Soffri da stress da smartphone? Ecco come CAPIRLO!

(Bologna)ore 18:34:00 del 17/04/2019 - Genere: , Guide, Salute, Tecnologia

Soffri da stress da smartphone? Ecco come CAPIRLO!

Tre consigli semplicissimi per un problema complesso.

Un’estensione della mano, perennemente avvinghiata a digitare, scrollare, fare swipe a destra e sinistra. Un intero universo in espansione all’interno del nostro smartphone: motivo per cui spesso e volentieri ci sentiamo sopraffatti dalle notifiche. Siamo stressati dalla continua consultazione dei telefonini e non riusciamo a distinguere quello che può essere il piacere di una chat con gli impegni di lavoro. Stress da smartphone, tutto qui. E meno male che non ce li sogniamo. Tutto si mescola, tutto ci rende schiavi: più di 3 miliardi di persone nel mondo posseggono almeno un telefonino, quando non addirittura due, e secondo un recente sondaggio pubblicato dalla King University almeno il 50% dei più giovani riconosce di essere dipendente dallo smartphone.

Compulsione nel controllo costante: in media ogni 15 minuti al giorno prendiamo in mano il telefono per verificare di essere stati cercati, se sono uscite nuove notizie, se ci sono mail in attesa o messaggi mancati, per stare sui social. La dipendenza da smartphone va di pari passo con la FOMO, Fear Of Missing Out, il terrore di restare tagliati fuori dai discorsi o di perdersi momenti capitali nel flusso eterno e infinito dei contenuti online. Secondo Imran Rashid e Soren Kenner, autori del libro Offline: Free your mind from smartphone and social media stress, è facile che si soffra inconsapevolmente di quella che loro hanno definito Digital Fragmentation Syndrome, o sindrome della frammentazione digitale. Ma ci sono alcuni trucchi che possono farci tornare ad avere un rapporto più che sano con il nostro cellulare, senza sopraffazioni.

Resisti alle notifiche

Ammettiamolo: sono comodissime quando si tratta di cose importanti. Ma avere il telefono che si illumina in continuazione per gli aggiornamenti delle app, dei giochini, o i like su Instagram e Facebook, è stressante. E frammenta ulteriormente la nostra attenzione, costringendoci a interrompere ciò che stiamo facendo per controllare il telefono e vedere cosa succeda. La soluzione è eliminare le notifiche. Stai già tremando dall’ansia di non essere più reperibile? Togli le più inutili, limiati a tenere quelle di mail e Whatsapp se proprio non ce la fai. Con un piccolo gesto riprenderai il controllo attivo del tuo telefono, scegliendo di usare una app quando realmente ti serve.

Compra una sveglia vecchio stile

Abitudini dure da estirpare: lo scrolling della buonanotte. Secondo Rashid e Kenner, invece, questo andrebbe decisamente evitato. Meglio lasciare il cellulare a caricare in un’altra stanza, magari anche in modalità aereo per non svegliarsi la mattina con l’ansia delle notifiche (se non le hai tolte). E sul comodino, oltre ad un libro o all’e-reader a bassa luminosità, meglio piazzarci una bella sveglia vintage che trillerà al momento giusto.

Calcola il tuo tempo online (e riprenditelo)

Quanto tempo passi al giorno attaccato al cellulare? Ormai gli ultimi iPhone e Android hanno implementato questa funzione, col risultato che si resta sgomenti nel verificare le ore e i minuti che spendiamo controllando in modo compulsivo il telefonino tra social, utilities e ricerche. Riprenditi il tuo tempo e scegli tu quando e quanto usare il cellulare, magari concentrando il momento di consultazione Fb, IG e Twitter a fine giornata o nella pausa pranzo, non oltre. Sarà un modo per staccarsi dal cellulare e accorgersi che c’è qualcos’altro di apprezzabile. Senza per forza doversi cancellare dai social per tornare a vivere.

Da: QUI

Scritto da Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
(Bologna)
-

Oltre il 97% delle persone ricerca informazioni sanitarie online. Ma spesso i risultati sono inaffidabili e portatori d’ansia
SEMPRE PIU' PERSONE ANSIOSE PER RICERCHE MALATTIE SU GOOGLE - 2 americani su 5...

ATP Finals 2019 in TV e in streaming: come vederle
ATP Finals 2019 in TV e in streaming: come vederle
(Bologna)
-

Berrettini - Djokovic è il primo match delle ATP Finals 2019 di tennis. Ecco come vedere l'incontro in TV e in streaming
COME VEDERE LE ATP FINALS 2019 IN STREAMING - A 41 anni dall’ultima volta, un...

Dieta del The' per dimagrire e depurarsi in 1 settimana
Dieta del The' per dimagrire e depurarsi in 1 settimana
(Bologna)
-

Si dice che il tè abbia un impatto positivo sulla linea, soprattutto perché sembrerebbe favorire il consumo energetico e lo smaltimento dei grassi
DIETA DEL THE' PER DIMAGRIRE - Con la Dieta del Thè sapremo perdere peso e...

Cause di morte nel mondo: la top 10
Cause di morte nel mondo: la top 10
(Bologna)
-

E' il cuore la prima causa di mortalità nel mondo
LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE NEL MONDO - Ogni anno, in Europa, oltre quattro...

Xiaomi: ecco le prime smart tv a prezzi popolari
Xiaomi: ecco le prime smart tv a prezzi popolari
(Bologna)
-

Xiaomi rafforza ulteriormente la propria presenza nel mercato televisori (risale solo a ieri il lancio dei Mi TV 5 e 5 Pro in Cina), annunciando una rinnovata serie Mi TV 4 che sarà disponibile anche in Italia a partire dal 2020.
XIAOMI SMART TV A PREZZI ECONOMICI IN ARRIVO - Dopo aver sconquassato il mercato...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati