Ponte sullo Stretto: cosa conoscere

(Messina)ore 13:33:00 del 27/10/2016 - Genere: Denunce, Politica

Ponte sullo Stretto: cosa conoscere

Il ponte, così come è stato progettato, potrebbe avere gravi problemi di stabilità, con probabili crisi strutturali, determinate dal vento; tralasciamo le incognite geologiche, di due faglie che scorrono in senso opposto (dettagli).

Il ponte, così come è stato progettato, potrebbe avere gravi problemi di stabilità, con probabili crisi strutturali, determinate dal vento; tralasciamo le incognite geologiche, di due faglie che scorrono in senso opposto (dettagli).
Il solo fatto di citarlo, anche solo come possibilità di un futuro ipotetico e remoto, dimostra la grande malafede di questo governo.

 

 

Tempi più incerti, invece, per quanto riguarda l’altro grande tema del sud Italia: le infrastrutture siciliane. “Sicuramente – ha detto Renzi – il Ponte sullo Stretto verrà fatto prima o poi. L’importante è che prima portiamo a casa i risultati di opere incompiute perché qui ci son solo quelli che pensano di arrivare e portare a casa progetti faraonici”. Secondo il premier il Ponte potrà essere utile “anche per i treni ad alta velocità”, ma “bisognerà capire costi e tempi”, ancora difficili da determinare. Perché “prima devono finire i lavori sulle strade in Sicilia e Calabria” perché alcuni tratti sono “indecenti”.

In particolare Renzi si è soffermato su due grandi opere delMezzogiorno, veri mali endemici del sistema infrastrutturale italiano. “A Natale – ha annunciato – gli automobilisti staranno tranquilli: il 22 dicembre inauguriamo la Salerno-Reggio Calabria. Mi ridono tutti dietro quando dico che la finiremo, ma il 10 marzo sarò in Calabria a verificare l’abbattimento dell’ultimo diaframma dell’ultima galleria”. “Costi quel che costi – ha poi spiegato – noi vogliamo che sia un’autostrada seria a quattro corsie. Forse non sarà bellissima tutta ma deve essere messa in sicurezza perché lo si deve alla civiltà dell’Italia e alla sua credibilitàall’estero”.

Ora con la guerra in Libia che durerà come minimo almeno una ventina di anni il ponte è diventato strategico. Ci sarà da magnare per mezzo secolo.Pensionati, ammalati e poveracci in genere, preparatevi che la patria vi chiama.

Il Ponte sullo Stretto di Messina, la Salerno-Reggio Calabria e tutte le grandi opere incompiute d’Italia: saranno tutte portate a termine, parola di Matteo Renzi. “Che vergogna – ha detto il presidente del Consiglio intervistato da Isoradio – quando passiamo davanti a opere ferme da anni: bisogna finire le incompiute. Ieri sono stato alla Nuvola di Fuksas, il progetto primo era dal ’98: sono passati 18 anni, ormai votano quelli del ’98. Ora abbiamo dato una scossa e siamo felici che le opere vengano finite. Vogliamo finire tutte le opere incompiute”.

“La nuova Variante di Valico è fantastica, imparagonabile al vecchio tratto appenninico. Mettendo a posto le strade stiamo facendo un piacere all’Italia. Non è una cosa di destra o sinistra, è una cosa bella, per l’Italia”, dice il capo del governo. “Abbiamo messo più soldi per l’Anas per strade più sicure e anche al Miur perché i ragazzi devono fare progetti di sicurezza stradale e che i ragazzi siano consapevoli dell’importanza del loro ruolo alla guida”.

Prima le strade, dunque, e poi le grandi opere non ancora iniziate. “Sul Ponte dello Stretto – ha spiegato – si è giocato un derby ideologico tra fautori e detrattori totalmente privo di aderenza alla realtà perché se ci mettiamo un pizzico di buonsenso, prima mettiamo a posto le strade in Sicilia, perché per un periodo è crollato un viadotto al mese, dopo che negli anni ’60 e ’70 sono stati fatti lavori coi piedi. Primum vivere deinde philosophari“, sottolinea.  “In Sicilia vanno rimesse a posto strade e ferrovie. Se non uniamo Palermo, Catania e Messina di che parliamo? In alcuni momenti è stata impercorribile al suo interno ed è indecente per una regione così bella”. Insomma, “in prospettiva personalmente non ho niente contro il Ponte, anzi lo ritengo utile, l’importante è capire tempistica, costi, collegamento e quando ci sarà dovrà essere anche per i treni. Dovrà essere un pezzo della struttura di Alta velocità del Paese. Perché abbiamo la struttura ad alta velocità migliore al mondo”, aggiunge Renzi. “Ora bisogna andare da Napoli a Bari e da Napoli a Reggio Calabria e in prospettiva anche a Palermo”.

Scritto da Alberto

ALTRE NOTIZIE
Lega e Movimento 5 Stelle si preparano a spartirsi le poltrone?
Lega e Movimento 5 Stelle si preparano a spartirsi le poltrone?
(Messina)
-

Ma anche Cassa depositi e prestiti, Finmeccanica e poi decine di altri posti chiave. I partiti di governo sono pronti a occupare le posizioni più importanti. E a ridisegnare i rapporti di potere nello Stato. Vi raccontiamo cosa sta succedendo
«Il potere logora chi non ce l’ha», soleva ripetere il Divo Giulio Andreotti,...

Analisi dei vaccini? PEGGIO DEL PREVISTO
Analisi dei vaccini? PEGGIO DEL PREVISTO
(Messina)
-

I vaccini si sa contengono sostanze note e altre meno note perché coperte dall’inviolabile segreto industriale, quasi a livello militare. Ma dietro a sigle e acronimi si celano materiali che potrebbero giocare un ruolo prioritario nell’eziologia di gravis
I vaccini si sa contengono sostanze note e altre meno note perché coperte...

Arrestato l'uomo che Renzi voleva come GIUDICE del CONSIGLIO DI STATO!
Arrestato l'uomo che Renzi voleva come GIUDICE del CONSIGLIO DI STATO!
(Messina)
-

Quando l' ex presidente del consiglio Matteo Renzi propose Giuseppe Mineo come giudice del Consiglio di Stato, ossia il massimo organo della giustizia amministrativa, si crearono non pochi imbarazzi
TINTINNIO DI MANETTE – ARRESTATO A MESSINA GIUSEPPE MINEO, L’UOMO CHE RENZI...

Soros: 'Io sono un Dio, ho creato tutto, controllo tutto'
Soros: 'Io sono un Dio, ho creato tutto, controllo tutto'
(Messina)
-

Il globalista George Soros in un’intervista con il britannico Independent, ha ammesso che probabilmente assomiglia con un “po’ ” di fantasia ad un Messia.
Il globalista George Soros ha ricevuto molta attenzione di recente. In...

Aumenti stipendi? ITALIA PEGGIORE IN EUROPA
Aumenti stipendi? ITALIA PEGGIORE IN EUROPA
(Messina)
-

L’Italia non va al massimo, come un popolare ritornello di una canzone del rocker Vasco Rossi. Dal 1999 al 2017, nel nostro Paese gli stipendi degli italiani sono aumentati dell’1,6 per cento.
L’Italia non va al massimo, come un popolare ritornello di una canzone del...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati