Ricaricare smartphone, le tecniche

(Firenze)ore 07:47:00 del 07/02/2017 - Genere: , Guide, Tecnologia

Ricaricare smartphone, le tecniche

Usiamo talmente tanto i nostri smartphone, tablet o notebook, che raramente riusciamo ad arrivare oltre alla fine di giornata con una carica e per questo motivo molti di noi li collegano la notte e si addormentano felici, consapevoli che si sveglieranno l

E’ GIUSTO O SBAGLIATO RICARICARE IL PROPRIO SMARTPHONE DURANTE LA NOTTE?QUALI SONO LE SOLUZIONI PER NON ACCORCIARE LA DURATA DELLA BATTERIA? ECCO LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIÙ FREQUENTI CHE MOLTI SI PONGONO FIN DAGLI ALBORI DEL TELEFONO CELLULARE.

E’ un problema che affligge tutti noi fin dagli albori del telefono cellulare. Usiamo talmente tanto i nostri smartphone, tablet o notebook, che raramente riusciamo ad arrivare oltre alla fine di giornata con una carica e per questo motivo molti di noi li collegano la notte e si addormentano felici, consapevoli che si sveglieranno la mattina seguente con un dispositivo completamente carico.

Ma è davvero sicuro lasciare i nostri dispositivi collegati al caricabatteria una volta terminato il ciclo di ricarica? Non é che si danneggia la batteria o ne accorciamo la sua vita?

Ci sono un sacco di miti, leggende, e idee discutibili riguardanti questo argomento. Troverete su Internet pareri contrastanti, a volte veri a volte no: Qual è quindi la verità? Prima di poter rispondere è fondamentale un po’ di teoria.

I dispositivi acquistati oggi sono dotati di batterie agli ioni di Litio ben diverse per tecnologia da quelle al Nickel (NI-CD e NI-MH) e per questo motivo dovrete fare tabula rasa delle conoscenze pregresse per capire come interfacciarsi con le nuove batterie.

Vi informo fin da subito che per la differenza tecnologica appena descritta le nuove batterie non vanno assolutamente fatte scaricare completamente per allungarne la vita in quanto il famoso “effetto memoria” che affliggeva le vecchie batterie non si manifesta in alcun modo le batterie al litio.

Un altro dato fondamentale da tenere in considerazione è che le batterie al Litio scariche vanno ricaricate il più presto possibile poiché lasciarne una scarica (0%) significa rischiare di farla “morire”. Per questo motivo all’acquisto di un nuovo dispositivo la prima cosa da fare è effettuare una ricarica completa prima di cominciare ad utilizzare l’apparecchio.

Questa considerazione ci riporta alle differenze tecnologiche precedentemente descritte e ai falsi miti: I venditori continuano a suggerire di tenere in carica per 12/24 ore le batterie nuove, operazione assolutamente non necessaria e a volte dannosa; Non bisogna tenere le batterie al litio sotto carica per troppe ore, ne sono sufficienti una manciata, e a breve spiegheremo il perché.

Infine un’ultima nota: è opportuno dopo l’acquisto aspettare almeno 4/5 cicli di carica e scarica per avere una batteria a pieno regime. Non spaventatevi quindi se le prime settimane il vostro dispositivo sarà assetato di corrente.

Rispondiamo ora a qualche domanda dei nostri clienti:

E’ il caso di lasciare il telefono collegato al caricabatterie tutta la notte?

Lasciare il proprio device in ricariche prolungate non fa sicuramente male, i dispositivi moderni sono “intelligenti” e una volta che sono completamente carichi provvedono in autonomia a fermare la corrente in arrivo per proteggersi da eventuali sovraccariche.

Le batterie al Litio reagiscono però male se la temperatura diventa elevata, per questo motivo, se utilizzate dispositivi ad alte performance, troppo sottili e comunque poco dissipati potrebbe valere la pena spegnerli durante la fase di ricarica per evitarne un aumento della temperatura dovuta dal loro utilizzo e ricarica contemporanea.

Qual è il modo migliore per ricaricare il telefono?

Il miglior modo per preservare le batterie agli ioni di litio è di mantenere la carica tra il 50 e l’ 80 per cento. Questo permette agli ioni di lavorare e proteggere la vita della batteria.

Ricaricare il dispositivo in più tranche durante la giornata darà agli ioni sufficiente energia per farli funzionare al meglio.

Si evince quindi che frequenti ricariche, piuttosto di una al giorno, sono più salutari per la vostra batteria. Non è sicuramente il sistema più comodo, ma è il modo ottimale per caricare il tuo smartphone se vuoi garantirne la massima durata possibile.

Tutte queste considerazioni vanno abbinate all’utilizzo di caricabatterie originali o comunque di altà qualità in quanto nei caricabatterie “low budget” mancano diverse componenti di filtraggio e stabilizzazione della corrente che portano al degrado prematuro delle batterie moderne e di conseguenza dei dispositivi.

FASE DI CONSERVAZIONE, STOCCAGGIO e NOTE TECNICHE :

Come già anticipato precedentememte le batterie agli Ioni di Litio soffrono le temperature elevate e per questo motivo è preferibile conservare le batterie non utilizzate in un luogo fresco e asciutto.

La batteria deve essere conservata ad almeno il 40% della carica e mai sopra il 60% questo perché gli ioni devono potersi muovere liberamente all’interno della stessa. Uno stoccaggio che duri più di qualche giorno/settimana con cariche differenti da quelle sopra significherà una drastica riduzione della vita della batteria.

I dispositivi elettronici moderni e comunque le batterie migliori hanno generalmente un controllo elettronico che stacca la corrente sia in caso di sovraccarica che sotto-scarica. Questo serve per evitare l’insorgere di potenziali rotture della batteria e proteggere da possibili esplosioni.

Ricordate infine che anche con le migliori cure ed i migliori intenti di utilizzo una batteria ha un ciclo vitale dato dalla qualità della stessa ( tra 200 e 1000 cicli di carica e scarica complete ) per questo motivo non manterrà il pieno della funzionalità più di un paio d’anni se ricaricata quotidianamente!

Quindi per concludere:

Utilizzate sempre caricabatterie e cavi ufficiali, o alternative certificate da marchi rinomati e rivenditori affidabili.

Non lasciate che il telefono diventi troppo caldo durante la ricarica. Per sicurezza potete spegnerlo durante la ricarica notturna.

Per godere di una durata della batteria più lunga possibile, cercate di mantenere la batteria tra il 40 e il 80 per cento durante l’utilizzo del dispositivo.

Le batterie al litio hanno una bassissima autoscarica interna, quantificabile in una manciata percentuale annua, questo significa che lasciando una batteria carica al 60% è lecito aspettarsi che a fine anno sarà ancora carica al 50%.

Evitate che la batteria del telefono si scarichi completamente, e non fatela comunque scaricare totalmente troppo spesso.

Da: QUI

Scritto da Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Edlettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
Edlettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
(Firenze)
-

Germania, uno studio dimostra: elettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
Quando in casa un elettrodomestico si rompe all’improvviso, senza motivo e...

In Italia Google Pay: come funziona
In Italia Google Pay: come funziona
(Firenze)
-

Disponibilità avvenuta per Google Pay in Italia: il sistema di pagamenti mobile, tra l’altro contactless, del colosso di Mountain View è finalmente arrivato anche presso il nostro mercato, così da permettervi di acquistare nei negozi fisici, ma anche onli
Disponibilità avvenuta per Google Pay in Italia: il sistema di pagamenti mobile,...

7 domande per insegnare a un bambino come reagire a una situazione pericolosa
7 domande per insegnare a un bambino come reagire a una situazione pericolosa
(Firenze)
-

Insegnare ai bambini la sicurezza personale è importante quanto insegnare loro a leggere o scrivere.
Insegnare ai bambini la sicurezza personale è importante quanto insegnare loro a...

BlueStacks 4: il miglior simulatore Android su PC
BlueStacks 4: il miglior simulatore Android su PC
(Firenze)
-

Chi ha avuto almeno una volta la necessità di utilizzare Android su PC si è sicuramente già imbattuto in BlueStacks.
Chi ha avuto almeno una volta la necessità di utilizzare Android su PC si è...

Boom Instagram: cosa dice la scienza?
Boom Instagram: cosa dice la scienza?
(Firenze)
-

Il social network più narcisista. E, secondo una ricerca inglese, anche quello che fa meno bene alla salute dei suoi giovani frequentatori (millennial soprattutto).
Il social network più narcisista. E, secondo una ricerca inglese, anche quello...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati