PRIMA LO CRITICANO, LO SPUTTANANO E LO DERIDONO: PUTIN UNICO LEADER AD AIUTARE CONCRETAMENTE I TERREMOTATI!

(Rieti)ore 20:02:00 del 29/08/2016 - Genere: Cronaca, Esteri

PRIMA LO CRITICANO, LO SPUTTANANO E LO DERIDONO: PUTIN UNICO LEADER AD AIUTARE CONCRETAMENTE I TERREMOTATI!

La Russia è pronta a «fornire» all’Italia «l’assistenza necessaria per affrontare le conseguenze di questo disastro»: lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin in un telegramma di condoglianze inviato al presidente del Consiglio Matteo Renzi per

 

La Russia è pronta a «fornire» all’Italia «l’assistenza necessaria per affrontare le conseguenze di questo disastro»: lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin in un telegramma di condoglianze inviato al presidente del Consiglio Matteo Renzi per il grave sisma che ha colpito il centro Italia. Lo fa sapere l’ufficio stampa del Cremlino.

Putin: «Condividiamo il vostro dolore»

«La Russia condivide il dolore dell’amico popolo italiano», ha scritto Putin nel telegramma e – riporta il Cremlino – «ha espresso parole di pietà e sostegno alle famiglie e agli amici dei morti e ha augurato una pronta guarigione ai feriti».

Le condoglianze di Netanyahu

Il primo ministro Benyamin Netanyahu ha inviato le condoglianze al popolo italiano per le vittime del terremoto che ha colpito il paese e l’augurio di un pronto ristabilimento per i feriti. Lo ha reso noto l’ufficio del primo ministro stesso. Netanyahu ha anche offerto al premier Matteo Renzi assistenza per le ricerche e il salvataggio

L’Italia trema. E dopo la forte scossa di terremoto di magnitudo 6,0 che questa notte ha devastato il Centro Italia, la Russia si fa avanti e offre il proprio aiuto alle zone devastate dal sisma.

Con un telegramma inviato al capo del Dipartimento Protezione Civile Fabrizio Curcio, il ministro russo per le Situazioni di Emergenza Vladimir Puchkov ha infatti proposto il sostegno della Russia: “Vorrei offrire l’aiutoconcreto del Ministero russo delle Situazioni di Emergenza per far fronte ai danni del disastro”, si legge nel telegramma del Ministero, citato dalle agenzie russe.

Dall’ufficio stampa del Ministero hanno inoltre fatto sapere che, in caso di bisogno, una squadra di soccorritori russi, con grande esperienza in materia di terremoti, è già pronta a partire alla volta delle regioni italiane maggiormente colpite. La squadra, ha precisato il Ministero delle Situazioni di Emergenza, è dotata delle più moderne attrezzature necessarie per operare tra le macerie e soccorrere i feriti.

Alle 3,36 di questa notte una forte scossa di magnituo 6,0 ha devastato il Centro Italia. L’epicentro del terremoto è stato registrato ad Accumoli, in provincia di Rieti. I danni più gravi ad Amatrice, Posta, Arquata del Tronto e a Pescara del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. In totale, durante la notte si sono percepite oltre 100 scosse, di cui 55 di magnitudo superiore a 3,0. Al momento si contano almeno 37 vittime, centinaia invece le persone disperse. Secondo il capo del Dipartimento Protezione Civile Fabrizio Curcio, il sisma è paragonabile per intensità a quello che distrusse l’Aquila nel 2009.

Secondo Rosturism, l’agenzia federale russa per il turismo, nelle zone colpite dal sisma non sarebbero presenti gruppi organizzati di turisti della Federazione. Non si esclude però la presenza di visitatori autonomi, nonostante le città colpite dalla scossa siano fuori dai circuiti turistici più frequentati. “Al momento non ci risultano vittime o feriti tra i turisti russi. Stiamo comunque monitorando la situazione in stretta collaborazione con l’Ambasciata russa”, precisa Rosturism, invitando i russi che si trovano ora in Italia a “mantenere la calma” e a “non farsi prendere dal panico”.

Nel frattempo sono arrivate anche le condoglianze da parte del Presidente russo Vladimir Putin. Con un messaggio inviato a Matteo Renzi, Putin ha parlato di “enorme tragedia”, esprimendo il proprio “cordoglio nei confronti degli italiani”, che lui stesso definisce “amici”. Oltre ad aver sottolineato la propria vicinanza alle famiglie delle vittime, il capo del Cremlino ha ribadito la disponibilità della Russia a intervenire nelle zone distrutte dal sisma.

Rosturism ha quindi fatto sapere che, in caso di necessità, i cittadini russi che si trovano in questo momento nel territorio italiano possono far riferimento alla linea d’emergenza messa a disposizione dall’Ambasciata russa: +39064941680; +39064941681; +39064941683, ai numeri del Ministero russo degli Esteri: +74992441606 o all’associazione “Turpomosch” +74996781203.

 

Scritto da Sasha

ALTRE NOTIZIE
Il SISTEMA Ferrero: truffa, fatture false e autoriciclaggio
Il SISTEMA Ferrero: truffa, fatture false e autoriciclaggio
(Rieti)
-

L'Espresso nel 2017 aveva svelato la galassia di interessi dell'imprenditore romano. A cui oggi la Guardia di Finanza ha sequestrato i beni per 2,6 milioni di euro
I pm di Roma hanno indagato il patron della Sampdoria e altre cinque persone. La...

Mafia, arrestato Settimino Mineo: era l'erede di Toto Riina
Mafia, arrestato Settimino Mineo: era l'erede di Toto Riina
(Rieti)
-

Già condannato a 5 anni al maxi processo istruito da Giovanni Falcone, fu riarrestato 12 anni fa per poi tornare in libertà dopo una condanna a 11 anni.
Da questa mattina è in atto un vero e proprio terremoto che distrugge i vertici...

Nigeria: piu' di 600 cristiani MASSACRATI in solo 8 mesi. E NESSUNO FA NULLA
Nigeria: piu' di 600 cristiani MASSACRATI in solo 8 mesi. E NESSUNO FA NULLA
(Rieti)
-

Da marzo a ottobre sono state distrutte 30 chiese, rase al suolo 4.436 case, mentre 38 mila cristiani vivono in 10 campi per sfollati. Vescovo anglicano di Jos: «Viviamo nel terrore. I musulmani ci uccidono»
Almeno 646 cristiani sono stati massacrati solo tra marzo e ottobre nel 2018, e...

Francia: l'INUTILE e SENZA MOTIVO MASSACRO DI 6000 DELFINI
Francia: l'INUTILE e SENZA MOTIVO MASSACRO DI 6000 DELFINI
(Rieti)
-

Uccisi ‘senza motivo’ 6.000 delfini in tre mesi in Francia: cronaca di un massacro
L’organizzazione Sea Shepherd ha avviato la campagna “Dolphin by Catch” per...

Andalusia: trionfa l'estrema destra dopo 36 anni di socialismo
Andalusia: trionfa l'estrema destra dopo 36 anni di socialismo
(Rieti)
-

Con le elezioni celebrate ieri, domenica, l'Andalusia, la regione piu' popolata della Spagna, compie un passo senza precedenti verso destra, mettendo fine al dominio dei socialisti, durato ben 36 anni, e spalancando le porte alla nuova destra nazionalista
Con le elezioni celebrate ieri, domenica, l'Andalusia, la regione piu' popolata...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati