non solo in senso figurato. Infatti, si trova tra il Mar di Marmara e il Bosforo, una penisola che si protende sul mare del Corno d’Oro (Haliç in turco, cioè “canale”), dove due ponti collegano i quartieri cittadini situati su sponde diverse dei mari che la bagnano.

COSA VEDERE INSTANBUL - In questa guida scopriremo dove si trova il cuore di Istanbul e visiteremo le aree storiche che l’Unesco ha dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità per l’altissimo valore artistico e culturale che presentano. Approfondiremo la conoscenza dei complessi monumentali di Hagia Sophia (la basilica di Santa Sofia), il Palazzo Topkapı, la moschea di Solimano, l’ippodromo di Costantino e le mura in una zona vasta che interessa l’attuale distretto di Eminönü.

COSA VEDERE INSTANBUL

1) Basilica Santa Sofia

Il più maestoso edificio religioso di Istanbul è stato trasformato in museo nel 1935. Completata nel 527 per volere di Giustiniano, Santa Sofia è stata la più grande chiesa del mondo fino a quando, nel 1453, il sultano Mehmet il Conquistatore la trasformò in moschea.

2) Palazzo Topkapi

La residenza storica dei sultani è un meraviglioso palazzo voluto da Mehmet il Conquistatore a seguito della conquista ottomana nel 1453. Le sale opulente, le splendide viste sul Bosforo, i tesori inestimabili custoditi dal Topkapi catturano ogni giorno migliaia di visitatori.

3) Moschea Blu (Sultan Ahmed) 

Senza dubbio tra le moschee più affascinanti del mondo, la Moschea Blu è stata costruita per volere del sultano Ahmet I, proprio di fronte alla “rivale” Santa Sofia e deve il proprio nome al colore delle migliaia di maioliche di Iznik che rivestono interamente le pareti interne.

 4) Escursione lungo il Bosforo

Sono innumerevoli le possibilità che Istanbul offre per un’escursione sul Bosforo, di diversi prezzi e durata, dai battelli statali alle compagnie di navigazione private. I battelli statali sono i più convenienti ma costringono a trascorrere l’intera giornata sul Bosforo

5) Moschea di Solimano(Suleymaniye Camii) 

La più imponente e panoramica tra le moschee di Istanbul è situata sulla cima di uno dei sette colli della città, con una splendida vista sul Bosforo. Ovviamente è stata voluta da Solimano il Magnifico che ha incaricato Mimar Sinan, il più grande architetto ottomano

6) Gran Bazar

Trappola per turisti o affascinante spaccato di vita quotidiana? Senza dubbio entrambi, ma una visita al Gran Bazar, uno tra i più grandi ed antichi mercati del mondo, è sicuramente un’esperienza da non perdere. Chilometri di vicoli che formano un intricato labirinto, pieno di negozi

7) Basilica Cisterna (Yerebatan Sarayi)  

Uno dei luoghi più suggestivi della città è la Cisterna Basilica, una pittoresca cisterna sotterranea costruita nel 532 da Giustiniano per fornire l’acqua al Gran Palazzo, lunga 143 metri e larga 65, composta da 336 colonne che emergono dall’acqua

8) Dal Ponte Galata a Taskim attraversando Istiklal Caddesi  

Raggiunto il quartiere di Eminonu si attraversa a piedi il ponte Galata, particolarmente suggestivo al tramonto, che collega il quartiere storico con il sobborgo di Beyoglu. Il ponte, a due livelli, ospita al piano inferiore numerosi ristoranti con cucina a base di pesce

9) Moschea Nuova (Yeni Camii)

Se attraversate il ponte Galata al tramonto, l’immagine cartolina che apparirà ai vostri occhi sarà la Yeni Cami illuminata dagli ultimi raggi del sole ed alle sue spalle tutta Sultanahmet con la sua storia millenaria.  La Yeni Cami ha “solo” 400 anni, per questo viene denominata Moschea Nuova

10) Bazar Egiziano (delle Spezie)

Meno affollato del più famoso Gran Bazar e senza dubbio più autentico, il Bazar delle Spezie si caratterizza per un esplosione di profumi e di colori che solo i paesi mediorientali possono offrire anche se ultimamente l’aspetto turistico sta iniziando

Scritto da Alberto

ALTRE NOTIZIE
Cosa visitare Marrakech
Cosa visitare Marrakech
(Firenze)
-

I luoghi di interesse di Marrakech sono raggiungibili anche in maniera autonoma ma se avete intenzione di “perdervi nei vicoli” è meglio richiedere la presenza di una guida locale ufficiale.
COSA VEDERE MARRAKECH - Un tuffo nei colori e nei profumi di Marrakech: eccovi...

Cosa vedere Pamukkale
Cosa vedere Pamukkale
(Firenze)
-

PAMUKKALE COSA VEDERE - Una volta dentro l’area termale di Pamukkale ci si trova davanti una meravigliosa collina formata di piscine naturali inserite in terrazze di calcare di un bianco splendente, dove è possibile immergersi e godersi l’acqua curativa c
PAMUKKALE COSA VEDERE -Meraviglia geologica formata dai sali minerali contenuti...

Cosa visitare Antalya
Cosa visitare Antalya
(Firenze)
-

Gli appassionati di golf troveranno pane per i loro denti a Belek, zona turistica con ben 15 campi da golf (in aumento) e resort di lusso in cui passare le proprie vacanze.
ANTALYA COSA VEDERE - Antalya è una delle località turistiche più conosciute...

Cosa visitare Efeso
Cosa visitare Efeso
(Firenze)
-

EFESO, COSA VEDERE - Quello che fu un tempo uno dei più grandi monumenti di Efeso e dell’antichità, di cui purtroppo oggi ne rimangono solo alcune colonne è il Tempio di Artemide che venne raso al suolo nel 401 per ordine dell’arcivescovo di Costantinopol
EFESO, COSA VEDERE - La città di Efeso fu uno dei più grandi centri urbani che...

Cosa visitare Grodno
Cosa visitare Grodno
(Firenze)
-

Successivamente i Cavalieri Teutonici, definitivamente sconfitti nella battaglia di Grunwald dalle truppe polacco-lituane, cessarono di essere un pericolo per la città, ove si insediò il principe Vitoldo, cugino del re di Polonia e granduca di Lituania La
COSA VEDERE GRODNO - La città venne citata per la prima volta nel 1128 e si dice...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati