Il piano di RENZUSCONI per risanare il debito? VENDERE IL PATRIMONIO PUBBLICO ITALIANO!

(Bologna)ore 11:27:00 del 20/01/2018 - Genere: , Denunce, Economia, Politica

Il piano di RENZUSCONI per risanare il debito? VENDERE IL PATRIMONIO PUBBLICO ITALIANO!

Si sono già svenduti tanti beni pubblici e la cosa ha solo impoverito il Paese, al debito non ha manco fatto il solletico, alle tasche di qualche imprenditore e politico ha fatto però tanto tanto bene...

Non andrebbero votati solo per questa idea malsana e criminale! La privatizzazione ha portato solo danni e costi maggiorati a dismisura per il cittadino a fronte di un puntuale peggioramento del servizio. Si sono già svenduti tanti beni pubblici e la cosa ha solo impoverito il Paese, al debito non ha manco fatto il solletico, alle tasche di qualche imprenditore e politico ha fatto però tanto tanto bene...

La proposta di Renzi e Berlusconi per diminuire al 100% il debito pubblico...? E' il gioco delle tre carte. Nascondere una parte del debito passandolo alla Cassa Depositi e Prestiti. Contabilmente potrebbe funzionare, fino a quando i tedeschi non faranno cambiare il modo di calcolo del debito. Utilizzare, come in Svizzera, la moneta complementare: è questo secondo me il sistema migliore. In Svizzera funziona alla grande. Anzi sarebbe proprio il caso di istituzionalizzarla a livello europeo: ogni Stato membro con la sua brava moneta complementare, che ha regolecompletamente diverse da quella ufficiale, che resterebbe l'euro.

Il partito di Silvio Berlusconi va oltre le grandi cartolarizzazioni immobiliari sognate da Giulio Tremonti all’inizio degli anni Duemila e, aggiungendo alla posta in gioco anche le quote dei gruppi pubblici, arriva di fatto per proporre un’operazione molto simile a quella incentrata su Cassa depositi e prestiti che Matteo Renzi ha delineato la scorsa estate nel suo libro Avanti. Sia Brunetta sia Marattin, innanzitutto, annunciano che intendono ridurre il rapporto debito/pil al 100%. Per avere un ordine di grandezza, si parla di una differenza di circa 560 miliardi. Forza Italia conta di farlo in cinque anni (come del resto il Popolo della Libertà aveva promesso già nel programma elettorale del 2013,) il Pd “nei prossimi dieci“.

Il piano Capricorn lanciato da Renzi – In entrambi gli interventi si sottolinea che occorre per prima cosa far crescere il denominatore, cioè il prodotto interno lordo. Il secondo pilastro è l’attacco frontale all’ammontare nominale del debito. E qui le proposte corrono su un unico binario. Marattin parla di “un programma di dismissioni patrimoniali (mobiliari e immobiliari) capace di assicurare lungo i 10 anni una cifra compresa tra il 2% e il 4% del pil“. Cioè tra 24 e 48 miliardi, al valore attuale del prodotto interno lordo. Non ci sono altri dettagli, ma viene naturale pensare al piano Capricorn, quello che il segretario Pd ha descritto nel suo libro come “un’operazione sul patrimonio che laCassa depositi e prestiti e il ministero dell’Economia e delle Finanze hanno già studiato”. Intervistato dal Sole 24 Ore, l’ex premier aveva parlato di un’iniziativa “che consenta ai cittadini di avere forme di rendimento sicure e solide anche attraverso la partecipazione ai beni immobili e mobili che costituiscono il patrimonio di amministrazione centrale ed enti locali”, un’operazione “potenzialmente win win” in cui “la Cdp avrà un ruolo strategico”.

Reuters aveva aggiunto qualche particolare, spiegando che il piano prevede che le quote residue di PosteEniEnel, Enav e Fs ancora in mano al Tesoro e qualche asset immobiliare vengano ceduti al gruppo pubblico che gestisce il risparmio postale. Cdp finanzierebbe l’acquisizione emettendo azioni privilegiate che potrebbero essere cedute a investitori istituzionali. Di fatto è una partita di giro, visto che Cdp è controllata dal ministero di via XX Settembre. Ma l’escamotage potrebbe funzionare fino a quando Eurostat la considera fuori dal perimetro del debito pubblico. Cosa che recentemente è stata oggetto di riflessione da parte dell’istituzione del Lussemburgo, tanto che a fine dicembre il governo ha dovuto bloccare la cessione alla Cassa del 50,37% di Enav e di una parte del 4,34% posseduto in Eni.

Riferimenti Il Fatto

Scritto da Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Confessioni di un sicario dell’economia
Confessioni di un sicario dell’economia
(Bologna)
-

Questa è la storia di John Perkins, il capo economista di una società di consulenze, ingegneria e costruzioni di Boston.
Questa è la storia di John Perkins, il capo economista di una società di...

Genova: familiari di diciassette vittime rifiutano i funerali di Stato
Genova: familiari di diciassette vittime rifiutano i funerali di Stato
(Bologna)
-

Rabbia e sfiducia nei confronti dello Stato: per questo le famiglie di 17 delle 38 vittime di Genova hanno scelto il rito privato
I familiari di diciassette delle trentotto vittime di Genova hanno scelto i...

Travaglio: altro che Torino-Lione, c'e' da salvare un’Italia a pezzi
Travaglio: altro che Torino-Lione, c'e' da salvare un’Italia a pezzi
(Bologna)
-

Quando un viadotto autostradale si sbriciola in un secondo seppellendo morti e feriti, tutte le parole sono inutili
Quando un viadotto autostradale si sbriciola in un secondo seppellendo morti e...

Autostrade: profitti da record ma tagli alla sicurezza
Autostrade: profitti da record ma tagli alla sicurezza
(Bologna)
-

Investimenti in calo e bilanci d'oro per la società dei Benetton che gestiva il viadotto
Era il 4 settembre del 1967: c'erano la banda, il vescovo e il presidente...

Blablacar d' un passaggio a 2 stranieri: 24mila euro di multa e 9 mesi di carcere
Blablacar d' un passaggio a 2 stranieri: 24mila euro di multa e 9 mesi di carcere
(Bologna)
-

Dà un passaggio a due stranieri con Blablacar: condannato per favoreggiamento dell’immigrazione irregolare
Un ragazzo italiano ha patteggiato una condanna a 9 mesi di carcere per...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati