Giappone: carenza di manodopera? ROBOT AL POSTO DEGLI IMMIGRATI

(Bologna)ore 19:39:00 del 12/01/2019 - Genere: , Economia, Esteri, Lavoro

Giappone: carenza di manodopera? ROBOT AL POSTO DEGLI IMMIGRATI

Un Paese che invecchia e rimane senza operai. Ma è terrorizzato dall'immigrazione

I robot ci sostituiranno e lavoreranno al posto nostro. E’ questa una delle più diffuse paure dei Paesi sviluppati. In Giappone è già una realtà. I robot però non vengono usati per sostituire chi lavora, ma per far fronte alla mancanza di manodopera.

Un problema che da qualche tempo si trovano ad affrontare molte imprese del Sol Levante. Tra le cause del fenomeno - scrive La stampa - ci sono il crollo demografico e la chiusura agli immigrati. Nel 2017 nel Paese è previsto un aumento degli investimenti nelle macchine pari al 17,5%. A riferirlo è un rapporto della Bank of Japan, di cui ha dato conto l’agenzia di stampa internazionale Reuters. “La percentuale di spesa dedicata a diventare più efficienti sta aumentando a causa della mancanza di lavoratori”, ha dichiarato Seiichiro Inoue, direttore dell’ufficio per la politica industriale del ministero giapponese dell’Economia.

Diecimila richieste di asilo. 28 accolte

Oggi in Giappone i tassi di natalità più bassi hanno generato un invecchiamento precoce della popolazione e una diminuzione della forza lavoro che hanno messo in serio pericolo la futura crescita economica del Paese.  Il modo in cui il Paese affronterà i problemi causati da una popolazione che invecchia sarà di esempio anche per altre popolazioni limitrofe, tra cui la Cina e la Corea del Sud, che dovranno affrontare simili sfide nei prossimi anni. 

Al momento - si legge ancora sulla Stampa - tra le soluzioni contemplate non c’è quella di utilizzare l’immigrazione per compensare il declino. Basti considerare che l’anno scorso sono stati accolti appena 28 richiedenti asilo e 27 nel 2015. Questo rispetto a 10.000 richieste presentate nel 2016, in particolare da persone provenienti da Nepal, Turchia e Sri Lanka.  Non sorprende dunque se nella relazione annuale sulla politica estera pubblicata ogni anno dal ministero competente si legge già alla seconda pagina: "Il numero di persone che attraversano le frontiere è drammaticamente in crescita a causa della globalizzazione, questo fatto pone una grave minaccia per lo scoppio e la diffusione di malattie infettive".  

Nessun cenno quindi alle risorse che potrebbero rappresentare i migranti: si parla solo di un loro potenziale pericolo.

Il futuro sarà delle macchine

Le stime di Carl Benedikt Frey & Michael Osborne, nello studio Technology at work, the future of innovation and employment, prevedono l’automatizzazione di circa il 47% delle professioni negli Usa nei decenni a venire, con conseguenti perdite di posti di lavoro. Più ottimisti - scrive Il Fatto Quotidiano - sono gli studi Ocse, che prevedono la perdita solo dell’8-10% di posti di lavoro a causa dell’ascesa della tecnologia e dell’automatizzazione, mentre sette lavoratori su dieci dovranno cambiare il loro modo di lavorare. In ogni caso, maggiormente premiati saranno i lavoratori altamente specializzati, o comunque in possesso di buone competenze tecnologico-digitali, a differenza dei lavoratori a bassa qualifica, che troveranno occupazioni temporanee e instabili.

I nostri giovani faranno nuovi mestieri, come il designer engineer, il cyber security specialist, il business intelligent analyst, il data scientist e data specialist, l’esperto di privacy, il digital architet, il vertical farmer e chissà quali altri. Tutte nuove professioni che avranno a che fare con la cosiddetta Smart manufacturing, ovvero la raccolta dati tramite web, il loro utilizzo e trattamento, la gestione e progettazione dell’ambiente digitale, la produzione di macchinari e sistemi altamente automatizzati.

Da: QUI

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
Per 4,5 milioni di famiglie CURARSI e' un LUSSO
Per 4,5 milioni di famiglie CURARSI e' un LUSSO
(Bologna)
-

I dati della ricerca del Crea dell’Università Tor Vergata di Roma: si allarga il divario dei finanziamenti tra Italia e Ue e per il 5,5% delle famiglie curarsi è diventato ormai un lusso
Con la crisi economica che ha colpito il Paese, gli italiani da tempo hanno...

INTERCETTAZIONI: Lavoratori minacciati per iscriversi alla CISL
INTERCETTAZIONI: Lavoratori minacciati per iscriversi alla CISL
(Bologna)
-

Vaccaro è stato sospeso da ogni carica come ha fatto sapere il segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota
Tra le immagini presenti nel suo profilo Facebook ce n’è una che lo ritrae con...

SPESA ITALIANA SOLIDALE RECORD: 1200kg di alimenti per i POVERI
SPESA ITALIANA SOLIDALE RECORD: 1200kg di alimenti per i POVERI
(Bologna)
-

Il parroco e la spesa solidale record: raccolti 1200 chili di prodotti alimentari per i poveri di Roma
Il parroco e la spesa solidale record: raccolti 1200 chili di prodotti...

Crescita ZERO: a rischio quota 100 e reddito di cittadinanza
Crescita ZERO: a rischio quota 100 e reddito di cittadinanza
(Bologna)
-

Crescita quasi piatta per l’Italia il prossimo anno allo 0,3%: è una doccia gelata quella che gli analisti di Oxford Economics stimano per il PIL tricolore, molto più modesto dell’1 per cento scritto dal governo nella legge di bilancio.
Crescita quasi piatta per l’Italia il prossimo anno allo 0,3%: è una doccia...

Reddito di cittadinanza: tetto ai contanti, obbligo di spesa e paletti, cosa non sapete
Reddito di cittadinanza: tetto ai contanti, obbligo di spesa e paletti, cosa non sapete
(Bologna)
-

Ogni promessa è (un) debito. L' impegno elettorale ieri sera si è trasformata in realtà, e vale circa 6 miliardi di nuovo debito sui conti pubblici
Ogni promessa è (un) debito. L' impegno elettorale ieri sera si è trasformata in...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati