I FILM IN STREAMING?? SONO LECITI! LEGGI E CONDIVIDI..

(Bari)ore 13:49:00 del 31/03/2017 - Genere: , Curiosità, Internet, Sociale

I FILM IN STREAMING?? SONO LECITI! LEGGI E CONDIVIDI..

LA SENTENZA EMESSA DAL TRIBUNALE DI FROSINONE È DESTINATA A FARE GIURISPRUDENZA.

LA SENTENZA EMESSA DAL TRIBUNALE DI FROSINONE È DESTINATA A FARE GIURISPRUDENZA. PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA E IN EUROPA INFATTI UN GIUDICE HA ANNULLATO UNA SANZIONE, DI QUASI 600 MILA EURO, A CARICO DEL GESTORE DEI SITI, NELLO SPECIFICO FILMAKERS.BIZ, FILMAKER.ME, FILMAKERZ.ORG E CINETEKA.ORG, CHE PERMETTONO DI VEDERE ONLINE I FILM IN STREAMING.

“Finalmente un giudice ha riconosciuto che non è automatica la violazione del diritto d’autore se un sito ospita link a streaming di film e musica su internet, anche con banner pubblicitari, se non è chiaro il fine di lucro“, dice l’avvocato Fulvio Sarzana a Repubblica.it. “Per la prima volta, è stato ristabilito lo stato di diritto nelle questioni di copyright. Questo è infatti il primo giudice che riconosce che se non ci sono prove sufficienti, un sito non può essere chiuso e il suo gestore sanzionato“, dichiara al quotidiano romano Marco Scialdone, docente a contratto in Digital Copyright, presso la Link Campus University di Roma e responsabile del team legale dell’Associazione “Agorà Digitale”, la principale organizzazione italiana in tema di diritti digitali.

Scialdone spiega perché la sentenza in questione può essere considerata storica: “Finora in Italia c’è stato un automatismo, come un riflesso culturale più che giuridico: se un sito era bollato come pirata, il giudice non usava le solite cautele per verificare l’impianto probatorio. Il tutto perché le tante battaglie politiche fatte dall’industria del copyright ha fatto passare l’idea che certe attività sono di per sé illegali, quindi attenzione del giudice si abbassava nell’affrontare i casi“. Questa volta però non è stato così tanto che la sanzione da quasi 600 mila euro nei confronti del gestore dei siti è stata annullata.

Il giudice – spiega l’avvocato Sarzana – rilevando come l’indicazione di link non possa qualificarsi come messa a disposizione diretta di file protetti dal diritto d’autore ha ritenuta lecita l’attività del portale. E questo nonostante la presenza di banner pubblicitari. Il giudice infatti ha evidenziato quanto in sé il file sharing, ovvero la condivisione di file protetti dal diritto d’autore, sia un risparmio di spesa e non una attività con finalità di lucro“. In sintesi, il giudice ha stabilito che “non basta che il sito produca reddito ma occorre dimostrare che l’attività di lucro sia collegata alla singola opera e che ne sia il corrispettivo, perché altrimenti siamo in presenza di un risparmio di spesa e non di una attività di messa a disposizione per finalità di lucro”, dice Sarzana.

Da: QUI

Scritto da Samuele

ALTRE NOTIZIE
Meteore, comete e congiunzioni: il cielo di DICEMBRE e' uno SPETTACOLO!
Meteore, comete e congiunzioni: il cielo di DICEMBRE e' uno SPETTACOLO!
(Bari)
-

Il mese di dicembre, quello in cui prende ufficialmente il via l'inverno, offre un ricchissimo menù di spettacolari eventi astronomici, da osservare a occhio nudo, con un semplice binocolo o al telescopio.
Il mese di dicembre, quello in cui prende ufficialmente il via l'inverno, offre...

Google rilascia CHROME 71: tutte le novita'
Google rilascia CHROME 71: tutte le novita'
(Bari)
-

Google ha annunciato il rilascio di Chrome 71 per Windows, Mac e Linux, un'importante versione del browser web su cui la compagnia è al lavoro da diversi mesi.
Google ha annunciato il rilascio di Chrome 71 per Windows, Mac e Linux,...

Onu: entro il 2030 ognuno di noi dovra' avere una IDENTITA' BIOMETRICA
Onu: entro il 2030 ognuno di noi dovra' avere una IDENTITA' BIOMETRICA
(Bari)
-

Grazie all’abile uso di trattati e accordi internazionali, il dominio su questo pianeta sta diventando sempre più globalizzato e centralizzato, eppure la maggior parte della gente non sembra preoccuparsene soprattutto per via della grande disinformazione
Grazie all’abile uso di trattati e accordi internazionali, il dominio su questo...

A NAPOLI la fermata BUS piu' BELLA DEL MONDO
A NAPOLI la fermata BUS piu' BELLA DEL MONDO
(Bari)
-

Ci sono due fermate dell’autobus in via Posillipo che per collocazione sono dei veri e propri capolavori involontari: le pensiline trasparenti danno le spalle allo straordinario spettacolo del Golfo di Napoli con Vesuvio e Castel dell’Ovo.
Via Posillipo è la lunga strada panoramica che sale su verso la zona collinare...

Qwant: l'alternativa etica a Google!
Qwant: l'alternativa etica a Google!
(Bari)
-

L'inventore del motore di ricerca etico, Eric Léandri, sogna anche un internet europeo.
Qwant non è il Google francese. È un motore di ricerca ma, al contrario del suo...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati