Sicilia ADDIO: 70MILA LAUREATI PARTONO PER NON TORNARE PIU'

(Catania)ore 11:40:00 del 02/12/2017 - Genere: , Cronaca, Denunce, Economia, Lavoro, Sociale

Sicilia ADDIO: 70MILA LAUREATI PARTONO PER NON TORNARE PIU'

All'Isola servirebbero 400 mila nuovi posti di lavoro nel giro di qualche anno

Il dato purtroppo non stupisce, la Sicilia é sempre stata terra di emigranti, anche per via delle difficoltà croniche di tipo economico che la affliggono. Notizie "catastrofiste" di questo tipo si leggono da anni. La novita degli ultimi decenni è che emigrano di più i laureati, ma il dato - oggettivamente significativo- va comunque interpretato, nel senso che dalla emigrazione necessitata, di chi deve andarsene per trovare lavoro (che riguarda soprattutto certe categorie di laureati, come gli ingegneri) bisogna distinguere quella di chi va a vivere altrove per fare lavori che potrebbe fare anche in Sicilia, insomma più per moda (in ossequi al famoso detto "cu nesci arrinesci" che per reale necessità. Una categoria molto nutrita, cui appartengono principalmente i giovani della medio/alta borghesia sicula, cui fin da piccoli viene installata una certa mentalità da emigrante che li porta a fare altrove percorsi professionali che avrebbero potuto svolgere anche in Sicilia: LEGITTIMAMENTE, sia chiaro...ma il dato statistico non tiene conto di simili dinamiche sociali, che - qua come altrove- orientano le scelte dei giovani (mediamente facili da suggestionare e non particolarmente inclini allo pensiero critico) più delle reali necessità.“

È sempre più spaccata tra ricchi e poveri la Sicilia che tra qualche mese tornerà a votare per le Politiche regionali. Lasciandosi alle spalle una “legislatura grigia, anzi quasi nera”, emblematicamente rappresentata dalla Finanziaria cosiddetta light che Palazzo dei Normanni ha varato qualche giorno fa. Anche quest’anno dopo quattro mesi di esercizio provvisorio. “Né più né meno che un’aspirina – dice Mimmo Milazzo, segretario in carica della Cisl Sicilia – somministrata da una politica allo sbando al malato grave che resta la Sicilia”. “All’Isola servirebbero 400 mila nuovi posti di lavoro nel giro di qualche anno”, afferma.

“E servirebbero più investimenti e meno burocrazia. Ma la politica ha ben altre priorità. Tanto più ora, sotto elezioni”. Milazzo ha aperto così, a Palermo, il dodicesimo congresso regionale della confederazione sindacale che vedrà a ruota - questa mattina - l’intervento della leader nazionale Furlan. E precisa: “In Sicilia il reddito medio più elevato percepito dal 20% più ricco dei siciliani è 8,3 volte maggiore del reddito medio più basso su cui può contare il 20% più povero. E il rischio povertà ed esclusione sociale incombe sul 55% della popolazione”. Negli ultimi due anni il Pil regionale è cresciuto, complessivamente, del 3,6%. L’anno scorso di un 1%, un po’ più del dato nazionale (+0,9%). E anche per quest’anno si stima un +1.

“Ma il segno positivo non recupera gli oltre 13 punti percentuali persi negli anni della depressione più nera, dal 2008 al 2015”. Così il reddito medio familiare, in Sicilia, “resta al di sotto di 21 mila euro e oltre il 50% delle famiglie non arriva a un reddito di 18 mila euro annui, meno di 1.500 euro al mese”. Inoltre la disoccupazione giovanile viaggia sopra alla soglia esplosiva del 57%. Insomma, l’Isola che in autunno andrà a votare per Palazzo dei Normanni e Palazzo d’Orleans, “è sempre appesa al filo delle sue contraddizioni strutturali”: dalla povertà ai rifiuti alla pubblica amministrazione ai settori produttivi in affanno. Ai temi delle autonomie locali, dei precari, dei fondi Ue, delle Partecipate e della formazione.

Sono gli emigrati, sono i siciliani “altri” di cui pochi parlano, dimenticati. Prima costretti a partire e poi rimossi. Fantasmi. Eppure loro, immancabilmente, fanno migliaia di chilometri all’incontrario per rivedere i luoghi della gioventù o per conoscere i posti di cui hanno soltanto sentito parlare, gli stessi in cui sono nati genitori, nonni, bisnonni. Tornano per abbracciare parenti magari mai visti ma sempre sentiti intimamente vicini. Nell’entroterra siciliano le piazze tornano a colorarsi delle sfumature di età diverse, si rivedono giovani e appena ex giovani, non soltanto bambini e anziani, estremi di una quotidianità arida.

Tornano sempre, questi siciliani “altri”, perché non c'è amore più forte di quello non corrisposto. E trovano una Sicilia troppo uguale a quella che hanno lasciato. Con gli stessi problemi, dall’acqua che manca alle strade interne polverose e improbabili, mentre ormai in quell’altrove ospitale viaggiano su treni lindi e superveloci.

Trovano, soprattutto, giovani pronti a fare oggi la stessa strada che loro e le loro famiglie fecero ieri e ieri l’altro. E li incrociano non nelle viuzze del paesino arroccato sull’impervio cocuzzolo, ma nelle strade delle città. Dalla valigia di cartone al trolley in cui piegare anche un diploma di laurea, in fondo è cambiato ancora poco per evitare di svuotare questa terra di braccia e cervelli, di prospettive e di sviluppo.

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
Fotografia di un Paese ULTIMO in Europa
Fotografia di un Paese ULTIMO in Europa
(Catania)
-

Perché tanta ipocrisia sul caso della società del papà di Di Maio? Federcontribuenti: ”perché padre e figlio non hanno ritenuto di dover dire la verità che tutti conosciamo?
Perché tanta ipocrisia sul caso della società del papà di Di Maio?...

Incendio Tmb Salario  : nube nera tossica su Roma
Incendio Tmb Salario : nube nera tossica su Roma
(Catania)
-

Incendio all’impianto di trattamento dei rifiuti di via Salaria a Roma, il Tmb al centro di molte contestazioni da parte dei cittadini
Un incendio è divampato all'alba nell'impianto di trattamento...

Perquisizioni in casa Lega per riciclaggio di 49 milioni
Perquisizioni in casa Lega per riciclaggio di 49 milioni
(Catania)
-

Blitz della finanza a Bergamo nella sede dei commercialisti del partito dove è registrata l’associazione Più voci finanziata dal costruttore Luca Parnasi.
Non c'è pace per la Lega di Matteo Salvini. Dopo la notizia dell'indagine sul...

Stipendi italiani 18% in meno rispetto alla media: SALARIO MINIMO SUBITO
Stipendi italiani 18% in meno rispetto alla media: SALARIO MINIMO SUBITO
(Catania)
-

Chi ha una laurea viene retribuito in media il 9,9% in più, valore che sale al +15% nel Nord-Ovest e si riduce al +0,8% nel Mezzogiorno.
Chi ha trovato lavoro nel 2016 ha una paga oraria media di 9,99 euro, più bassa...

Natale 2018: come difendersi dai REGALI TRUFFA
Natale 2018: come difendersi dai REGALI TRUFFA
(Catania)
-

Non più frenetiche passeggiate in centro, auto parcheggiate in doppia fila e lunghe code in libreria.
Non più frenetiche passeggiate in centro, auto parcheggiate in doppia...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati