Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO

(Campobasso)ore 20:33:00 del 25/03/2017 - Genere: , Denunce, Salute

Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO

Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al cervello triplica negli adulti e quintuplica nei giovani. Le aziende commissionano falsi studi per nascondere gli effetti nefasti sull’uso del telefono, ma difendersi si può.

Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al cervello triplica negli adulti e quintuplica nei giovani. Le aziende commissionano falsi studi per nascondere gli effetti nefasti sull’uso del telefono, ma difendersi si può.

IL CELLULARE AD ALMENO 2 CENTIMETRI DI DISTANZA

Riccardo Staglianò, autore del libro inchiesta “Toglietevelo dalla testa. Cellulari, tumori e tutto quello che le lobby non dicono“ ha effettuato una ricerca che è durata quasi un anno, dagli Stati Uniti fino alla Svezia, per cercare di scoprire la verità sui rischi del cellulare. Ecco come racconta l’inizio della sua indagine:

“Quando un mio amico, un giorno, mi ha segnalato come sul libretto d’istruzioni del mio cellulare c’era scritto di tenerlo a un centimetro e mezzo dal corpo, non ci volevo credere. Sono andato a controllare ed ho visto che era effettivamente così. Da lì la curiosità ha preso il sopravvento ed ho cominciato a verificare se era una precauzione che riguardava esclusivamente il mio cellulare o se era un problema diffuso. Ho scoperto che, per esempio, modelli di smartphone appetibili e presenti sul mercato, avevano stampato sul libretto di istruzioni di tenerli addirittura a due centimetri e mezzo dal corpo. Per avere un’idea di quanti siano due centimetri e mezzo, vi dico che corrispondono alla costola del mio libro che è di 350 pagine. Chiaramente nessuno sano di mente terrebbe il proprio cellulare a questa distanza e il problema è proprio che nessuno lo fa e che – cosa più importante – nessuno lo SA!”

BASTANO 10 ANNI PER AVERE L’EFFETTO NEFASTO

Lennart Hardell, scienziato svedese pioniere degli studi sulla correlazione cancro-cellulari, afferma: “Per l’amianto e il fumo i rischi si sono resi evidenti anche dopo 30-40 anni. Con i cellularigià dopo un decennio si comincia a vedere.” L’ultima ricerca condotta dai medici del Dipartimento di oncologia dell’ospedale universitario di Örebro, in Svezia, dimostra che l’uso dei telefoni cellulari per più di 10 anni e dallo stesso lato della testa per circa mezz’ora al giorno, aumenta il rischio di tumori cerebrali maligni di quasi 3 volte.

COME METTERSI AL RIPARO DAL RISCHIO IN MODO SEMPLICE

“Indicazioni di un aumentato rischio tra gli utilizzatori forti e di lungo periodo sono causa di preoccupazione. 
Misure semplici ed economiche, come l’uso di sms, auricolari e vivavoce potrebbero sostanzialmente ridurre l’esposizione del cervello… E’ consigliabile l’adozione di tali precauzioni, in particolare tra i giovani.”
Elisabeth Cardis, responsabile dello studio Interphone, la più grande ricerca internazionale sul legame cancro e cellulari.

IL CELLULARE DANNEGGIA IL DNA

test, coordinati dal gruppo tedesco “Verum”, hanno verificato in laboratorio gli effetti delle onde su animali e uomini. Ed hanno provato che, dopo l’esposizione a campi elettromagnetici, le cellule umane mostrano un aumento significativo nei danni al dna, chela cellula non sempre è in grado di riparare e che si trasmette alla generazione successiva di cellule. La mutazione cellulare è legata al cancro.

DI CELLULARE SI MUORE

Ecco l’intervista a Riccardo Staglianò in cui spiega chiaramente cosa si nasconde dietro l’oggetto più diffuso al mondo.

[video]

Da: QUI

Scritto da Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Sanita' da MEDIOEVO: vivi di piu' a seconda DOVE NASCI
Sanita' da MEDIOEVO: vivi di piu' a seconda DOVE NASCI
(Campobasso)
-

Troppe differenze regionali che creano diseguaglianze. In Italia si vive più a lungo a seconda del luogo di residenza o del livello d’istruzione: hanno una speranza di vita più bassa le persone che nascono al Sud, in particolare in Campania, o che non rag
Troppe differenze regionali che creano diseguaglianze. In Italia si vive più a...

Diete yo-yo? Il problema e' nel cervello
Diete yo-yo? Il problema e' nel cervello
(Campobasso)
-

LO CHIAMANO effetto yo-yo. Capita quando si segue una dieta con successo, si perde peso, e poi si recuperano tutti i chili in più appena si ricomincia a mangiare normalmente.
LO CHIAMANO effetto yo-yo. Capita quando si segue una dieta con successo, si...

Ma quale antifascismo! Gli italiani vogliono LAVORO, MENO TASSE E TUTELA FAMIGLIA!
Ma quale antifascismo! Gli italiani vogliono LAVORO, MENO TASSE E TUTELA FAMIGLIA!
(Campobasso)
-

Altro che antifascismo. I temi centrali per gli italiani sono il lavoro, il contrasto alla disoccupazione e la lotta al precariato
Altro che antifascismo. I temi centrali per gli italiani sono il lavoro, il...

Fango sul M5S disonesto e in MALAFEDE: restano una SPERANZA per l'Italia
Fango sul M5S disonesto e in MALAFEDE: restano una SPERANZA per l'Italia
(Campobasso)
-

«Non è ancora una soluzione, per l’Italia, però resta una speranza: perché la base grillina è fatta di persone pulite, che non ne possono più di questo sistema».
«Non è ancora una soluzione, per l’Italia, però resta una speranza: perché la...

Tasse solo per gente comune: NON PER I MILIARDARI
Tasse solo per gente comune: NON PER I MILIARDARI
(Campobasso)
-

Le élite economiche e politiche del mondo si considerano una “nuova aristocrazia globale”, che come quella feudale di sangue vuole godere del privilegio di essere esentata dal pagamento delle tasse.
Le élite economiche e politiche del mondo si considerano una “nuova aristocrazia...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati