Ricetta Cotoletta alla bolognese

(Pescara)ore 21:14:00 del 23/04/2018 - Genere: , Cucina

Ricetta Cotoletta alla bolognese

Oggi vi proponiamo la cotoletta alla bolognese, un secondo piatto molto saporito con una base di carrè di vitello impanato e guarnito con prosciutto crudo e formaggio grattugiato.

C'è un piatto che mette d'accordo tutte le tavole italiane da nord a sud: è la cotoletta! Impanata e fritta come vuole quella alla milanese o cotta alla piastra come quella alla palermitana, ne esistono tantissime varianti più sostanziose, più o meno ricche o realizzate con tagli di carne differenti, ma sempre tenerissime.

Oggi vi proponiamo la cotoletta alla bolognese, un secondo piatto molto saporito con una base di carrè di vitello impanato e guarnito con prosciutto crudo e formaggio grattugiato.

Un'ulteriore nota di gusto è data dal brodo di carne con cui viene sfumata la cotoletta e che viene poi trasformato in una deliziosa riduzione, come salsa di accompagnamento.

Conservazione

E' preferibile consumare la cotoletta alla bolognese appena cotta, altrimenti potete conservarla in frigorifero in un contenitore a chiusura ermetica per 1 giorno.

Si può congelare appena impanata e ancora cruda se si sono utilizzati ingredienti freschi non decongelati.

Si sconsiglia la congelazione da cotta per non perdere l'integrità e il gusto del piatto.

Consiglio

La cotoletta alla bolognese è fatta preferibilmente con una costoletta di vitello, quindi con una fetta di carrè con l'osso. E' difficile trovare in commercio questo taglio, ma provate a chiedere al vostro macellaio di fiducia: ne rimarrete piacevolmente sorpresi.

Ingredienti

Carne di vitello fette - 600 gr

Uova 1

Pangrattato 100 gr

Burro 60 gr

Parmigiano Reggiano 80 gr

Prosciutto crudo 80 gr

Brodo di carne 250 ml

Sale q.b.

Attrezzature

Batticarne / Forno

Preparazione

Battere le fettine di vitello, passarle nell'uovo e poi nel pangrattato.

In una padella fate sciogliere il burro e friggetevi le fette di vitello impanate per circa 6 minuti. Ponete le cotolette in una teglia da forno ben distese, sovrapponete su ciascuna una fettina di prosciutto crudo e delle scaglie di parmigiano reggiano (se è non molto stagionato fonde meglio).

Aggiungete sul fondo della teglia il brodo (o l'estratto stemperato) in quantità tale da costituire poco più di un velo sul fondo. Se lo desiderate introducete qui la variante, come per esempio la salsa di pomodoro o il tartufo, aggiungendola sul fondo (o meglio steperandola nel brodo).

Passate al forno a 250°C per 5 minuti. Le cotolette sono pronte quando il formaggio si è fuso e il fondo di cottura è stato assorbito

Scritto da Carla

ALTRE NOTIZIE
Ricetta Yakitori roll
Ricetta Yakitori roll
(Pescara)
-

Gli amanti della cucina asiatica conosceranno sicuramente sia gli spiedini yakitori (letteralmente “pollo grigliato”), un popolare street food giapponese, sia la carta di riso, una sfoglia sottile con cui vengono realizzati, per esempio, gli involtini vie
  Gli amanti della cucina asiatica conosceranno sicuramente sia gli spiedini...

Ricetta Torta salata agli spinaci
Ricetta Torta salata agli spinaci
(Pescara)
-

Con cavolfiori e finocchi in inverno e con pomodorini e melanzane in estate, queste sfiziose torte si possono realizzare tutto l’anno seguendo la stagionalità degli ortaggi che rappresentano il cuore saporito di queste ghiotte pietanze.
  Da sempre amiamo le torte salate per la loro versatilità e la semplicità di...

Egg burger: preparazione
Egg burger: preparazione
(Pescara)
-

Con il filante tomino burger vi abbiamo stupito in gusto e consistenza.
  Regna indiscusso nei fast food di tutto il mondo ed è così versatile che ha...

Ricetta Saccottini salati
Ricetta Saccottini salati
(Pescara)
-

Oggi abbiamo scelto di utilizzarlo per preparare questi saccottini salati con un ripieno vegetariano molto saporito!
  Con l'impasto dei croissant salati si possono realizzare tantissimi...

Ricetta Puccia salentina alle olive
Ricetta Puccia salentina alle olive
(Pescara)
-

In quella giornata è tradizione digiunare o al più mangiare velocemente una puccia per poi poter partecipare alle funzioni religiose.
  Il perché del nome puccia? Pare derivi dal latino “buccellatum”, il pane...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati