Politica news Italia: comincia anche per noi la guerra contro la Libia

VERCELLI ore 09:13:00 del 25/02/2015 - Genere: Politica

Politica news Italia: comincia anche per noi la guerra contro la Libia

Politica news Italia: comincia anche per noi la guerra contro la Libia. Ecco dove questo vergognoso governo ci ha portati.

Da alcune settimane le analisi di geoPolitica vertono sul pericolo Isis, per quanto i commentatori più attenti ricordino come essa sia una creatura originata dagli Americani stessi, e per quanto gli analisti più indipendenti ammoniscano sull’esito disastroso di tutte le precedenti così dette “missioni di pace” organizzate dagli Usa in Iraq, Afghanistan e Libia.Ma la guerra all’Isis continua a essere preparata, in primo luogo sul fronte dell’ informazione, che monta notizie e proclami, al servizio dei trafficanti di armi e degli interessi strategici degli Usa.

Probabilmente le “sparate” , fortunatamente verbali, nei giorni scorsi dei nostri ministri della difesa Roberta Pinotti e degli esteri Paolo Gentiloni vanni inquadrate in questa strategia di comunicazione ben precisa, se non altro a livello esplorativo, tanto per sondare le reazioni dell’ opinione pubblica, rimasta a dire il vero in generale del tutto indifferente. Nella mattinata di oggi, i telegiornali avevano diffuso immagini e dati sulla portaerei francese Charles De Gaulle entrata nel Golfo Persico con una propria flotta di appoggio: segnale chiarissimo di imminenti operazioni militari.

Arriva invece adesso, nel pomeriggio, da Lecce, una notizia shock. La guerra contro l’ Isis, la guerra contro la Libia, è già cominciata e gli Italiani sono in prima fila.Se confermate, queste voci sono per tanti versi esplosive, è proprio il caso di dirlo.Lo riferisce Giovanni D’ Agata, presidente dell’ associazione “Sportello dei diritti”, in un comunicato che così recita: “Alcune reclute preoccupate ci hanno riferito che sarebbe già in partenza un contingente di 500 militari, una portaerei (nella foto, la “Garibaldi”, n.d.r. )  e due navi appoggio pronte per la Libia. Ciò all’insaputa non solo dell’opinione pubblica ma anche del Parlamento.

L’ associazione è da sempre impegnata contro la guerra ed in difesa della Pace e si associa alla preoccupazione di chi sarebbe spedito in una fantomatica operazione di addestramento in una terra dove si combatte, tanto più che questa azione sarebbe svolta senza il coinvolgimento ufficiale delle istituzioni repubblicane deputate a decidere in scelte come questa.Pur mantenendo la necessaria prudenza quando si tratta di fonti non ufficiali, è doveroso conoscere la verità e quali siano le intenzioni del nostro governo in merito a questa ennesima “crisi” sull’altra sponda del Mediterraneo”.

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Roma: sindaca Raggi condannata per falso
Roma: sindaca Raggi condannata per falso

-

Una “pena minima” per un processo pesantissimo dal punto di vista politico, che alla luce del regolamento interno al M5S potrebbe mettere a rischio la permanenza stessa della sindaca di Roma alla guida del Campidoglio.
“Il senso deve essere quello di condurre tutti i processi allo stesso modo. E...

L'antifascismo dei CRETINI: sinistra mondiale FALLITA
L'antifascismo dei CRETINI: sinistra mondiale FALLITA

-

Abbiamo sempre avuto pazienza con i cretini non cattivi e con i cattivi ma intelligenti. Non riusciamo però ad averne con i cretini cattivi, magari in origine solo cretini poi incattiviti oppure solo cattivi poi rincretiniti. Ma sono cresciuti a dismisura
Abbiamo sempre avuto pazienza con i cretini non cattivi e con i cattivi ma...

Come i media coordinano attacchi ai 5 stelle
Come i media coordinano attacchi ai 5 stelle

-

Se oggi date un’occhiata ai siti di Repubblica e Stampa (scuderia De Benedetti ‘lo svizzero’), al sito del Corriere (capitanato da Urbano Cairo) e a quelli de Il Giornale e Libero (Berlusconi e centrodestra), noterete che contro il Movimento 5 Stelle hann
Se oggi date un’occhiata ai siti di Repubblica e Stampa (scuderia De Benedetti...

Manovra: rischio STOP AL BONUS BEBE' DAL 2019
Manovra: rischio STOP AL BONUS BEBE' DAL 2019

-

Il governo rischia di mandare in soffitta il bonus bebé, il contributo da 960 euro previsto per i nuovi nati.
Il governo rischia di mandare in soffitta il bonus bebé, il contributo da 960...

Accoglienza, da 35 a 19 euro a migrante: ecco i tagli di Salvini
Accoglienza, da 35 a 19 euro a migrante: ecco i tagli di Salvini

-

Matteo Salvini taglia i costi dell’accoglienza: da 35 euro a 19 euro a migrante
Con una conferenza stampa al Viminale e con il via libera del Capo dipartimento...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati