DOPO 20 ANNI DI DISASTRI, M5S e la Lega alla ricerca del sostegno del PD per governare. VERGOGNA

(Roma)ore 19:04:00 del 09/03/2018 - Genere: , Denunce, Politica

DOPO 20 ANNI DI DISASTRI, M5S e la Lega alla ricerca del sostegno del PD per governare. VERGOGNA

Ora é iniziata l'opera di logorio delle file PD da parte del M5S e della Lega per ottenere un appoggio ad un eventuale governo.

Ora é iniziata l'opera di logorio delle file PD da parte del M5S e della Lega per ottenere un appoggio ad un eventuale governo.

Quello che fa specie é che il M5S è un fervente sostenitore del "vincolo di mandato". Solo degli ingenui all'interno del PD possono pensare di appoggiare un governo che sia M5S o Lega. In un caso o nell'altro alle prossime elezioni questi ingenui si dovrebbero cambiare la casacca o rifondare un altro partito, lasciare il PD, candidarsi e prendere i voti per esser eletti.

Nel caso di cambio casacca nel M5S non potrebbero entrare, rimane solo il cdx e li, finchè non si toglie di torno Berlusconi, avranno ponti d'oro. Nel caso invece fondino un nuovo partito, visto come é andata a LeU penso non ci siano chance. O forse, per il M5S é solo il solito stratagemma. Far finta di aggregare altri per dimostrare che non condividono i loro punti di programma che a furor di popolo sono condivisibili, taglio stipendi, vitalizi e privilegi vari, quindi si rivota a breve e si fa il pieno.

Mentre l’Italia senza maggioranza attende la prima mossa di qualcuno e guarda con speranza a quello che deciderà il Capo dello Stato Sergio Mattarella, iniziano le manovre di Lega Nord e Movimento 5 stelle per corteggiare i voti del Partito democratico. La sfida per tutti è quella di avere i numeri in Parlamento per una maggioranza credibile. La condizione imprescindibile per le due parti che hanno raccolto più voti, Carroccio e grillini, al momento sembra essere quella delle dimissioni di Matteo Renzi. Eventualità per nulla scontata nonostante i proclami e le dichiarazioni delle ultime ore.

Un passo, o almeno così è stato interpretato da alcuni, è arrivato dal leghista Matteo Salvini: “Il segretario dem?“, ha detto parlando con i giornalisti a Milano. “E’ vittima della sua arroganza e, quindi, peccato perché c’è una tradizione di sinistra che o non vota o in tanti casi guarda alla Lega. Vedremo di raccogliere quella forza, quella passione di ascoltare gli artigiani, gli operai, i precari che qualcun altro ha perso”. La frase ha lasciato perplessi tanti e soprattutto in casa 5 stelle: significa davvero che il Centrodestra cerca voti nel Pd? E’ tutto troppo prematuro per potersi esprimere davvero. Intanto Salvini ci tiene a far sapere che intende essere lui il leader della coalizione e non solo: “Non mi scanso”, ha detto. “Sono contento della compattezza del centrodestra, andremo insieme al Quirinale. Siamo la prima coalizione e siamo la speranza per gli italiani”. E poi ha aggiunto rievocando un “intesa sui programmi” che tanto ricorda i 5 stelle: “Intese sui programmi, non accordi vecchia maniera. I 5 Stelle? Li vedo solo in televisione”.

Nessuno ha i numeri, scontro nel Pd –Tra le poche certezze c’è che i numeri per governare mancano a tutti, al centrodestra come al Movimento 5 stelle. Da una parte ci sono i grillini che hanno il gruppo parlamentare di gran lunga più numeroso alla Camera e al Senato, dall’altra Matteo Salvini, di fatto capo della coalizione che ha il numero di parlamentari più vicino a quota 316 (il numero minimo per avere la maggioranza). Tutti gli schieramenti ad oggi sono lontani, lontanissimi dal numero sufficiente di seggi per far partire un governo. Dopo il riparto del proporzionale, come prevedibile, nessuna forza politica sfiora a Montecitorio quota 316 seggi, quella che garantisce la possibilità di governare in maniera autonoma. Al Movimento Cinque Stelle vanno 133 seggi che si sommano agli 88 uninominali vinti formando una pattuglia di 221 onorevoli, che rappresenteranno il primo gruppo parlamentare. E sulla base di quello, è il ragionamento dei vertici, l’incarico spetta a loro. La prima forza alla Camera sarà quella del centrodestra che – al netto degli eletti in Valle d’Aosta – vale 260 deputati. I numeri per supportare un esecutivo li ha il Partito Democratico. Ma i vertici vanno in direzioni opposte. Chiusura totale del dimissionario Renzi, apertura di Michele Emiliano e Sergio Chiamparino. Il governatore della Puglia ha ripetuto che il Pd ha “il compito storico” di evitare “la saldatura tra M5s e destre”. Pensieri che al momento non trovano sponde ufficiali nei compagni di partito, ma Renzi ha detto chiaramente: “I favorevoli lo dicano pubblicamente in direzione”. Una sfida a chi come Dario Franceschini viene accusato di essere già al lavoro per trovare un accordo e far confluire i 112 deputati dem in una maggioranza  con i Cinque Stelle. Al retroscena, bollato come “velenoso depistaggio mediatico”, il ministro della Cultura ha risposto di “non aver mai pensato di fare un governo con le destre o i 5 Stelle”.

Da: Il Fatto

Scritto da Samuele

ALTRE NOTIZIE
Un mondo senza carceri - di Beppe Grillo
Un mondo senza carceri - di Beppe Grillo
(Roma)
-

Il sistema punitivo che stiamo adottando è antico come il mondo, ma soprattutto non funziona.
Il sistema punitivo che stiamo adottando è antico come il mondo, ma soprattutto...

Pagamenti inferiori alla busta paga? Ecco cosa rischia il datore di lavoro
Pagamenti inferiori alla busta paga? Ecco cosa rischia il datore di lavoro
(Roma)
-

Il datore di lavoro che costringe i dipendenti ad accettare pagamenti inferiori in busta paga, è punibile per estorsione e autoriciclaggio
Il datore di lavoro che costringe i dipendenti ad accettare pagamenti inferiori...

Gabanelli SHOCK sulla Rai: 'STIPENDI MOSTRUOSI A VITA SENZA FARE NULLA!'
Gabanelli SHOCK sulla Rai: 'STIPENDI MOSTRUOSI A VITA SENZA FARE NULLA!'
(Roma)
-

Svincolata dai partiti, doveva decollare tre anni fa. Invece la più grande azienda culturale del Paese è rimasta nel parcheggio, invischiata nelle clientele e nelle inefficenze di sempre.
Svincolata dai partiti, doveva decollare tre anni fa. Invece la più grande...

Nestle': storia di una multinazionale da incubo
Nestle': storia di una multinazionale da incubo
(Roma)
-

La Nestlè è vita, la nostra vita, perche noi potremmo tranquillamente vivere dei loro prodotti. Infatti questa multinazionale svizzera ha un regime quasi di monopolio nel mercato mondiale.
La Nestlè è vita, la nostra vita, perche noi potremmo tranquillamente vivere dei...

MIGRANTI: la Germania spende 35 euro, come l'Italia. Ma con quei soldi li forma al lavoro.
MIGRANTI: la Germania spende 35 euro, come l'Italia. Ma con quei soldi li forma al lavoro.
(Roma)
-

L’80% dei richiedenti asilo italiani vive nei Cas, dove ci sono meno probabilità statistiche di ricevere formazione e le diarie sono intorno ai 30 euro.
Corsi di lingua, ma anche lezioni su usi e costumi del Paese, tre pasti,...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati