Hidden Agenda, anteprima

(Ancona)ore 13:37:00 del 19/12/2017 - Genere: , Videogames

Hidden Agenda, anteprima

Il Manipolatore - questo il nome del feroce assassino - è colui il quale dovremmo smascherare al più presto, prima che altre vittime si aggiungano alla lunga lista di cadaveri.

Sony ha varato da qualche mese il progetto PlayLink, ovvero portare nel salotto di casa una serie di piccoli titoli per PlayStation 4 in grado di divertire parenti e amici per qualche ora. Non occorre altro che un Dualshock 4, il resto delle azioni vengono effettuata in modo intuitivo scaricando l'applicazione dei singoli giochi sullo smartphone dei presenti, così da permettere a tutti di partecipare. L'apripista è stato Dimmi chi sei, disponibile ormai da questa estate come titolo gratuito dell'abbonamento PlayStation Plus, ma sono ora disponibili altri tre prodotti dai generi più disparati: un party game alla quiz show (Sapere è Potere), lo spin-off SingStar Celebration, e da ultimo Hidden Agenda. Quest'ultimo, thriller investigativo cinematografico, è forse il più interessante dei tre, soprattutto per l'originalità delle meccaniche messe in campo, per la prima volta proposte in salsa social game.

Dopo Dimmi chi Sei!, il catalogo PlayLink si aggiorna con un prodotto che mette nuovamente alla prova le nostre capacità investigative, e lo fa con un titolo dal taglio spiccatamente cinematografico. La trama (infarcita dai cliché del caso) ci catapulta in una non meglio identificata città americana, sconvolta da una serie di efferati omicidi legati in qualche modo ad alcuni membri della polizia locale. Becky Marnie è l'agente a capo del caso, mentre Felicity Grames è la procuratrice distrettuale intenzionata mettere la parola fine a questa lunga di scia di sangue dai risvolti misteriosi.

Il Manipolatore - questo il nome del feroce assassino - è colui il quale dovremmo smascherare al più presto, prima che altre vittime si aggiungano alla lunga lista di cadaveri. E non sarà un compito semplice, visto che tra bivi decisivi e dialoghi da ascoltare molto attentamente, i ruoli si invertiranno in maniera tremendamente rapida, cambiando le carte in tavola sino a uno dei diversi risvolti a cui andremo incontro. Insomma, Supermassive Games riprende il già collaudato sistema decisionale composto da bivi, una recitazione che sembra uscita da una serie televisiva e un comparto grafico che mira a esaltare l'elemento cinematico nel suo insieme: Hidden Agenda si allontana però dall'esperienza solitaria di un Heavy Rain qualsiasi, visto che l'intera avventura viene gestita smartphone alla mano e con un gruppo di altri giocatori al seguito (per un massimo di sei). Un "leader" dovrà decidere cosa accade a schermo, mentre i restanti saranno chiamati a prendere le decisioni che si gli si pareranno dinanzi, usando semplicemente il sistema touchscreen del loro device. 
Ogniqualvolta una scelta sarà presa sarà la maggioranza ad avere la meglio sul risvolto. Un sistema a bivi dai presupposti "democratici", che punta moltissimo sull'interazione tra i componenti del gruppo: essere in disaccordo spesso equivarrà a portare fuori strada le indagini, con conseguente fumo negli occhi di prima stava cercando di risolvere il caso nel miglior modo possibile. Anche perché alcune decisioni obbligheranno tutti i giocatori a essere d'accordo, specie nei momenti cruciali dell'avventura, cosa questa che costringerà a rivedere le proprie certezze e i propri dubbi.

L'assassino è tra noi

Hidden Agenda spingerà quindi i giocatori a parlare spesso tra di loro, confrontandosi e, perché no, mettendosi in discussione: capiterà infatti di mettere alla prova la validità e la fiducia di un componente, il quale potrà a volte essere costretto a prendere decisioni in solitaria, dimostrando il proprio sangue freddo e la consapevolezza di portare a termine il caso nel miglior modo possibile. Senza contare che, spendendo una cosiddetta "Carta Decisione", potremo far valere la nostra parola contro quella degli altri (ve ne saranno un numero limitato, quindi non abusatene). Una volta esaurita l'avventura principale, i giocatori potranno sempre cimentarsi in una particolare Modalità Competitiva, che mostrerà a ciascuno di loro (più in particolare sul proprio smartphone) l'obiettivo da raggiungere. Nulla di particolare, quindi, ai fini dell'esperienza principale, un'esperienza che si muove blandamente tra l'avventura testuale e il social game, senza però brillare in nessuno di due casi: se infatti la vicenda è quantomeno interessante, la ridondanza delle meccaniche di gioco "a bivi" e la mancanza di veri e propri colpi di scena travolgenti, renderanno la - breve, nonostante la presenza di più finali - indagine di Hidden Agenda un passatempo da affrontare preferibilmente in una serata di pioggia in compagnia dei propri amici. 
Certo, l'avventura è affrontabile anche in solitaria ma è davvero sconsigliabile cimentarsi in un gioco pensato per più persone come fosse una semplice esperienza cinematica interattiva. 
Fortuna vuole che il comparto grafico è invece realmente ben fatto e rifinito, con animazioni dei volti e più in generale una resa estetica di ambienti e personaggi piuttosto curata, pur non raggiungendo in ogni caso le vette di espressività di un Until Dawn. Insomma, il titolo Supermassive Games è un piacevole divertissement, senza ambire a chissà quale picco qualitativo, un Cluedo infarcito di QTE. Da giocare e dimenticare piuttosto in fretta, sperando che il catalogo PlayLink si arricchisca presto di esperienze più ricche e decisamente più longeve rispetto alla vicenda legata agli omicidi del Manipolatore.

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
Plug Me, anteprima
Plug Me, anteprima
(Ancona)
-

Pensando a giochi come Super Meat Boy, Fez "e i loro fratelli", è facile capire i motivi dietro al loro successo
Sin dall'alba degli indie moderni e dell'esplosione di questi progetti a basso...

Tennis World Tour, guida passo passo
Tennis World Tour, guida passo passo
(Ancona)
-

La soluzione pensata dai ragazzi di Breakpoint è quella di avvicinarsi di più ad una simulazione che vada oltre il classico spostati/premi un pulsante/spostati di nuovo, offrendo anche una campagna per giocatore singolo e un interessante sistema di progre
Che sia il semplice "Tennis" del 1984 o la più mainstream serie "Top Spin",...

Donkey Kong Country Tropical Freeze, recensione
Donkey Kong Country Tropical Freeze, recensione
(Ancona)
-

La natura hardcore del gameplay aveva abbracciato una varietà di nemici, ambientazioni e lampi di game-design notevoli, catturando in quel vortice di prova e riprova tutti i giocatori amanti dei platform e delle sfide vecchia scuola.
Quando c'è di mezzo Donkey Kong non si può scherzare. Dietro una vena ironica e...

Rick and Morty Virtual Rick-ality, anteprima
Rick and Morty Virtual Rick-ality, anteprima
(Ancona)
-

La premessa narrativa del gioco è tanto semplice quanto ilare, proprio come ci si aspetterebbe da un episodio della serie.
C’è ancora qualcuno che non conosce Rick e Morty? Le avventure di questo...

Extinction, recensione
Extinction, recensione
(Ancona)
-

Extinction non è uno di quei titoli che ama mettere parecchie idee nel calderone e far scegliere agli utenti quali sono quelle più azzeccate; al contrario, ne mette in gioco una soltanto e tenta di strutturargli attorno un intero gioco
Extinction non è uno di quei titoli che ama mettere parecchie idee nel calderone...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati