Prefettura Matera, dipendenti timbrano il badge e vanno via

MATERA ore 13:44:00 del 24/10/2014 - Genere: Cronaca, Denunce

Prefettura Matera, dipendenti timbrano il badge e vanno via

Prefettura di Matera, impiegati fannulloni timbrano il badge e poi lasciano il luogo di lavoro per sbrigare le loro pratiche

Oggi in Italia purtroppo si registra una grossa e grave emergenza sociale che riguarda il mondo del lavoro. La Crisi economica che da più di cinque anni ha colpito il nostro paese e non solo ha lasciato sul lastrico migliaia di famiglie. Si sono persi tantissimi posti di lavoro e le imprese hanno fatto e stanno ancora facendo enorme fatica a rialzarsi. Non si può, dunque, assolutamente accettare che delle persone che hanno avuto la fortuna di essere assunte nel settore pubblico con un contratto e tempo indeterminato si permettano di assentarsi sul posto di lavoro a loro piacimento, prendendo in giro non solo l'istituzione presso la quale lavorano ma anche milioni di italiani e soprattutto di giovani che in questo paese sono costretti ad accontentarsi delle briciole e che guardano al posto fisso come ad un sogno irrealizzabile.

 L'ultimo caso di assenteismo si è verificato a Matera. A scoprire il fatto ci ha pensato "Striscia la Notizia" che ha scoperto più di un caso di assenteismo presso la prefettura di Matera. Un fatto molto grave, se si considera che di solito il fenomeno dell'assenteismo era stato più volte registrato in enti locali o, al massimo, regionali ma mai in un palazzo istituzionale così importante al quale spettano decisioni di un certo rilievo.

 Il tg satirico di Canale 5 ha scoperto che alcuni impiegati, giunti in Prefettura, non raggiungevano nemmeno il proprio ufficio ma si limitavano solamente a timbrare il badge per poi andare via. Nell'orario di lavoro queste persone abbandonavano gli uffici della Prefettura e si recavano al bar, a fare la spesa, a casa oppure a sbrigare altre faccende personali. Alcuni di loro si allontanavano a piedi, altri addirittura con la macchina. Ciò che preoccupa è che questo comportamento a dir poco scorretto sia stato messo in atto non da uno o da due dipendenti ma da circa una decina.

 Il prefetto di Matera Luigi Pizzi è stato raggiunto dall'inviato di Striscia, ha preso visione del filmato mostratogli e ha dichiarato che verranno presto presi i provvedimenti opportuni. Un punto importante da chiare è quello legato alla flessibilità. In quasi tutti i lavori ci sono degli orari da rispettare e non è consentito, se non per validi e giustificati motivi, presentarsi a lavoro in netto ritardo. L'orario flessibile, però, cancella questo principio e consente a qualunque dipendente di un ente o ufficio di presentarsi a lavoro con un po' di ritardo. I dipendenti ne approfittano e, conoscendo gli orari in cui sono presenti o meno i dirigenti, si permettono di fare in tutta comodità i loro porci comodi.

 Il fenomeno dell'assenteismo è qualcosa di disgustoso, un malcostume che l'Italia si porta indietro da anni ma che gli italiani non dovrebbero più accettare. Tante persone serie e preparate sono costrette a restare a casa, perché questo Stato e questo paese nega loro ogni possibilità mentre, invece, c'è gente che un lavoro ce l'ha ma che preferisce fare altro. Queste persone, che vengono pagate dagli italiani in virtù delle tasse che ogni mese vengono versate allo Stato, andrebbero tutte licenziate in blocco ma in Italia è molto difficile che ciò accada, quanto meno in tempi rapidi.

 E' ora di smetterla con tutto ciò. Gli italiani devono pretendere che qualcosa cambi. Non è giusto dare lavoro e fiducia a chi non lo merita e non è corretto che il contributo economico che i cittadini danno allo Stato venga utilizzato per servizi inefficienti e, in alcuni casi, inesistenti visto che se un impiegato pubblico si assenta nell'orario di lavoro dal proprio ufficio è destinato a creare un disservizio. Cari italiani, dunque, fate sentire la vostra voce e rivendicate i vostri diritti! Se non lo farete voi, state certi che al vostro posto non lo farà nessuno!

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno
MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno

-

“Una rivoluzione nell’approccio libero alla cultura”, dicono dal Campidoglio e un chiaro segno di un’apertura nei confronti di residenti e studenti.
Costa 5 euro e a partire da oggi darà accesso gratuito per 12 mesi alle gallerie...

Arrestato l'uomo che Renzi voleva come GIUDICE del CONSIGLIO DI STATO!
Arrestato l'uomo che Renzi voleva come GIUDICE del CONSIGLIO DI STATO!

-

Quando l' ex presidente del consiglio Matteo Renzi propose Giuseppe Mineo come giudice del Consiglio di Stato, ossia il massimo organo della giustizia amministrativa, si crearono non pochi imbarazzi
TINTINNIO DI MANETTE – ARRESTATO A MESSINA GIUSEPPE MINEO, L’UOMO CHE RENZI...

Soros: 'Io sono un Dio, ho creato tutto, controllo tutto'
Soros: 'Io sono un Dio, ho creato tutto, controllo tutto'

-

Il globalista George Soros in un’intervista con il britannico Independent, ha ammesso che probabilmente assomiglia con un “po’ ” di fantasia ad un Messia.
Il globalista George Soros ha ricevuto molta attenzione di recente. In...

Aumenti stipendi? ITALIA PEGGIORE IN EUROPA
Aumenti stipendi? ITALIA PEGGIORE IN EUROPA

-

L’Italia non va al massimo, come un popolare ritornello di una canzone del rocker Vasco Rossi. Dal 1999 al 2017, nel nostro Paese gli stipendi degli italiani sono aumentati dell’1,6 per cento.
L’Italia non va al massimo, come un popolare ritornello di una canzone del...

Vitalizi in Sicilia? 18 milioni l'anno. E li incassano gli eredi degli ex deputati
Vitalizi in Sicilia? 18 milioni l'anno. E li incassano gli eredi degli ex deputati

-

Dopo la Camera dei deputati anche l’Assemblea regionale siciliana. Il Movimento 5 stelle ha presentato una proposta di delibera all’ufficio di presidenza per tagliare i vitalizi sull’isola.
Dove per la verità erano stati aboliti già nel 2012, quando i deputati regionali...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati