Riforma Jobs Act: ecco perche’ il lavoro non ci sara’ lo stesso

FORLI' (Forli Cesena)ore 18:44:00 del 27/02/2015 - Genere: Economia, Lavoro, Politica

Riforma Jobs Act: ecco perche’ il lavoro non ci sara’ lo stesso

Riforma Jobs Act: ecco perche’ il lavoro non ci sara’ lo stesso. Critica alla riforma-Renzi

Cosa cambia dopo i decreti attuativi del Jobs act approvati dal governo? Teniamo ben presente un punto: non è il sistema normativo sul lavoro a bloccare le assunzioni, a qualsiasi titolo esse avvengano, ma semmai l’elevata pressione sia fiscale che contributiva alle quali le aziende sono soggette. Un livello di tassazione che rende difficile programmare oltre il breve termine.

Proviamo comunque a fare un po’ di ordine fra i diversi aspetti introdotti dalla riforma. Sono presenti delle disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti che prevedono l’applicazione del contratto a tutele crescenti ai lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato e i licenziamenti collettivi e stabilisce che per “le piccole imprese la reintegra resta solo per i casi di licenziamenti nulli e discriminatori e intimati in forma orale. Negli altri casi di licenziamenti ingiustificati è prevista un’indennità crescente di una mensilità per anno di servizio con un minimo di 2 e un massimo di 24 mensilità (6 per le piccole aziende)”.

Altre disposizioni riguardano il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di occupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati che introduce la Naspi, ossia la nuova assicurazione sociale per l’impiego, l’Asdi (l’assegno di disoccupazione riconosciuto a chi non ha trovato impiego e la Naspi è scaduta), l’indennità di disoccupazione Dis-Col (per i collaboratori). Testo organico semplificato delle tipologie contrattuali e revisione della disciplina delle mansioni in cui vengono eliminati i contratti di collaborazione a progetto (co.co.pro e co.co.co.) e vengono invece confermate queste tipologie: Contratto di somministrazione, Contratto a chiamata, Lavoro accessorio (voucher), Apprendistato, Part-time, Mansioni.

Sono altresì presenti delle disposizioni in materia di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (esame ancora in via preliminare), che riguarda la maternità. Ricapitolando: Il contratto a tutele crescenti – Tutti i nuovi dipendenti di un’azienda saranno assunti con il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, tutele che cioè cresceranno in relazione all’anzianità di servizio. Nelle intenzioni questa modalità di assunzione dovrebbe andare a rimpiazzare tutti i tipi di contratti atipici. L’articolo 18 –  I lavoratori lasciati a casa ingiustamente da un’impresa avranno minori chance di essere reintegrati al loro posto, anche quando fanno ricorso in tribunale contro l’azienda e ottengono una sentenza favorevole del giudice. Prevista, nella maggioranza dei casi, un’indennità sostitutiva.

Mansioni flessibili – Sarà più semplice far passare il lavoratore da una mansione all’altra, compreso il cosiddetto demansionamento, in caso di riorganizzazione, ristrutturazione o conversione aziendale. Il demansionamento introduce per la prima volta la possibilità di far decrescere professionalmente una risorsa all’interno dell’azienda. Riforma Aspi (indennità di disoccupazione) – Il vecchio sussidio di disoccupazione sarà rapportato a quanti contributi il lavoratore ha versato. Chi ha pagato più contributi avrà diritto a una maggior durata dell’Aspi, anche oltre ai 18 mesi massimi fissati fino a ora. L’Aspi sarà esteso anche ai collaboratori, almeno finché queste figure professionali non saranno definitivamente cancellate dal contratto a tutele crescenti. Per chi si troverà nelle situazione più difficili, potrebbe essere introdotto un “secondo Aspi”. Riforma Cig (Cassa integrazione in deroga) – Non si potrà più autorizzare la Cig in caso di cessazione definitiva di attività aziendale. Ci saranno nuovi limiti per la durata sia della cassa integrazione ordinaria (che ora è di due anni) che per quella straordinaria (che è di quattro). L’obiettivo è di assicurare un sistema di garanzia universale per tutti i lavoratori con tutele uniformi e legate alla storia contributiva del lavoratore. Tutela della maternità – Sarà estesa anche alle lavoratrici che non sono assunte con contratto a tempo indeterminato. Poco chiara la modalità in quanto si parla dell’utilizzo di “contratti di solidarietà attivi” che dovrebbero permettere a tutti di conciliare meglio i tempi di lavoro e di vita. Agenzia per l’occupazione – Sarà costituita un’agenzia nazionale per il lavoro, che nelle speranze del governo dovrebbe funzionare come nel modello tedesco, e che dovrebbe farsi carico di conciliare domanda e offerta così come istituito dalle regole di mercato. Perchè il lavoro è un mercato.

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Abruzzo? La Regione piu' CORROTTA d'Italia. LO STUDIO ISTAT
Abruzzo? La Regione piu' CORROTTA d'Italia. LO STUDIO ISTAT
(Forli Cesena)
-

L’11,5% delle famiglie abruzzesi, nel corso della vita, si è sentito chiedere denaro, favori, regali o altro in cambio di servizi e agevolazioni o ha dato soldi e regali in cambio di favori
L’11,5% delle famiglie abruzzesi, nel corso della vita, si è sentito chiedere...

Merkel sugli immigrati? Chiusura dei confini, deportazioni ed espulsioni di richiedenti asilo. ALTRO CHE SALVINI!
Merkel sugli immigrati? Chiusura dei confini, deportazioni ed espulsioni di richiedenti asilo. ALTRO CHE SALVINI!
(Forli Cesena)
-

Altro che Salvini. Le durissime proposte del partito della Merkel sui migranti
In Germania il partito di Angela Merkel, l’Unione cristiano-democratica,...

Bonus asilo nido: come non perdere centinaia di Euro
Bonus asilo nido: come non perdere centinaia di Euro
(Forli Cesena)
-

BONUS ASILO NIDO 2019 - Il contributo, fino a un importo massimo di 1.500 euro su base annua
BONUS ASILO NIDO 2019 - Il contributo, fino a un importo massimo di 1.500...

Rispedire in Libia i migranti? Significa LASCIARLI MORIRE
Rispedire in Libia i migranti? Significa LASCIARLI MORIRE
(Forli Cesena)
-

Quando vengono rispediti a Tripoli finiscono in carcere in condizioni spaventose, senza acqua né cibo per giorni, sottoposti a torture, a rischio di epidemia e alla compravendita
Riportare i migranti in Libia significa salvarli, ripete da mesi il ministro...

I 4 miliardi di tagli alla scuola nascosti dal governo
I 4 miliardi di tagli alla scuola nascosti dal governo
(Forli Cesena)
-

L’istruzione sembra diventata il bancomat dei governi, da cui prelevare risorse ogni volta che ce n’è bisogno
L’istruzione sembra diventata il bancomat dei governi, da cui prelevare risorse...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati