Internet news: la dubbia attendibilità di Wikipedia

AREZZO ore 19:35:00 del 03/02/2015 - Genere: Cultura, Denunce, Internet

Internet news: la dubbia attendibilità di Wikipedia

Internet news: la dubbia attendibilità di Wikipedia | L’analisi di Italiano Sveglia

Può il Nuovo Ordine Mondiale, che censura tutte le televisioni, i giornali e le riviste scomode dare a noi, liberi cittadini, una fonte di informazione alternativa, gratuita e libera? Assolutamente no. Ecco un’attenta analisi sulla dubbia attendibilità di Wikipedia.

Wikipedia è uno dei mezzi più utili per la ricerca di informazioni. Una vera e propria enciclopedia on line consultata ogni giorno da studenti che ne prendono (o meglio, copiano) le notizie per le proprie ricerche. Fonte di una cultura generale che viene da utenti di ogni estrazione, non necessariamente professori o esperti nel campo, wikipedia ha nel suo modo di essere un punto di forza e di debolezza. Se i contenuti delle varie pagine possono essere scritte da tutti, non necessariamente da utenti competenti in una determinata materia, si può quindi incorrere in notizie non del tutto veritiere, o, come spesso recitano le note “senza fonte”. E infatti i controlli effettuati portano spesso a modifiche dei testi, con correzioni che possono essere più o meno ingenti a seconda dell’argomento.

I contenuti di Wikipedia sono stati confrontati con la letteratura medica ufficiale ed è emerso che in 9 voci su dieci ci sono errori e imprecisioni. La raccomandazione degli studi è che Wikipedia non sia usata dai pazienti come risorsa primaria di informazioni inerenti i propri problemi di Salute, ma che si faccia sempre affidamento al proprio medico. Wikipedia dal canto suo si difende dicendo che lo studio ha preso in esame solo poche voci e che comunque ci sono tante iniziative che coinvolgono medici e associazioni di medici per migliorare i contenuti dell'enciclopedia

Cosa ne pensi dell’attendibilità di Wikipedia? Credi che sia un’imparziale fonte di informazione o che sia in realtà censurata dai poteri forti?

ESPRIMI IL TUO GIUDIZIO E VALUTA IN BASSO L’ATTENDIBILITA’ DI WIKIPEDIA DA 1 A 10

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Abruzzo? La Regione piu' CORROTTA d'Italia. LO STUDIO ISTAT
Abruzzo? La Regione piu' CORROTTA d'Italia. LO STUDIO ISTAT

-

L’11,5% delle famiglie abruzzesi, nel corso della vita, si è sentito chiedere denaro, favori, regali o altro in cambio di servizi e agevolazioni o ha dato soldi e regali in cambio di favori
L’11,5% delle famiglie abruzzesi, nel corso della vita, si è sentito chiedere...

Merkel sugli immigrati? Chiusura dei confini, deportazioni ed espulsioni di richiedenti asilo. ALTRO CHE SALVINI!
Merkel sugli immigrati? Chiusura dei confini, deportazioni ed espulsioni di richiedenti asilo. ALTRO CHE SALVINI!

-

Altro che Salvini. Le durissime proposte del partito della Merkel sui migranti
In Germania il partito di Angela Merkel, l’Unione cristiano-democratica,...

Aborti in Spagna, dove si spende 10 volte in piu' per uccidere che per prevenire
Aborti in Spagna, dove si spende 10 volte in piu' per uccidere che per prevenire

-

Paradossi: 34 milioni alle donne che abortiscono, 4 milioni alle mamme
Pubblicato il rapporto 2017 del ministero della Salute: il numero di...

Misteriosa influenza sta colpendo l'Italia: cosa sta succedendo?
Misteriosa influenza sta colpendo l'Italia: cosa sta succedendo?

-

Focolai di polmonite anomala che scoppiano improvvisamente a macchia di leopardo.L'esperto in diretta afferma che tali infezioni si contraggono per via aerosol
Focolai di polmonite anomala che scoppiano improvvisamente a macchia di...

Rispedire in Libia i migranti? Significa LASCIARLI MORIRE
Rispedire in Libia i migranti? Significa LASCIARLI MORIRE

-

Quando vengono rispediti a Tripoli finiscono in carcere in condizioni spaventose, senza acqua né cibo per giorni, sottoposti a torture, a rischio di epidemia e alla compravendita
Riportare i migranti in Libia significa salvarli, ripete da mesi il ministro...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati