Napoli news: l'Italia si è dimenticata della Terra dei Fuochi

CASERTA ore 11:15:00 del 25/06/2015 - Genere: Denunce, Salute - Napoli

Napoli news: l'Italia si è dimenticata della Terra dei Fuochi

Napoli news: l'Italia si è dimenticata della Terra dei Fuochi. Nella terra dei fuochi si muore ogni santo giorno,ma nessuno ormai ne parla più,sono stati abbandonati e dimenticati.Ecco i dati dell’aumento di mortalità.

Nella terra dei fuochi si muore ogni santo giorno,ma nessuno ormai ne parla più,sono stati abbandonati e dimenticati.Ecco i dati dell’aumento di mortalità.

Lo studio Sentieri dell’Iss conferma: mortalità aumentata del 13% nelle aree tra Napoli e Caserta. Nel mirino soprattutto le patologie tumorali, dal cancro allo stomaco a quello al fegato. Sulle patologie infantili viene chiaramente suggerito ai genitori di evitare «esposizioni indebite dei bambini a inquinanti ambientali, con uno sforzo di famiglia, scuola e pediatri».

Nella Terra dei fuochi si muore. E non è uno slogan, non è, come qualcuno pure si è azzardato a dire, colpa di “stili di vita”, non è una sensazione non suffragata dai dati scientifici. Dopo decenni di denunce di medici e scienziati (da Antonio Giordano ad Antonio Marfella), pressoché isolati, ora sono i dati dell’Iss, l’Istituto Superiore di Sanità a confermare quel che era sotto gli occhi di tutti coloro i quali vivono nel perimetro della morte della Campania, compreso fra le province di Napoli e Caserta. L’aggiornamento dello studio epidemiologico Sentieri appena pubblicato dall’Iss, dichiara che nella zona c’è «un eccesso di mortalità rispetto al resto della regione del 10% per gli uomini e del 13% per le donne nei comuni in provincia di Napoli, mentre per quelli in provincia di Caserta è rispettivamente del 4 e del 6%». Lo studio Sentieri dell’ISS sulla Terra dei Fuochi

Lo studio Sentieri (dal nome della metodologia usata, con la quale si individuano, a priori, in base a una revisione sistematica e standardizzata della letteratura scientifica, le patologie associabili a quadri di contaminazione ambientale) è basato sui dati forniti da 55 comuni della Campania. Riscontra un eccesso di ricoveri ospedalieri per diversi tipi di tumore. «In particolare – si legge – stato individuato il gruppo di patologie per le quali sussiste un eccesso di rischio in entrambi i generi per tutti i tre indicatori utilizzati (mortalità, ricoveri, incidenza tumorali) costituito da: «tumori maligni dello stomaco, del fegato, del polmone, della vescica, del pancreas (tranne che nell’incidenza fra le donne), della laringe (tranne che nella mortalità fra le donne), del rene (tranne che nell’incidenza fra gli uomini), linfoma non Hodgkin (tranne che nella mortalità fra gli uomini)». In eccesso in tutti i 3 indicatori il tumore della mammella. Nella provincia di Caserta riscontrati «eccessi in entrambi i generi per i due esiti disponibili (mortalità e ricoveri ospedalieri) riguardano i tumori maligni dello stomaco e del fegato; i tumori del polmone, della vescica e della laringe risultano in eccesso tra i soli uomini». L’aggiornamento dello studio Iss Sentieri non ha invece trovato un eccesso di mortalità tra i bambini, mentre il tasso di ricoveri nel primo anno di età per i tumori è risultato maggiore del 51% nella provincia di Napoli e del 68% in quella di Caserta. «Per quanto riguarda la fascia di età 0-14 anni si osserva un eccesso di ospedalizzazione per leucemie in provincia di Caserta – si legge nella nota diffusa da Iss -. Nella provincia di Napoli, servita dal Registro Tumori, si è osservato un eccesso di incidenza per tumori del sistema nervoso centrale nel primo anno di vita e nelle classi d’età 0-14». I componenti del Gruppo di lavoro ISS per l’aggiornamento dello Studio sono i ricercatori Loredana Musmeci, Pietro Comba, Lucia Fazzo, Ivano Iavarone (Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria) e Stefania Salmaso, Susanna Conti, Valerio Manno, Giada Minelli per il Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute.

Le conclusioni dello studio sulla Terra dei Fuochi

L’aggiornamento dello studio Sentieri, che riguarda anche il Sin, sito di interesse nazionale, di Taranto , per quel che concerne la Terra dei Fuochi ha permesso di formulare alcune raccomandazioni di Sanità Pubblica che attengono a misure di prevenzione da attuare a beneficio delle popolazioni, con particolare attenzione alla tutela della salute materno-infantile già nel periodo prenatale. Ci sono 200 pagine nel dossier che descrivono dettagliatamente metodi, dati e risultati, nel caso della Terra dei Fuochi aggregati per le Province di Napoli e Caserta e ulteriormente disaggregati a livello comunale, e che è corredata da un’ampia bibliografia che viene pubblicata integralmente. «Parallelamente al proseguimento al percorso di risanamento ambientale in atto – si legge – i dati che emergono dallo studio avvalorano l’importanza di tutte le procedure di prevenzione accreditate nell’ambito materno-infantile, pediatrico e adolescenziale nonché dell’età adulta e l’ottimizzazione dei percorsi diagnostici e terapeutici per le diverse patologie considerate come previsto in altri documenti prodotti in attuazione della Legge 6 del 6/2/2014 cosiddetta Terra dei Fuochi». Fra i suggerimenti contenuti nel documento viene evidenziata la necessità di rafforzare «l’attività di prevenzione rispetto ai rischi ambientali per la salute infantile, evitando esposizioni indebite dei bambini a inquinanti ambientali, con uno sforzo integrato della famiglia, della scuola e dei pediatri di libera scelta».

I dati dello studio sulla mortalità nella Terra dei Fuochi

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Sanita' da MEDIOEVO: vivi di piu' a seconda DOVE NASCI
Sanita' da MEDIOEVO: vivi di piu' a seconda DOVE NASCI

-

Troppe differenze regionali che creano diseguaglianze. In Italia si vive più a lungo a seconda del luogo di residenza o del livello d’istruzione: hanno una speranza di vita più bassa le persone che nascono al Sud, in particolare in Campania, o che non rag
Troppe differenze regionali che creano diseguaglianze. In Italia si vive più a...

Diete yo-yo? Il problema e' nel cervello
Diete yo-yo? Il problema e' nel cervello

-

LO CHIAMANO effetto yo-yo. Capita quando si segue una dieta con successo, si perde peso, e poi si recuperano tutti i chili in più appena si ricomincia a mangiare normalmente.
LO CHIAMANO effetto yo-yo. Capita quando si segue una dieta con successo, si...

Ma quale antifascismo! Gli italiani vogliono LAVORO, MENO TASSE E TUTELA FAMIGLIA!
Ma quale antifascismo! Gli italiani vogliono LAVORO, MENO TASSE E TUTELA FAMIGLIA!

-

Altro che antifascismo. I temi centrali per gli italiani sono il lavoro, il contrasto alla disoccupazione e la lotta al precariato
Altro che antifascismo. I temi centrali per gli italiani sono il lavoro, il...

Fango sul M5S disonesto e in MALAFEDE: restano una SPERANZA per l'Italia
Fango sul M5S disonesto e in MALAFEDE: restano una SPERANZA per l'Italia

-

«Non è ancora una soluzione, per l’Italia, però resta una speranza: perché la base grillina è fatta di persone pulite, che non ne possono più di questo sistema».
«Non è ancora una soluzione, per l’Italia, però resta una speranza: perché la...

Tasse solo per gente comune: NON PER I MILIARDARI
Tasse solo per gente comune: NON PER I MILIARDARI

-

Le élite economiche e politiche del mondo si considerano una “nuova aristocrazia globale”, che come quella feudale di sangue vuole godere del privilegio di essere esentata dal pagamento delle tasse.
Le élite economiche e politiche del mondo si considerano una “nuova aristocrazia...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati