Riposa in pace cara lingua italiana

TARANTO ore 17:30:00 del 13/02/2015 - Genere: Cultura

Riposa in pace cara lingua italiana

Riposa in pace cara lingua italiana. Viaggio nel lessico e nelle abbreviazioni giovanili

Purtroppo, e da tempo, la nostra ricchissima e musicale Lingua Italiana (che molti popoli del mondo ci invidiano) è da tempo a rischio, spesso offesa e vilipesa. Ormai si legge pochissimo, non si scrive quasi più, mentre sono sempre più numerosi i termini importati dall'Estero. Quanto all'uso e abuso della "k" e di altri simboli geroglifici, il fatto era prevedibile. Gran parte di questa abitudine è imputabile alla pratica diffusissima dei cosiddetti messaggini, laddove la brevità è una vera necessità traducibile sia in tempo, sia in denaro.

Il vero problema è che ormai non vi è più l'interesse a comunicare poco e bene bensì si sente la necessità di comunicare il più velocemente possibile, fregandosene della punteggiatura e del lessico. I giovani ormai vivono non per il futuro ma per il presente, dove è più importante la moda e quello che pensano i tuoi pseudo-amici. La scuola diviene un luogo di scontro tra genitori e alunni vs i professori; così che non vi è una collaborazione per il miglioramento della formazione e gli alunni cominciano a fregarsene degli insegnanti e dei genitori.

Con l' ingresso del computer e dei telefonini nella nostra vita, c'è stato un vero e proprio capovolgimento del modo di vivere delle persone, che sentono sempre di più il bisogno di fare tutto velocemente, poiché è la stessa società che ce lo impone, o cerchiamo di "velocizzarci" in tutto oppure veniamo considerati degli emarginati che non riescono a stare al passo con i ritmi "sfrenati" odierni. Le nuove generazioni hanno trovato un loro nuovo modo per esprimersi. Siamo passati da un linguaggio "strutturato" (fatto di libri, giornali...) ad un linguaggio "destrutturato" (fatto di sms, chat, smiles...), dove ciò che realmente importa è guadagnare tempo.

Un passaggio epocale ad una società iconica basata sull'uso delle immagini, basta pensare alla televisione, al computer. Per noi è più semplice avvicinarci in modo "reattivo" alla televisione o al computer, piuttosto che in modo "proattivo" ad un libro, un giornale. Anche le stesse università stanno cambiando la metodologia d' esame per poter risparmiare tempo, usando il compito scritto con domande a risposta multipla. Ovviamente le ripercussioni si avranno sui nuovi laureati, che avranno grandi difficoltà a rapportarsi agli altri, costruire un discorso, affrontare un colloquio di lavoro. La Tecnologia ha i suoi pregi e difetti, come tutte le cose a questo mondo!

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE


-


Alberto Angela da sempre porta la cultura nelle case degli italiani con quel suo...

Lager di Fenestrelle, dove i Savoia DEPORTAVANO i meridionali
Lager di Fenestrelle, dove i Savoia DEPORTAVANO i meridionali

-

La cosa incredibile di questa incredibile storia è che, ancora oggi, ci sono storici – o presunti tali (in Italia, quando c’è di mezzo il risorgimento, la differenza tra storici e presunti tali si assottiglia…) – che negano un’evidenza storica.
La cosa incredibile di questa incredibile storia è che, ancora oggi, ci sono...

Moriranno 6 milioni di ebrei: la profezia gia' nell'800
Moriranno 6 milioni di ebrei: la profezia gia' nell'800

-

C’è il fatto che noi dobbiamo credere vere tutta una serie di cose, e le dobbiamo credere vere senza porci delle domande, perché alle volte il porci delle domande significa avere dei dubbi, che sono secondo me l’unica vera forma di libertà.
C’è il fatto che noi dobbiamo credere vere tutta una serie di cose, e le...

MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno
MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno

-

“Una rivoluzione nell’approccio libero alla cultura”, dicono dal Campidoglio e un chiaro segno di un’apertura nei confronti di residenti e studenti.
Costa 5 euro e a partire da oggi darà accesso gratuito per 12 mesi alle gallerie...

Il 70 per cento degli italiani e' analfabeta (LEGGONO, MA NON CAPISCONO)
Il 70 per cento degli italiani e' analfabeta (LEGGONO, MA NON CAPISCONO)

-

Non è affatto un titolo sparato, per impressionare; anzi, è un titolo riduttivo rispetto alla realtà, che avvicina la cifra autentica all'80 per cento
Non è affatto un titolo sparato, per impressionare; anzi, è un titolo riduttivo...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati