Social Card INPS 2018 per disoccupati: REQUISITI E COME FARE DOMANDA

(Bari)ore 17:25:00 del 18/07/2018 - Genere: , Guide, Lavoro

Social Card INPS 2018 per disoccupati: REQUISITI E COME FARE DOMANDA

Come fare per richiedere la Social Card INPS 2018? Vediamo nel dettaglio di capire come funziona, chi può fare richiesta ed entro quali termini.

La Social Card INPS permette alle famiglie e alle persone che ne hanno bisogno, di usufruire di una carta sociale che il Governo ha messo a disposizione per tutti quei cittadini in difficoltà economica e finanziaria, o che comunque hanno i requisitiper fare richiesta di un supporto economico. Si tratta di disoccupati, pensionati, famiglie con bambini, che hanno la possibilità entro certi termini di fare richiesta di un simile aiuto; ma come fare per richiedere la Social Card INPS 2018? Vediamo nel dettaglio di capire come funziona, chi può fare richiesta ed entro quali termini.

Social Card INPS 2018, che cos’è e come richiedere

La Social Card è un beneficio fiscale che il sistema sociale dello stato mette a disposizione per le famiglie più povere e in difficoltà; non è stata istituita in questo 2018, ma nel maggio del 2013. È in vigore già da diversi anni, tuttavia da quest’anno è stata rinvigorita dalla legge di bilancio del 2018, visto che sono cambiati alcuni requisiti; l’obiettivo infatti è quello di far mantenere l’aiuto fiscale ai riceventi per più tempo possibile, secondo un principio di costanza del beneficio. La nuova social card 2018 è una sorta di rivisitazione della precedente Carta Sia, anche questa pensata come sostegno finanziario per le famiglie aventi bisogno, e che prevedeva un aiuto economico fino a 400 euro, utilizzabili per le necessità primarie di ogni nucleo familiare, come la liquidità per fare la spesa e pagare le bollette. Ebbene dall’1 gennaio del 2018 il Ministero del Lavoro ha istituito un fondo per garantire un sostegno finanziario al reddito delle famiglie in difficoltà al fine di combattere la povertà, che tramite l’assegnazione di un assegno contribuisce ad una maggiore inclusione sociale. Per questo l’altro nome della nuova Social Card 2018, è Carta REI(reddito di inclusione sociale), ed ha come obiettivo quello di contribuire alla lotta alla povertà, tramite l’inclusione sociale delle famiglie sulla soglia della povertà, cercando di non lasciare indietro nessuno. Consiste in una carta di pagamento elettronica, che prevede la possibilità di effettuare pagamenti e acquisti per le proprie necessità, prelevando anche del denaro liquido; Poste Italiane si occupa di erogarla e può arrivare ad un importo massimo di 539,82 euro al mese, a seconda del reddito del richiedente.

CHI PUO’ RICHIEDERLA?

Se desideri beneficiare della Social Card 2018 i requisiti che devi possedere sono gli stessi necessari per richiedere il Reddito di Inclusione, secondo quanto indicato dal DLgs 147 / 2017 e dalla Circolare Inps n. 172 del 22 novembre 2017, che contiene tutte le informazioni relative alla nuova misura di contrasto alla povertà.

Nello specifico, puoi accedere alla Carta REI se possiedi le seguenti caratteristiche:
– sei cittadino dell’UE o familiare di un cittadino dell’Unione Europea titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi con permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
– risiedi continuativamente in Italia da almeno 2 anni;
– il tuo nucleo familiare ha un valore ISEE non superiore a 6mila euro, un valore ISRE non superiore a 3mila euro e un patrimonio immobiliare (diverso dalla casa di abitazione) e mobiliare (depositi, conti correnti) che non superano, rispettivamente, 20mila e 10mila euro. Quest’ultimo valore è ridotto ad 8mila euro per le coppie e a 6mila euro per le persone sole;
– nessun componente del tuo nucleo familiare percepisce prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria, possiede autoveicoli o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta di Reddito di Inclusione (eccetto quelli per cui sono previste agevolazioni fiscali a favore dei disabili), navi e imbarcazioni da diporto;
– nel tuo nucleo familiare deve esserci almeno un minore, o un disabile con almeno un genitore oppure un tutore, o una donna in stato di gravidanza, o un disoccupato di età superiore a 55 anni.

In base alle risorse economiche aggiuntive stanziate dalla Legge di Bilancio 2018, per le domande ReI presentate a partire dal 1° giugno, e dunque per i benefici erogati a partire dal 1° luglio prossimo, non saranno più richiesti i requisiti familiari e resteranno validi solo quelli economici.

Ricorda che puoi ottenere la carta acquisti solo se hai già sottoscritto, con il tuo Comune o Ambito territoriale, il progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa previsto dalla misura del Reddito di Inclusione, con il quale i beneficiari si impegnano ad effettuare una serie di attività finalizzate a superare la condizione di povertà.

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
L'economia TRUMP VOLA: lavoro per tutti!
L'economia TRUMP VOLA: lavoro per tutti!
(Bari)
-

Ci sono momenti dove il cronista deve tacere a far parlare solo i fatti. E questi fatti sono immensi, gridano vendetta per noi cittadini ridotti da un sistema monetario infame a viver da topi nel perenne terrore delle ire e delle scudisciate del Padrone a
Ci sono momenti dove il cronista deve tacere a far parlare solo i fatti. E...

Prestito d'uso in oro: come funziona
Prestito d'uso in oro: come funziona
(Bari)
-

Il prestito d’uso in oro rappresenta una forma di finanziamento per mezzo della quale l’operatore del settore, in questo caso colui che commercializza o trasforma l’oro, riceve materialmente una certa quantità d’oro fino (lingotti o barre) che impiega all
Il prestito d’uso in oro rappresenta una forma di finanziamento per mezzo della...

La voglia di lavorare? NON ESISTE!
La voglia di lavorare? NON ESISTE!
(Bari)
-

E' giunta l'ora di sfatare una volta per tutte il falso mito della voglia di lavorare perché non esiste una voglia di lavorare.
Il lavoro fin dai tempi antichi ha sempre significato fatica, sacrificio e...

Bruxelles approva aumento TEMPI DI GUIDA PER I CAMIONISTI
Bruxelles approva aumento TEMPI DI GUIDA PER I CAMIONISTI
(Bari)
-

La Commissione europea ha dato il primo voto favorevole per la modifica dell’orario di lavoro dei camionisti.
La Commissione europea ha dato il primo voto favorevole per la modifica...

Neogenitori? SALTATE LA FILA IN TUTTI GLI UFFICI POSTALI!
Neogenitori? SALTATE LA FILA IN TUTTI GLI UFFICI POSTALI!
(Bari)
-

Da questa estate mamme e papà con neonati al seguito avranno la priorità in tutti gli uffici postali italiani
NON VOLETE PIÙ FARE LA CODA ALLE POSTE? FACILE: FATE FIGLI! – I NEOGENITORI CON...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati