Lavoro news: la storia di Marco, emigrato a Londra

PESCARA ore 13:18:00 del 17/07/2015 - Genere: Lavoro - Lavoro

Lavoro news: la storia di Marco, emigrato a Londra

Lavoro news: la storia di Marco, emigrato a Londra. Ecco l’ennesima storia di una realtà completamente diversa dalla nostra

In pieno centro a Londra, a poche centinaia di metri da Buckingham Palace e dalla House of Parliament, c’è uno dei restaurant bar considerati tra i più “glamour” della zona. E che vede tra i suoi clienti fissi vip e politici, da Hugh Grant David Cameron, oltre a magnati e sceicchi. Si chiama “Bank Westminster” e il suo general manager è Marco Pavone, 45enne di Pescara (secondo da destra nella foto). Se n’è andato dall’Italia da ragazzo, in tempi non sospetti: “Oggi tanti giovani fanno le valigie per via della crisi, perché non c’è lavoro. Io ho tagliato la corda all’inizio degli anni novanta, perché già allora se volevi fare carriera l’Italia non era un buon posto dove continuare a vivere”. E con sé, negli anni, ha portato dalla sua città d’origine quelli che sono diventati i suoi dipendenti.

“Mi sono diplomato alla fine degli anni ottanta all’Istituto alberghiero di Pescara – ha detto – Finito il militare, sono partito per Londra, dove ho fatto mille lavori legati al mondo alberghiero. Fatta eccezione per un anno a Parma, tra il ’98 e il ’99, come bar manager, in Italia non ho più lavorato”. Prima di tornare e affermarsi nel cuore della CityPavone è stato per anni alle Barbados.

“Da settembre 2001 a giugno 2012 ho lavorato come general manager al in una catena di cinque luxury hotels, per un totale di 492 stanze, più ristorante”. Un’esperienza “tra i Caraibi e l’Oceano Atlantico” che, spiega, “mi ha fatto crescere tantissimo, sia come uomo che come professionista. Tra l’altro – aggiunge – nell’isola delle Barbados ho cominciato a cimentarmi con lecelebrities“. Tra loro anche “Luciano Pavarotti, John Travolta,Tom Cruise e Rihanna”.

Poi, a settembre 2012, il ritorno a Londra e lo scatto di carriera. E per prima cosa chiama a lavorare con sé una squadra di pescaresi come lui “per orgoglio campanilistico”, e per regalare un’opportunità di lavoro a chi è rimasto a casa. Perché, a parità di talento e savoir-faire, Marco privilegia i “conterranei”. “Un terzo dei miei dipendenti è originario di Pescara. Al Bank è in servizio un’autentica colonia abruzzese, e ne sono felice e fiero. Dalmanagement ai barman, ai portavivande; in sala, in cucina, al ristorante. Di Pescara, ad esempio, ci sono Enea, bar manager; Nausica, “dispence bar tender”, e Gianluca, il supervisor. Suo padre gestiva uno dei più famosi bar della città adriatica”. E ancora DamianoSalvatoreAndreaLaura eFederica.

Marco Pavone non ha dimenticato nemmeno un suo insegnante dei tempi dell’istituto alberghiero. Si chiama Gino Berardi (al centro), che da ragazzo era general manager da Ginevra a St. Moritz. Oggi vive a Pescara ed è un pittore apprezzato: “Nei mille metri quadri del mio locale ospitiamo una mostra permanente diGino, con trenta suoi quadri – spiega Pavone -. Il pubblico apprezza, e compra”. Quello che lo colpisce di più di Londra è lamentalità imprenditoriale: “Mi confronto con un pubblico internazionale, e globali e impeccabili devono essere anche i nostri standard”. Tornerà mai a lavorare in Italia? “Ne riparliamo dopo i cinquant’anni”.

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Cosi' scappa il futuro del MERIDIONE, che si svuota in silenzio
Cosi' scappa il futuro del MERIDIONE, che si svuota in silenzio

-

E chi glielo dice adesso a Salvini? Chi gli dice, mentre attende operoso al respingimento dei neri d’Africa, i nuovi invasori, che negli ultimi sedici anni circa un milione e ottocentomila italiani sono fuggiti dalle proprie case per cercare un lavoro e u
E chi glielo dice adesso a Salvini? Chi gli dice, mentre attende operoso al...

'Sei italiano? Non mi servi'! Ecco a cosa servono veramente gli IMMIGRATI
'Sei italiano? Non mi servi'! Ecco a cosa servono veramente gli IMMIGRATI

-

Nelle campagne della provincia bresciana è stata condotta un’inchiesta giornalistica, pubblicata dal Giornale di Brescia: c’è posto, per un italiano, come lavoratore agricolo?
Nelle campagne della provincia bresciana è stata condotta un’inchiesta...

Disoccupazione: Svizzera 6%, Italia 31%. Imparare LAVORANDO una scelta vincente in SVIZZERA
Disoccupazione: Svizzera 6%, Italia 31%. Imparare LAVORANDO una scelta vincente in SVIZZERA

-

Il sistema di formazione duale svizzero continua a riscuotere successo ed è spesso considerato un modello da seguire. Ma come funziona?
Il sistema di formazione duale svizzero continua a riscuotere successo ed è...

Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni
Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni

-

La leader del movimento “Domenica no grazie, Tiziana D’Andrea, racconta delle telefonate che riceve dalle ex colleghe che denunciano condizioni di lavoro inaccettabili
“Lavorare tutte le domeniche mi ha stravolto la vita. Dopo 20 anni di lavoro...

Insegnanti italiani meno pagati d'Europa (peggio solo la GRECIA)
Insegnanti italiani meno pagati d'Europa (peggio solo la GRECIA)

-

Insegnanti italiani sempre più poveri, sono tra quelli con lo stipendio più basso in Europa. 
Insegnanti italiani sempre più poveri, sono tra quelli con lo stipendio più...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati