La sinistra (IPOCRITA) si salva mettendo il PUPAZZO GRASSO COME ANTI RENZI

(Torino)ore 09:29:00 del 08/12/2017 - Genere: , Denunce, Politica

La sinistra (IPOCRITA) si salva mettendo il PUPAZZO GRASSO COME ANTI RENZI

Sicché sarebbe Pietro Grasso, detto Piero, il formidabile anti-Renzi? O meglio l’anti-Renzusconi, l’eroe carismatico che si opporrà all’ennesimo inciucio che ci attende? Ma mi faccia il piacere, direbbe Totò.

Sicché sarebbe Pietro Grasso, detto Piero, il formidabile anti-Renzi? O meglio l’anti-Renzusconi, l’eroe carismatico che si opporrà all’ennesimo inciucio che ci attende? Ma mi faccia il piacere, direbbe Totò.

Abbiate fede: prima o poi gli italiani avranno finalmente un Parlamento degno – non ancora nella primavera 2018, però. Parola di Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt e promotore del Pdp, Partito Democratico Progressista, che ancora aspetta di nascere su base popolare, mediante assemblea costituente con libera adesione. Obiettivo: fare piazza pulita dei personaggi che hanno condannato il paese al declino, e che – lungi dal farsi da parte – animano l’imbarazzante farsa dell’ennesima campagna elettorale inutile. Nessuno dei tre poli osa raccontare la nuda verità, l’inaccettabile sottomissione ai poteri forti europei che hanno costretto il sistema-Italia a fare harakiri. Renzi e Berlusconi, in attesa di sedersi allo stesso tavolo, fanno a gara a chi le spara più grosse, in termini di promesse elettorali palesemente impossibili da mantenere, sotto il regime di euro-austerity. Mentre il grillino Di Maio – altrettanto lontano dalla realtà – fa il turista a Washington, evitando accuratamente la sponda progressista. E a Roma intanto chi spunta? Pietro Grasso, il nuovo campione degli indimenticabili Bersani e D’Alema, notoriamente amatissimi dagli italiani.

«C’è da ridere per non piangere, se il rinnovamento deve partire da Grasso», dice Gioele Magaldi a David Gramiccioli di “Colors Radio” all’indomani della convention romana dei fuoriusciti dal Pd renziano, alleati degli ex-Sel e di gruppi ancora più Pietro Grassoesigui della sinistra, come quello di Civati.

«Già magistrato dignitoso, Grasso è un signore di 72 anni che è stato miracolato da alcune poltrone, come la presidenza del Senato: si è dimesso, tra virgolette, dal Pd, ma non ricordo che si sia erto a difensore della democrazia e dei diritti quando tutti quanti, da destra a sinistra, avallavano il Fiscal Compact varato dal governo Monti, anche con i voti di Bersani, D’Alema e compagni, tutti provenienti dalla filiera Pci». Insiste Magaldi: «L’aver pienamente sottoscritto le peggiori le politiche di rigore è davvero il peccato originale di questa sedicente sinistra italiana». E aggiunge: «Chi può pensare, seriamente, che il rinnovamento del paese possa venire da un personaggio come Grasso? Non direi che sia stato un presidente del Senato memorabile: e oggi il popolo “de sinistra” dovrebbe entusiasmarsi, plaudire? Immagino quanta eccitazione e quanti fremiti, alla vista di Grasso che arringa le folle. C’è davvero da piangere, da singhiozzare».

Per il dopo-elezioni, non c’è bisogno di profezie: sondaggi alla mano, Renzi e il Cavaliere saranno “costretti” a una riedizione del Patto del Nazareno. Larghe intese, ma dalla vita breve: Magaldi prevede «crisi parlamentari sempre più ravvicinate, nei Speranza, Grasso, Civati e Fratoianniprossimi tempi, perché la situazione è insostenibile: c’è una decadenza dell’Italia che ormai questa classe dirigente nel suo complesso non è in grado di fronteggiare», men che meno «gli spaventapasseri della convention romana della sinistra, vecchi notabili variamente riciclati, che oggi ci vengono a cantare questa canzone stonata: e sono più aristocratici loro, nei rapporti umani e anche nella visione politica, di altri che vengono collocati a destra». Magaldi pensa al futuro Pdp e ragiona da allenatore: «Basta con questa finzione, noi lavoriamo per un partito davvero popolare: non ci interessa la rappresentazione populista, demagogica e squinternata che fa del popolo una macchietta, vogliamo una politica finalmente all’altezza dell’Italia, fondata su sovranità, dignità e diritti». Si tratta di ripartire da zero, per una «credibile rigenerazione politica di un paese malgovernato per 25 anni dai sedicenti centrodestra e centrosinistra». Il punto di svolta? Dire no alla truffa del rigore, dogma ideologico imposto dall’élite finanziaria. E’ la parola d’ordine su cui, promette Magaldi, si costruirà il Pdp, già a partire dalla prossima legislatura, sapendo parlare anche a parlamentari «disgustati» dello spettacolo in arrivo.

Da: QUi

Scritto da Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Manager svela il marcio negli alimenti!
Manager svela il marcio negli alimenti!
(Torino)
-

Christophe Brusset, un manager che ha lavorato per anni nelle principali multinazionali del cibo svela il marcio nascosto nei prodotti del supermercato.
Christophe Brusset, un manager che ha lavorato per anni nelle principali...

Italia DISCARICA D'EUROPA: sul Lago Maggiore secondo deposito SCORIE NUCLEARI UE
Italia DISCARICA D'EUROPA: sul Lago Maggiore secondo deposito SCORIE NUCLEARI UE
(Torino)
-

Mentre l’Italia in anni di tentativi non riesce a decidersi sul deposito per i rifiuti nucleari ora dispersi in una ventina di stoccaggi atomici dal Piemonte alla Sicilia, la Commissione Ue ha costruito — ed è pronto, vuoto, tirato a lucido e profumato di
Mentre l’Italia in anni di tentativi non riesce a decidersi sul deposito per i...

L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
(Torino)
-

L’esercizio finanziario riferito alla stagione 2017/2018 risente della campagna acquisti dello scorso anno, anche se i ricavi sono in aumento.
Deficit in crescita rispetto allo scorso anno Il Milan ha pubblicato il...

Il potere ha paura della SPIRITUALITA', la fede rende un popolo piU' coraggioso e meno manipolabile
Il potere ha paura della SPIRITUALITA', la fede rende un popolo piU' coraggioso e meno manipolabile
(Torino)
-

La spiritualità mette in crisi il sistema basato sul dominio, per questo è stata così accanitamente combattuta, anche dalla religione stessa….
Oppio dei popoli? Sì, quando la religione “perde l’anima” e si trasforma in...

Come Coca Cola, Pepsi e Nestle' inquinano il pianeta: ecco come
Come Coca Cola, Pepsi e Nestle' inquinano il pianeta: ecco come
(Torino)
-

Appartengono a Coca-Cola, Pepsi e Nestlé la maggior parte dei contenitori e imballaggi usa e getta identificati nel corso di 239 attività di pulizia e catalogazione dei rifiuti – brand audit – condotti in 42 Paesi e sei continenti da Break Free From Plast
Appartengono a Coca-Cola, Pepsi e Nestlé la maggior parte dei contenitori e...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati