Mentre SPRECHIAMO DENARO per Natale, in Africa UN VIRUS peggio della morte nera

(Milano)ore 10:21:00 del 22/11/2017 - Genere: , Cronaca, Denunce, Esteri

Mentre SPRECHIAMO DENARO per Natale, in Africa UN VIRUS peggio della morte nera

Il Malawi si sta organizzando per difendersi dall’epidemia di peste dal Madagascar, come riportato dal Daily Mail, dove si evidenzia che la malattia non cessa di diffondersi su tutto il territorio dell’isola africana

Il Malawi si sta organizzando per difendersi dall’epidemia di peste dal Madagascar, come riportato dal Daily Mail, dove si evidenzia che la malattia non cessa di diffondersi su tutto il territorio dell’isola africana. Almeno 143 persone sono morte e più di 2000 sono state infettate da quando, agli inizi di agosto di quest’anno, è stato lanciato l’allarme. Sono ora 10 le nazioni del continente africano colpite dall’epidemia.

Il Ministro della Salute del governo del Malawi ha confermato che il governo è pronto ad affrontare eventuali casi d’infezione, in una situazione di crescente preoccupazione a causa dei “confini colabrodo” che contraddistinguono il continente africano: “Abbiamo attrezzature dedicate alla prevenzione dell’infezione nonché gruppi di lavoro e squadre specializzate pronte per essere attivate nel caso s’identifichi un focolaio”.

Gli stati del Sud Africa, Mauritius, Seychelles, Tanzania, Réunion, Mozambico, Kenya, Etiopia e Comoros sono stati allertati, essendo tutti egualmente a rischio.

I casi d’infezione sono aumentati dell’otto per cento nel solo spazio di una settimana. Il professor Jimmy Whitworth, esperto di salute pubblica, ha descritto questa epidemia come “la peggiore degli ultimi 50 anni e più.”. I ricercatori stanno lavorando duramente per assicurarsi che la malattia non si diffonda dal Madagascar all’Africa continentale.

La buona notizia è che il ceppo patogeno responsabile della peste può essere combattuto con antibiotici: i soldi dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) saranno impiegati per finanziare personale medico supplementare, la disinfestazione degli immobili e il carburante per le autoambulanze.

Il virus Marburg: peggio della morte nera.

Oggi tuttavia un nuovo virus, per il quale i medici non hanno ancora sviluppato una cura, si sta diffondendo. Il nuovo virus ha una mortalità vicina al 90%, per cui ben più letale della ‘morte nera’ che sta flagellando il Madagascar, come riportato dall’Express.co.uk.

Il primo focolaio è scoppiato in Uganda e ci sono stati già 5 casi identificati. Il virus è conosciuto con il nome di Marburg. È simile all’Ebola e secondo la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità rappresenta una delle infezioni più virulente che possano colpire l’uomo:

“Il Virus Marburg è responsabile di una malattia rara con un alto tasso di mortalità, per il quale non c’è alcun trattamento specifico. Il virus si trasmette attraverso contatto diretto con sangue, fluidi corporei, e tessuti di persone o animali selvatici infetti (scimmie e pipistrelli della frutta).”

Il focolaio si è sviluppato all’inizio di settembre quando un trentenne, che lavorava come cacciatore e che viveva vicino a una grotta popolata da pipistrelli, è stato ricoverato presso una piccola clinica locale, manifestando sintomi quali febbre alta, vomito e diarrea. Le sue condizioni si sono aggravate velocemente e la terapia antimalarica è stata inutile. L’uomo è morto subito dopo essere stato trasferito in un altro ospedale. Subito dopo è morta anche la sorella, con gli stessi sintomi.

Dopo la morte di altri tre membri della famiglia, a testimonianza dell’altissima virulenza del virus Marburg, sono stati avviati controlli a tappeto al confine tra Uganda e Kenya, in Turkana. Il personale sanitario è stato invitato a rendere i propri servizi presso le comunità agricole locali, nel tentativo di contenere il contagio. Si teme infatti che centinaia di persone siano state esposte al virus, e che un’epidemia di Marburg vada ad aggiungersi alla peste del Madagascar.

Secondo il dottor Zabulon Yoti, coordinatore tecnico di Emergency presso gli uffici regionali Africani dell’OMS, “il coinvolgimento della popolazione è la chiave del successo della risposta all’emergenza”. Gli operatori sanitari dovrebbero “lavorare con le comunità locali per costruirsi una possibilità di successo e sostenibilità” e sviluppare una più adeguata comprensione delle usanze e delle tradizioni locali.

Da: QUI

Scritto da Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Vale la pena vivere una vita dominata dal LAVORO?
Vale la pena vivere una vita dominata dal LAVORO?
(Milano)
-

Immaginatevi un mondo in cui il lavoro abbia preso il sopravvento su tutto. Le nostre esistenze graviterebbero attorno a questo nuovo centro, tutto il resto diventerebbe secondario
Immaginatevi un mondo in cui il lavoro abbia preso il sopravvento su tutto. Le...

Saviano, Volo, Litizzetto, Hunziker: come i VIP manipolano il POPOLINO
Saviano, Volo, Litizzetto, Hunziker: come i VIP manipolano il POPOLINO
(Milano)
-

Silenzio, retorica e complicità: i VIP italiani e la guerra in Siria
Da settimane, sui social è diventata virale la campagna di...

Donna siriana racconta la verita' che i media censurano
Donna siriana racconta la verita' che i media censurano
(Milano)
-

SOTTO LE BOMBE: LA TESTIMONIANZA DI UNA DONNA SIRIANA
Nella notte fra venerdì e sabato Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna hanno...

Siria, una MAREA DI BUGIE per annullare le elezioni italiane
Siria, una MAREA DI BUGIE per annullare le elezioni italiane
(Milano)
-

Usare l’intervento occidentale nella crisi siriana per giustificare in Italia un governo che annacqui i risultati del 4 marzo?
Usare l’intervento occidentale nella crisi siriana per giustificare in Italia un...


(Milano)
-


VALLANZASCA LIBERO – L’EX BOSS DELLA MALA MILANESE, NONOSTANTE I 4 ERGASTOLI...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati