Togliete il VINO A BOERI: 'abbiamo bisogno di piu' IMMIGRATI!'

(Torino)ore 12:25:00 del 09/07/2017 - Genere: , Cronaca, Economia, Sociale

Togliete il VINO A BOERI: 'abbiamo bisogno di piu' IMMIGRATI!'

Levategli il fiasco, l'amico messo all'Inps da Renzi, cerca in qualche modo di giustificare il fallimento del governo dell'amico e dei governi di sinistra sul tema dell'immigrazione.

Levategli il fiasco, l'amico messo all'Inps da Renzi, cerca in qualche modo di giustificare il fallimento del governo dell'amico e dei governi di sinistra sul tema dell'immigrazione. Anni di chiacchiere e prese in giro dell'Europa. In Italia abbiamo più dell'undici per cento di disoccupati e il 37%di disoccupazione giovanile, senza contare le migliaia di ragazzi costretti ad andare all'estero per lavorare. Abbiamo bisogno di lavoro serio non di immigrati, che magari occuperebbero quei posti di lavoro tramite le coop rosse.

Gli immigrati non pagano tasse, sfruttano i servizi sociali e le prebende delle associazioni pelose di lucro, vedi coop. Di lavorare non se ne parla, solo diritti e nessun dovere. Cambi pusher, perché quello attuale gli vende roba tagliata male.

"Non abbiamo bisogno di chiudere le frontiere. Al contrario, è proprio chiudendo le frontiere che rischiamo di distruggere il nostro sistema di protezione sociale.

Siamo consapevoli del fatto che l'integrazione degli immigrati che arrivano da noi è un processo che richiede del tempo e comporta dei costi". Così nella sua relazione annuale il presidente Inps Tito Boeri.

I colpi di sole sono tremendi.E Boeri ne ha preso uno forte. Sta a vedere che i clandestini economici pagano l'INPS.Prima dovranno lavorare a nero,fare posteggiatori, portare carrelli, vendere droga,i venditori sulle spiagge, accattonaggio ecc , e poi , magari, a stipendi minimali, togliendo il lavoro agli italiani. Boeri, basta immigrati.!

Scritto da Samuele

ALTRE NOTIZIE
Governo senza soldi: italiani rischiano di rimanere SENZA MEDICI
Governo senza soldi: italiani rischiano di rimanere SENZA MEDICI
(Torino)
-

In cinque anni 14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medico. È un dato allarmante quello che si disegnerà dal 2023 a causa dei pensionamenti di quasi 45mila camici bianchi, di cui 30mila ospedalieri e 14.908 medici di famiglia.
I CAMICI BIANCHI IN PENSIONE NON VERRANNO BILANCIATI DA ASSUNZIONI. I SINDACATI:...

S'innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni dopo
S'innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni dopo
(Torino)
-

S’innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni dopo
S’innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni...

I cittadini ONESTI pagheranno le bollette degli EVASORI: WELCOME IN ITALY!!
I cittadini ONESTI pagheranno le bollette degli EVASORI: WELCOME IN ITALY!!
(Torino)
-

Se una parte degli italiani non page le bollette elettriche i costi potranno ricadere su chi invece le salda regolarmente. Ovvero, i contribuenti potrebbero trovarsi a pagare di più per coprire l’evasione da parte di altri cittadini.
Se una parte degli italiani non page le bollette elettriche i costi potranno...

Torna la massoneria in Italia: 3000 affiliati NON IDENTIFICABILI
Torna la massoneria in Italia: 3000 affiliati NON IDENTIFICABILI
(Torino)
-

Secondo Agatha Christie, un indizio è un indizio. Due indizi sono una coincidenza. Tre indizi sono una prova. Nell’inchiesta della Commissione parlamentare antimafia sui rapporti fra massoneria e crimine organizzato gli indizi sono 2.993.
Secondo Agatha Christie, un indizio è un indizio. Due indizi sono una...

Dopo la Germania, l'OLANDA: SETTIMANA LAVORATIVA DA 4 GIORNI!
Dopo la Germania, l'OLANDA: SETTIMANA LAVORATIVA DA 4 GIORNI!
(Torino)
-

Ci sono molti italiani vanagloriosi, che fanno a gara a chi lavora di più, la retorica cristiana è ancora forte, insieme a quella figlia della prima rivoluzione industriale.
Ci sono molti italiani vanagloriosi, che fanno a gara a chi lavora di più, la...



Blog Notizie | Richiesta Informaizioni | Sitemap articoli

2013 Blog Notizie - Tutti i diritti riservati