FATTURE FALSE: chiesto PROCESSO per genitori di Renzi

(Firenze)ore 23:16:00 del 14/05/2018 - Genere: , Cronaca, Denunce, Politica

FATTURE FALSE: chiesto PROCESSO per genitori di Renzi

La richiesta, inviata al gip in questi giorni, segue l’avviso di conclusione delle indagini di alcune settimane fa

Evviva, è proprio vero che la giustizia è uguale per tutti, potenti e non. Questo è un altro processo che coinvolge la potentissima famiglia di Matteo Renzi, altri processi sono in arrivo, in primis Consip, e grazie a questi processi si capirà veramente il personaggio buffone Matteo Renzi, che altro non era che a capo di una organizzazione massonica/mafiosa che è stata sconfitta definitivamente grazie alla vittoria del no al referendum del 4 dicembre 2016 ed alla umiliazione subita alle ultime elezioni politiche che ha praticamente ridotto il PD alla nullità assoluta, o quasi.

Vi ricordate che quando il bullo di Rignano imperava a Palazzo Chigi voleva affidare al suo migliore amico e compare di nozze, Marco Carrai, intimo degli israeliani e del loro efficientissimo servizio segreto, come capo della Cybersecurity italiana? Fu Mattarella ad opporsi strenuamente, per fortuna! Sarebbe anche importante che la giustizia scavi anche nella fondazione Open di Matteo Renzi, perchè ci potrebbero essere delle belle notizie per il popolo italiano.

La procura di Firenze ha fatto richiesta al gip di rinvio a giudizio per i genitori dell’ex premier e segretario del Pd, Tiziano Renzi e Laura Bovoli, accusati di emissione di fatture false tramite l’azienda di famiglia Eventi 6 e la Party srl nell’ambito dell’affare degli outlet The Mall del gruppo Kering (Gucci). Chiesto il processo anche per il loro ex socio, il faccendiere pugliese Luigi Dagostino, che deve rispondere delle stesse accuse più di un’altra per truffa.

L’inchiesta condotta dai pm fiorentini Christine von Borries e Luca Turco, ha acceso un faro su un incasso illegittimo di quasi 200mila euro ricevuto tra giugno e luglio 2015 dalle due società riconducibili ai genitori di Matteo Renzi. Grazie appunto a due fatture che gli inquirenti ritengono false e, soprattutto, ai magheggi  di Dagostino. Secondo la ricostruzione dei pm, in particolare, i genitori dell’allora capo del governo si erano accordati con lo sviluppatore degli outlet, per emettere la fattura più rilevante, quella da 140mila euro oltre all’Iva, relativa a uno studio di fattibilità che però “non era mai stato effettuato”. La fatturazione è stata piuttosto laboriosa visto che sono state necessarie almeno due bozze prima di arrivare alla versione definitiva che parla di uno studio di fattibilità di un’area food nei pressi del The Mall di Leccio Reggello. Inizialmente, invece, come testimonia uno scambio di email, gli indagati avevano pensato a motivare il pagamento con lo studio di una “struttura ricettiva alberghiera” e dei relativi supporti logistici, quindi avevano aggiunto il food e poi hanno deciso che sarebbe bastata la sola ristorazione che compare nella terza e definitiva versione della fattura.

Grazie poi all’intervento di Dagostino che ha fatto tempestivamente mettere in pagamento le fatture, la Bovoli e Renzi hanno ricevuto quello che i pm definiscono “un ingiusto profitto” ai danni della società che ha effettuato il pagamento. Cioè la Tramor. Quest’ultima era un’impresa riconducibile alla famiglia Moretti di Arezzo che è servita da contenitore per lo sviluppo del progetto di ampliamento del The Mall di Leccio Reggello e che, a fine lavori, a giugno del 2015, è stata ceduta al committente Kering. Dagostino ne è stato amministratore fino al passaggio di mano, ma secondo gli inquirenti ha “abusato di tale carica anche dopo le dimissioni, agendo quale ideatore ed esecutore materiale” di quella che, sempre secondo gli inquirenti, si configura come una truffa. Che è venuta a galla quando, a fine 2017, l’amministratore di Kering in Italia ha corretto la dichiarazione dei redditi presentata dalla Tramor per il 2015, dopo aver verificato che due anni prima era stata pagata una fattura “non supportata da adeguata documentazione, dato che non rinveniva né il contratto di affidamento a tale società (la Eventi 6,ndr) né lo studio di fattibilità menzionato in tale fattura”.

Dopo la notizia della richiesta di rinvio a giudizio, è stata diffusa una nota di Federico Bagattini, legale dei genitori dell’ex premier: “La richiesta diffusa dalla stampa e della quale la difesa non ha conferma ufficiale è ampiamente compatibile con la nostra richiesta di andare a processo, formulata qualche tempo fa. Siamo certi di poter dimostrare in sede processuale l’assoluta correttezza dei comportamenti tenuti dai signori Renzi”.

Da: Il Fatto

Scritto da Samuele

ALTRE NOTIZIE
Sigarette: tutti i prodotti CHIMICI NOCIVI che non conosci
Sigarette: tutti i prodotti CHIMICI NOCIVI che non conosci
(Firenze)
-

Sigarette, sigari e tabacco da pipa sono sì fatti con foglie di tabacco essiccate, ma altre sostanze chimiche vengono aggiunte per dare sapore e per rendere il fumo più piacevole.
Sigarette, sigari e tabacco da pipa sono sì fatti con foglie di tabacco...

Con la quota 100 di Salvini in pensione anche a 58 anni!
Con la quota 100 di Salvini in pensione anche a 58 anni!
(Firenze)
-

Pensione a 62 anni con “quota 100”: come funziona la proposta di Matteo Salvini
Pensione a 62 anni con “quota 100”: come funziona la proposta di Matteo Salvini–...

Ecco chi e' il finanziere che vuole RESUSCITARE Matteo Renzi
Ecco chi e' il finanziere che vuole RESUSCITARE Matteo Renzi
(Firenze)
-

Davide Serra ha fondato un nuovo think tank: l’Algebris Policy & Research Forum. Il nome si inspira chiaramente alla sua società di gestione di risparmio (Algebris).
Davide Serra ha fondato un nuovo think tank: l’Algebris Policy & Research...

Bavaglio al web dall'Ue: vietato diffondere POST dei BLOG
Bavaglio al web dall'Ue: vietato diffondere POST dei BLOG
(Firenze)
-

Il 12 settembre il Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato la legge sul copyright.
Il 12 settembre il Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato la legge...

Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni
Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni
(Firenze)
-

La leader del movimento “Domenica no grazie, Tiziana D’Andrea, racconta delle telefonate che riceve dalle ex colleghe che denunciano condizioni di lavoro inaccettabili
“Lavorare tutte le domeniche mi ha stravolto la vita. Dopo 20 anni di lavoro...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati