Taglio numero parlamentari: indovinate chi e' contrario? IL PD!

(Roma)ore 11:45:00 del 11/02/2019 - Genere: , Denunce, Politica

Taglio numero parlamentari: indovinate chi e' contrario? IL PD!

Primo via libera del Senato della Repubblica al disegno di legge costituzionale che prevede il taglio dei parlamentari

Il Senato della Repubblica ha dato il primo via libera al disegno di legge costituzionale di modifica degli articoli 56 e 57 della Costituzione, in materia di composizione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Si tratta del disegno di legge che riduce il numero dei parlamentari, battezzato dal Movimento 5 Stelle “legge taglia-poltrone”.

Nell’aula di Palazzo Madama i voti favorevoli sono stati 185, i contrari 54 e gli astenuti 4. La misura intende portare a 400 il numero dei deputati (dagli attuali 630) e a 200 il numero dei senatori (dagli attuali 315), stabilendo che il numero dei senatori a vita non possa essere in alcun caso superiore a cinque. Calerebbe anche il numero dei parlamentari eletti all’estero, che passerebbero a 12 dai 18 attuali.

Ricordiamo che l’iter di approvazione di una legge costituzionale è abbastanza complesso e prevede un primo via libera da parte di entrambi i rami del Parlamento, seguito da una pausa di almeno tre mesi. Il disegno di legge deve essere approvato nuovamente da entrambi i rami del Parlamento: se l’approvazione arriva con la maggioranza qualificata dei 2/3 di Camera e Senato allora la legge può essere promulgata dal Presidente della Repubblica; se l’approvazione avviene a maggioranza assoluta allora potrà essere chiesto un referendum entro tre mesi.

Legge taglia-poltrone, esulta il Movimento 5 Stelle, critiche dal PD
Il Movimento 5 Stelle rivendica il risultato ottenuto al Senato e parla di traguardo storico. La vicepresidente dell’Aula di Palazzo Madama Paola Taverna prova a quantificare i risparmi: “L'Italia è fra i paesi in Europa col più alto numero di parlamentari, ma siamo vicinissimi a tagliare 345 poltrone, risparmiando più di 300mila euro al giorno”.

Diverse le valutazioni del Partito Democratico, con il capogruppo Marcucci che nei giorni scorsi aveva parlato di rischio per la democrazia: "Il Pd sarebbe ovviamente a favore della riduzione dei parlamentari, è un tema che abbiamo introdotto noi, ma allora dobbiamo anche passare dal bicameralismo perfetto a quello differenziato. Ora il M5S vuole semplicemente rendere inutile il Parlamento. Non è il taglio delle poltrone, ma rischia di essere il taglio della democrazia".

Da: QUI

Scritto da Luca

ALTRE NOTIZIE
City car, elettrica, italiana: perche' darla ai cinesi?
City car, elettrica, italiana: perche' darla ai cinesi?
(Roma)
-

Ecco l’auto elettrica (90km/h – 200 km di autonomia – costo 10.000 € – consumi praticamente 0) che l’Italia non vuole e la Cina Si… Potenza delle lobby del petrolio!
La Askoll di Vicenza da tre anni non trova sostegno e finanziamenti per un...

Benvenuti in Italia, il Paese fondato sugli alibi e l'odio
Benvenuti in Italia, il Paese fondato sugli alibi e l'odio
(Roma)
-

Qual è il Paese in cui più studi, meno lavori? In cui le donne si laureano il doppio degli uomini, ma hanno il record di inattività? In cui gli stranieri laureati hanno paghe dimezzate rispetto ai loro colleghi italiani?
Stranieri, donne, giovani. Nella classifica delle categorie sociali più...

Renzi, nessuna autocritica: il personaggio diventato SCHIAVO di se stesso
Renzi, nessuna autocritica: il personaggio diventato SCHIAVO di se stesso
(Roma)
-

Nessuna autocritica, toni grillini col governo, pubblico è una curva. L'Altra strada è l'eterna riproposizione di sé come progetto politico
Anche la presentazione del libro diventa uno spettacolo populista, che affoga la...

Luigi Di Maio proporra' di allearsi con le liste civiche
Luigi Di Maio proporra' di allearsi con le liste civiche
(Roma)
-

Luigi Di Maio annuncia una rivoluzione interna al Movimento 5 Stelle per quanto riguarda le elezioni locali.
Il Movimento 5 Stelle si appresta a dar vita a una nuova rivoluzione interna,...

Terremoto nel Centro Italia, la ricostruzione e' un DISASTRO: CHE FINE HANNO FATTO LE PROMESSE?
Terremoto nel Centro Italia, la ricostruzione e' un DISASTRO: CHE FINE HANNO FATTO LE PROMESSE?
(Roma)
-

Muffa tossica nelle casette e caporalato nei cantieri post-sisma.
Prima Amatrice, poi Accumoli, infine Arquata del Tronto. Era l’11 giugno...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati